Stonehenge: due scienziati sfatano una controversa teoria

Stonehenge è un monumento di notevole complessità che affascina gli spettatori con il suo magnifico cerchio megalitico e il design a "ferro di cavallo", costruito intorno al 2600 a.C.

0
1188
Stonehenge: due scienziati sfatano una controversa teoria
Stonehenge: due scienziati sfatano una controversa teoria

Stonehenge è un monumento di notevole complessità che affascina gli spettatori con il suo magnifico cerchio megalitico e il design a “ferro di cavallo”, costruito intorno al 2600 a.C.

Nel corso della storia sono state proposte varie ipotesi riguardo al significato e allo scopo di Stonehenge. Attualmente, tuttavia, gli archeologi hanno una migliore comprensione di questo monumento come un “luogo per gli antenati”, situato all’interno di un complesso paesaggio antico che comprendeva molti altri elementi.

Stonehenge non era un calendario solare

Stonehenge non era un calendario solare preistorico, ma serviva principalmente come memoriale per i morti, secondo una nuova ricerca condotta da scienziati che studiano astronomia antica.

Le prime pietre a Stonehenge furono collocate nel sud dell’Inghilterra circa 5.000 anni fa e il monumento fu costruito in più fasi nell’arco di circa 1.000 anni.

Lo scopo di questo monumento è stato oggetto di dibattito per secoli.

In un nuovo studio, pubblicato il 23 marzo sulla rivista Antiquity, i ricercatori contestano le affermazioni fatte lo scorso anno secondo cui Stonehenge funzionava come un calendario solare con 356,25 giorni – quasi esattamente la misura utilizzata per il calendario solare oggi, sosteneva l’autore del precedente studio Timothy Darvill, professore di archeologia ed esperto di Stonehenge presso la Bournemouth University nel Regno Unito.



Tuttavia l’interpretazione di Darvill è stata respinta da due scienziati: il matematico Giulio Magli del Politecnico di Milano e l’astronomo Juan Antonio Belmonte dell’Istituto di astrofisica delle Isole Canarie, che affermano che Stonehenge non era abbastanza preciso da fungere da calendario solare.

Darvill sostiene ancora la sua interpretazione ma Magli e Belmonte hanno dichiarato nel loro ultimo studio che la scoperta dell’anno scorso è “basata su una serie di interpretazioni forzate tra cui numerologia e analogie non supportate con altre culture”.

“Da un punto di vista simbolico, Stonehenge è ovviamente legato ai fenomeni celesti”, ha affermato Magli notando i suoi celebri allineamenti con i solstizi di pieno inverno e di mezza estate. Ma sostiene che “questo è ben lungi dal dire che è stato usato come un calendario gigante”.

Pietre antiche

Nel suo studio del marzo 2022, Darvill ha dichiarato che l’anello di gigantesche pietre “sarsen” (derivato dalla parola inglese medievale “saracen”, che significa “pagano”) collocato a Stonehenge intorno al 2500 a.C. potrebbe aver funzionato come un calendario solare, forse per determinare i giorni di festa o per rafforzare il potere politico dimostrando un “controllo” del cosmo.

Ad esempio, gli archeologi pensano che originariamente ci fossero 30 pietre erette nel cerchio principale di Stonehenge – anche se ora ne rimangono solo 17 – e Darvill sostiene che avrebbero potuto corrispondere a un “mese” di 30 giorni; mentre i cinque “triliti” interni – due pietre erette sormontate da un architrave – potrebbero aver rappresentato i cinque giorni di ogni anno rimanenti dopo aver contato 12 mesi.

Il design di Stonehenge potrebbe essere stato influenzato dai calendari solari usati a quel tempo nel Vicino Oriente – tra cui l’antico calendario egiziano – che implicherebbe una connessione culturale tra di loro, forse da viaggiatori di lunga distanza, ha aggiunto Darvill.

Ma Magli e Belmonte sostengono che il cerchio delle pietre erette non fosse abbastanza preciso per determinare la durata dell’anno; che niente a Stonehenge incarna i 12 mesi dell’anno; e che non ci sono prove di uno scambio culturale tra l’antica Britannia e l’antico Vicino Oriente.

Monumento megalitico

Gli archeologi ora suppongono che lo scopo principale di Stonehenge fosse come parte di un paesaggio cerimoniale preistorico costruito in memoria di morti ancestrali; gli scavi mostrano che molte parti diverse del vasto complesso megalitico furono utilizzate per le sepolture per centinaia di anni. Magli ha affermato che questo potrebbe spiegare il suo allineamento con il solstizio d’inverno, che sembra essere stato un’importante data annuale relativa ai morti in alcune religioni preistoriche. Ma mentre l’allineamento del solstizio annuale è evidente, il numero relativamente basso di pietre e la loro imprecisione significava che Stonehenge sarebbe stato troppo impreciso per essere usato come calendario, ha detto.

Darvill continua a sostenere che le ultime critiche non confutano i suggerimenti formulati nel suo documento del 2022.

“Quello che dicono non mina il modello essenziale delle strutture “sarsen” a Stonehenge costruite come manifestazione di un calendario solare perpetuo”, ha dichiarato in una nota.

Ma alcuni archeologi concordano con lo studio di Magli e Belmonte e non sono convinti dall’idea di Darvill.

“Tutto ciò mostra davvero quanto sia facile leggere le divisioni del calendario nell’architettura di Stonehenge e quanto sia indimostrabile”, ha concluso Matt Leivers, consulente archeologo presso Wessex Archaeology nel Regno Unito che ha studiato Stonehenge per decenni ma non è stato coinvolto in nessuno dei due studi.

Fonte: Antiquity

2