Bug in contro bug out: perché la tua casa deve essere la scelta predefinita

La tua casa è sempre la scelta predefinita su dove superare un'emergenza: te ne allontanerai solo se i vantaggi di andartene supereranno di gran lunga quelli di restare in un ambiente noto dove sai esattamente cosa hai e dove

0
1301
Bug in contro bug out: perché la tua casa deve essere la scelta predefinita

Un errore comune e pericoloso che le persone commettono durante la preparazione agli eventi avversi è concentrarsi troppo sull’uscire e pensare di poter decidere in anticipo – prima che si verifichi una particolare emergenza – se stare in casa o altrove quando sarà il momento.

Ad esempio, sentiamo persone dire cose come “Ho intenzione di scappare, quindi non ho bisogno di avere acqua per due settimane in casa“. È sbagliato fare qualsiasi affermazione o avere linea di pensiero simile che configuri una scelta predeterminata. È particolarmente un problema quando le persone si fissano su questa idea e non prevedono di poter rimanere bloccati in casa e quindi nonsi occupano di effettuare almeno una preparazione di base (ad es. avere scorte d’acqua a casa).

Una delle regole migliori per i prepper è ammettere e accettare il fatto di non poter prevedere quali saranno le circostanze che determineranno un’emergenza. Devi avere ben presente che non puoi sapere in anticipo quale sia il posto migliore per superare quell’emergenza? Non puoi.

Parte del motivo per cui questa è una trappola mentale comune è che le persone sentono di dover fare qualcosa durante una crisi, soprattutto a causa delle fantasie dei media sull’SHTF.

Ma i dati parlano chiaro: di solito si tratta di un’idea sbagliata.



E, se siamo onesti, la storia dice che gli uomini hanno maggiori probabilità di commettere questo errore rispetto alle donne. Anche inconsciamente, il desiderio primordiale di agire può prevalere sulla logica.

La tua casa è sempre la scelta predefinita su dove superare un’emergenza: te ne allontanerai solo se i vantaggi ottenibili allontanandotene supereranno di gran lunga quelli dati dal rimanere nella propria casa, ovvero in un ambiente ben conosciuto di cui dovresti già conoscere a menadito i punti deboli ed i punti di forza.

Ciò significa che devi prepararti sia per stare a casa che per essere lontano da casa. Se riesci a gestire solo l’una o l’altra alternativa, non sei preparato.

pantry bug in CC

Anche se la tua situazione familiare non è eccezionale, la tua casa è la scelta migliore perché:

  • Hai il diritto di esserci.
  • Ci sono la gran parte delle tue scorte; sia quelle di emergenza che le cose della vita normale. Di solito è impossibile portare con sé tutto ciò di utile che si può tenere in casa.
  • Conosci il quartiere, le risorse vicine, le vie di fuga, ecc.
  • La comunità è importante nella maggior parte delle emergenze, quindi è sempre una buona idea rimanere dove già conosci e ti fidi delle persone, e loro ti conoscono e si fidano di te.
  • Di solito, hai il diritto all’autodifesa preventiva nella tua casa. Quando sei lontano da casa, la legge pone limiti restrittivi sulla forza consentita per l’autodifesa.
  • Conosci la tua casa come nient’altro; nel caso tu abbia bisogno di nasconderti o proteggere qualcosa di prezioso, improvvisare qualcosa di nuovo, rompere i mobili per la legna da ardere, ecc.
  • È uno dei posti più facili dove possono trovarti amici e parenti quando le comunicazioni non funzionano.
  • Potrebbe esserci uno scenario in cui i residenti in buona fede vengono evacuati, vaccinati e così via, quindi potresti avere un vantaggio trovandoti in casa.
  • Ci sono meno incognite sulla sopravvivenza a casa rispetto alla sopravvivenza in un altro luogo. Sai cosa è in grado di gestire il tuo sistema di filtraggio dell’acqua, ad esempio, piuttosto che cercare di indovinare le capacità di un filtro che trovi o realizzi sul campo.

Dovresti fare la scelta di andartene o stare lontano da casa solo quando c’è una ragione specifica e significativa per farlo.

Esempi di buoni motivi per allontanarsi da casa

  • Sai che sta arrivando un pericolo serio, come un uragano di categoria 5 che tra tre giorni spazzerà la zona in cui si trova la tua casa.
  • La tua casa è fisicamente pericolosa, per esempio dopo un terremoto che ha danneggiato la tua casa, lo stesso vale per incendi e alluvioni.
  • Qualcuno ti sta prendendo di mira in modo specifico (ad es. una situazione di violenza domestica) e stare lontano da casa ti rende più sicuro.
  • I rifornimenti critici che avevi a casa sono spariti e non puoi più trovarli dopo aver esplorato l’area vicina.
  • Sono in corso disordini civili nella zona e sono già iniziati violenze e saccheggi.
  • Accade qualcosa mentre sei lontano e dovresti attraversare aree super pericolose per tornare a casa.
  • Devi raggiungere un punto di raccolta della protezione civile perché le trasmissioni del governo hanno avvisato espressamente di allontanarti dalla zona e non ci sono aiuti in arrivo.

Come faccio a sapere quando è il momento di allontanarmi da casa?

Si tratta di una domanda comune che, però, non ha una buona risposta. La vera risposta è adeguarsi agli eventi, utilizzando consapevolezza e giudizio situazionali.

Il desiderio di una risposta o di una lista di controllo universali ha senso: eliminerebbe molte ambiguità e rischi da questa decisione se si potesse semplicemente seguire un quadro 1-2-3. Ma le cose non funzionano così.

Se i funzionari del governo ti dicono espressamente di lasciare la zona, seguire il consiglio probabilmente è una buona idea. Ci sono troppe storie di persone che nascondono la testa nella proverbiale sabbia, restando a casa quando era chiaro che avrebbero dovuto scappare. È anche egoistico, dal momento che quelle persone ora dipendono dagli altri per salvarle da un problema prevenibile.

Anche in eventi estremi e improbabili, come un primo contatto con gli alieni o uno scenario Gerico in cui armi nucleari esplodono nelle vicinanze, non devi necessariamente prendere la borsa e partire. Se ti trovi nella zona di ricaduta delle radiazioni o gli invasori alieni stanno scendendo a terra fulminando tutti con le pistole a raggi, allora certo, vattene. Ma potrebbero esserci molte circostanze in quegli stessi eventi in cui restare fermi è meglio che andarsene.

Immaginate di vivere a Roma e esplode una pandemia improvvisa super contagiosa che uccide tutti coloro che colpisce – un vero e proprio scenario in stile Io sono leggenda o World War Z. È ragionevole pensare che “essere in una città densa e piena di gente è pericoloso“.

Idealmente ti sei preparato bene e potresti facilmente chiuderti nel tuo appartamento per almeno alcune settimane. Non è intrinsecamente più sicuro che uscire, dove corri un grosso rischio di imbatterti in altre persone e non sai se dove finirai è sicuro e ben fornito come casa tua? Dopotutto, milioni di altre persone in città probabilmente stanno facendo la stessa cosa correndo verso la campagna.

Due esempi specifici di quando potresti scegliere di lasciare quell’appartamento in città in questo scenario:

  • Viene comunicato che la malattia si trasmette attraverso l’aria in modo tale che, anche se sei rinchiuso in casa, hai ancora troppe probabilità di prenderla semplicemente respirando.
  • Puoi agire in anticipo, essendo informato sulla pandemia in arrivo prima che le cose sfuggano di mano a livello locale e hai un luogo sicuro noto dove andare e sei sicuro della tua capacità di arrivarci prima che la situazione precipiti.

Le posizioni di bug out sono punti che i prepper avanzati scelgono e persino forniscono in anticipo. In questo modo, se hanno bisogno di lasciare improvvisamente la propria casa, hanno un posto rifornito dove andare invece di improvvisare.

Va bene, ma è una tentazione che può portarti fuori strada. Avere un un rifugio pronto potrebbe rendere allettante lasciare lo scenario pandemico in città: “Ho un posto isolato e ben fornito dove andare!” – ma non cambia i pericoli che dovresti affrontare dal momento in cui esci di casa fino a quello in cui ci arrivi.

Cosa succederebbe se la strada per il tuo rifugio non è più sicura o praticabile e resti bloccato lontano da casa e dal rifugio esterno?

Sono molti i fattori da considerare prima di decidere se restare a casa o allontanarsene. Idealmente restare nella propria casa è spesso la scelta migliore ma questo vale sempre?

No, e lo vedremo meglio nel prossimo articolo.

2