Utilizzare Starship per recuperare i campioni da Marte

La Nasa sta valutando di sfruttare la navicella spaziale Starship di SpaceX per risolvere l’annosa questione della missione Mars Sample Return (MSR), ovvero portare sulla Terra i campioni rocciosi raccolti dal rover Perseverance su Marte.

Starship: oggi 14 Marzo 2024 il 3° lancio a partire dalle 12.00 (segui lo streaming), Starship IFT-3

Starship: la candidata ideale per il recupero dei campioni rocciosi marziani

Nel 2023 un comitato di revisione indipendente si è opposto al budget “irrealistico” della missione Mars Sample Return, alla progettazione altamente complessa della missione e agli evidenti fallimenti gestionali.

All’inizio del 2024, i tagli al budget hanno costretto il Jet Propulsion Lab dell’agenzia a licenziare ben 530 dipendenti, con i leader della NASA che si affrettano per evitare che la missione MSR imploda completamente.

Starship, un successo quasi completo il terzo lancio, Starship IFT-3

L’agenzia spaziale statunitense ha annunciato che solleciterà proposte da parte dell’industria spaziale privata per “progetti innovativi” per trasportare campioni raccolti e imballati dal suo rover Perseverance negli ultimi due anni, utilizzando navicella spaziale Starship di SpaceX che potrebbe essere proprio all’altezza.

La Starship ha il potenziale per riportare un notevole tonnellaggio da Marte entro circa cinque anni“, ha suggerito il CEO di SpaceX Elon Musk in un tweet.

Starship potrebbe semplificare significativamente l’impresa

Casey Dreier, consigliere senior per la politica spaziale della Planetary Society, ha dichiarato a SA che il sistema di lancio della Starship di SpaceX potrebbe essere il veicolo perfetto per il lavoro, sottolineando che la NASA sta già pianificando di utilizzare il razzo per portare gli astronauti sulla superficie lunare per il suo programma Artemis.

Sta incoraggiando le aziende a utilizzare le infrastrutture costruite per Artemis. L’unica conclusione che si può davvero trarre è che sperano che Starship in qualche modo sia la soluzione qui. Probabilmente potresti semplicemente far rotolare Perseverance su Starship e tornare sulla Terra“, ha aggiunto Dreier.

L’ex capo scienziato della NASA Jim Green, che ha contribuito a creare MSR presso l’agenzia, ha convenuto che avrebbe potuto avere senso “sfruttare risorse che non avevamo” quando il piano è stato ideato per la prima volta.

C’è un numero sorprendente di aziende interessate quando si tratta dell’attuale piano della NASA di recuperare campioni dalla superficie di Marte, come un veicolo interplanetario di Rube Goldberg che ha già richiesto una quantità astronomica di finanziamenti e anni di pianificazione.

Inutile dire che la Starship in grado sia di atterrare che di decollare dalla superficie marziana potrebbe contribuire a semplificare significativamente l’impresa.

SpaceX: sarà un test estremo il volo di prova della terza Starship, Starship IFT-3

Anche se nessuno sa davvero se la Starship potrà mai essere utilizzata per raccogliere campioni dal Pianeta Rosso (SpaceX deve ancora portarla nello Spazio e riportarla intera) è un barlume di speranza per una missione costosa con uno spettacolare potenziale profitto scientifico.

Ci sono aspetti dell’evoluzione del sistema solare che possono essere risolti solo attraverso il ritorno di campioni da Marte“, ha detto a SA lo scienziato planetario Jack Mustard della Brown University: “Avere campioni databili da un altro corpo planetario per rispondere a questa domanda sarebbe incredibile”.

Che cos’è la Starship?

La navicella spaziale Starship e il razzo Super Heavy di SpaceX, collettivamente denominati Starship, rappresentano un sistema di trasporto completamente riutilizzabile progettato per trasportare sia l’equipaggio che il carico nell’orbita terrestre, sulla Luna, su Marte e oltre. Starship è il veicolo di lancio più potente al mondo mai sviluppato, in grado di trasportare fino a 150 tonnellate metriche completamente riutilizzabili e 250 tonnellate metriche sacrificabili.

Starship, Starship IFT-3

Essendo il sistema di lancio più potente mai sviluppato, Starship sarà in grado di trasportare fino a 100 persone su voli interplanetari di lunga durata. La navicella aiuterà anche a consentire la consegna dei satelliti, lo sviluppo di una base lunare e il trasporto punto a punto qui sulla Terra.

Starship sfrutta i veicoli cisterna per riempire la navicella spaziale nell’orbita terrestre bassa prima della partenza per Marte. Il rifornimento in orbita consente il trasporto di un massimo di 100 tonnellate fino a Marte. E se la nave cisterna ha un’elevata capacità di riutilizzo, il costo primario è proprio quello dell’ossigeno e del metano, che è estremamente basso.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

In Tendenza

In che modo lo spray anti-THC garantisce la tua tranquillità?

La cannabis è diventata un argomento di preoccupazione per...

Carburante sostenibile: progettato un nuovo metodo per generarlo

Un team di ricercatori ha dimostrato che l'anidride carbonica,...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Google Pixel 9 Pro Fold: arriva l’AI sul nuovo modello

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

TeraNet: laser spaziali per velocità internet 1000x

La 'TeraNet' della University of Western Australia, una rete...

Articoli correlati

Popular Categories