Lanci spaziali: riepilogo dei prossimi tra America e Asia

I prosimi anni saranno all’insegna dei lanci spaziali. A breve, la Cina tornerà sulla Luna con la missione Chang’e-6, effettuando il primo tentativo in assoluto di raccogliere campioni da un sito sul lato opposto, vicino al Polo Sud lunare. SpaceX ha previsto, inoltre, di mantenere il suo ritmo elevato con il lancio, a lungo ritardato, dei satelliti WorldView Legion dallo Space Launch Complex 4E (SLC-4E) presso la base spaziale di Vandenberg (VSFB) in California. 

lanci spaziali

Lanci spaziali: sospeso quello del Falcon 9

Originariamente previsto per il lancio da SLC-4E al VSFB il 17 aprile, un Falcon 9 doveva trasportare due satelliti con un massa totale di 1.500 chilogrammi in un’orbita eliosincrona. Questo primo tentativo di lancio è stato posticipato il giorno prima di quello ufficiale e riprogrammato per mercoledì 24 aprile, prima di essere nuovamente rinviato. SpaceX non ha commentato il motivo dei ritardi, ma il decollo è ora previsto per mercoledì 2 maggio alle 11:30 PDT (18:30 UTC), all’inizio di una finestra di lancio di 54 minuti. Si prevede che il booster, che deve ancora essere confermato, ritorni ad atterrare sulla piattaforma di atterraggio 4 situata a circa 400 metri dalla piattaforma di lancio.

lanci spaziali

La funzione dei satelliti

La costellazione di satelliti WorldView Legion è stata progettata e costruita internamente presso le strutture dell’azienda a Palo Alto e San Jose, in California. DigitalGlobe, che è stata successivamente rilevata da Maxar, ha annunciato per la prima volta la scelta di SpaceX come fornitore di lancio nel 2018, quando inizialmente era stato previsto il lancio dei satelliti in due blocchi da sei. I ritardi legati all’hardware, così come la complessità della tecnologia, hanno causato diversi contrattempi. La costellazione pianificata sarà ora composta da sei satelliti in totale che verranno lanciati in coppia e si muoveranno su orbite polari e di media inclinazione.

lanci spaziali
La stazione spaziale ha acceso i propulsori per evitare la spazzatura spaziale russa

I satelliti sono i primi a utilizzare una nuova piattaforma bus Maxar serie 500 con migliore stabilità, agilità e precisione di puntamento. Una volta completamente dispiegati, occuperanno un’orbita di circa 500 chilometri di altitudine, fornendo immagini ad alta risoluzione di 30 centimetri e immagini multispettrali a otto bande attraverso 15 visite al giorno sulle regioni più attive del mondo. I satelliti triplicheranno la copertura dell’azienda con una risoluzione di 30 centimetri, catturando cinque milioni di chilometri quadrati di immagini ogni giorno. I satelliti sono progettati con una durata di vita di 10 anni.

lanci spaziali

Le applicazioni includeranno il supporto alle missioni di sicurezza nazionale per il monitoraggio e la sorveglianza di potenziali minacce a terra o la verifica delle sanzioni e dei trattati applicati. I satelliti forniscono anche una varietà di funzioni di monitoraggio marittimo, come la sorveglianza dei disastri naturali, dell’inquinamento e delle fuoriuscite di petrolio fino al rilevamento di pesca illegale, pirateria, contrabbando di droga o traffico di esseri umani. Utilizzando algoritmi di intelligenza artificiale, i satelliti WorldView Legion possono supportare la capacità di rilevare, identificare e rispondere rapidamente ad attività sospette. Maxar ha collaborato con il suo partner Raytheon per sviluppare un telescopio più piccolo che richieda meno energia.

Dopo il successo di Chang’e-5 nel 2020, la Cina sta inviando Chang’e-6 per una missione sul lato nascosto della Luna per raccogliere alcuni campioni di terreno. Chang’e-5 aveva precedentemente restituito 1.731 grammi di campioni, incluso un nucleo profondo un metro da un sito nell’emisfero settentrionale del nostro satellite.

Il sito di atterraggio proposto si trova nella porzione meridionale del cratere Apollo, che a sua volta si trova all’interno del più ampio bacino d’impatto del Polo Sud-Aitkin (SPA), sul lato nascosto della Luna. Si spera che i campioni raccolti dall’area target possano includere materiale del mantello lunare espulso dall’impatto originale che ha creato il bacino SPA. Il cratere Apollo è stato chiamato così 1970 in seguito allo sbarco dell’Apollo 11 nel 1969. Robert Grant Aitken era un astronomo da cui ha preso il nome il grande bacino d’impatto. Questi crateri sono stati usati come identificatori di navigazione dall’equipaggio dell’Apollo 17.

La storia dei lanci spaziali

La storia dei lanci spaziali è un’epica avventura umana che ha visto progressi sorprendenti nel corso degli anni. I primi lanci spaziali sono stati realizzati durante la guerra fredda tra Stati Uniti e Unione Sovietica. Il 4 ottobre 1957, l’Unione Sovietica ha messo in orbita il primo satellite artificiale, lo Sputnik 1, seguito poi dal lancio del primo essere umano nello spazio, il cosmonauta Yuri Gagarin, il 12 aprile 1961.

Il 20 luglio 1969, gli Stati Uniti hanno compiuto un’impresa epocale con l’allunaggio della missione Apollo 11, quando Neil Armstrong e Buzz Aldrin hanno cammintao sulla Luna. Questo evento ha segnato il culmine della corsa allo spazio tra USA e URSS. Dagli anni ’70 in poi, l’attenzione si è rivolta all’esplorazione del Sistema Solare. Le missioni Voyager hanno esplorato i pianeti esterni, mentre la sonda Mariner ha studiato Marte. Nel 1976, le missioni Viking hanno inviato le prime sonde a Marte.

Negli anni successivi, numerose agenzie hanno effettuato lanci spaziali per scopi diversi, tra cui l’invio di satelliti per telecomunicazioni, missioni scientifiche e l’assemblaggio di stazioni spaziali come la ISS (International Space Station).

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Infezioni urinarie: in arrivo un vaccino per prevenirle?

Le infezioni urinarie rappresentano una delle condizioni mediche più...

Beta finale di Android 15: diagnostica efficace per tutti

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Google Pixel 9 Pro Fold: arriva l’AI sul nuovo modello

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

HIV: il 7°paziente guarisce grazie al trapianto di cellule staminali

Un uomo tedesco di 60 anni è probabilmente la...

Guerra del Golfo: scoperta la causa della malattia nei veterani

Uno studio della Griffith University ha rivelato che la...

Offerte Amazon di oggi: mini frigo portatili super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi vorrei proporti i...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Articoli correlati

Popular Categories