SHTF: come affrontare una grave emergenza

SHTF è l'acronimo di "shit hits the fan" ovvero "quando la cacca finisce nel ventilatore"... Sicuramente molto colorito ma rende benissimo l'idea dell'immediatezza di un evento che colpisce indistintamente e all'improvviso e le cui conseguenze non sono affatto belle...

0
204
SHTF: come affrontare una grave emergenza

SHTF è l’acronimo di “shit hits the fan” ovvero “quando la cacca finisce nel ventilatore”… Sicuramente molto colorito ma rende benissimo l’idea dell’immediatezza di un evento che colpisce indistintamente e all’improvviso e le cui conseguenze non sono affatto belle…

Dal punto di vista temporale, l’ Evento è il momento che separa due fasi importanti: il prima “quando tutto andava” e il dopo “quando tutto è diventato un problema”.

Sei preparato per un evento SHTF? In caso contrario, è necessario iniziare da subito a pianificare come comportarsi. Le prove e le tribolazioni sono la regola dell’esistenza umana; la prosperità e la civiltà sono l’eccezione.

Continuare a pensare che non possa succedere nulla di brutto è pericolosamente miope.

Dal punto di vista di un prepper, un evento SHTF è qualsiasi evento catastrofico che provoca il collasso della società. Potrebbe trattarsi di un disastro naturale, di un collasso economico, di un attacco terroristico o di disordini civilima in tutti i casi ciò significa che i servizi su cui facciamo affidamento per tenere insieme la civiltà e lo Stato di diritto non saranno più disponibili.



In tempi come questi sopravvivranno solo i duri, i forti, i preparati e gli eccezionalmente fortunati. Se non sei preparato, le tue possibilità di sopravvivenza non sono buone. In questo articolo discuteremo i passaggi fondamentali da eseguire per prepararsi a un evento SHTF.

Quali sono gli eventi SHTF più probabili?

Ci sono molti potenziali eventi SHTF. Questi sono quelli che possiamo considerare più probabili:

  • Un disastro naturale come un uragano, un tornado, uno tsunami, un incendio o un terremoto
  • Una crisi finanziaria che provoca un collasso economico diffuso
  • Disordini civili causati dall’instabilità politica o dall’ingiustizia sociale
  • Un attacco informatico che paralizza le infrastrutture critiche
  • Un’interruzione di corrente a lungo termine
  • Un EMP
  • L’eruzione di un supervulcano
  • Un’epidemia diffusa a livello mondiale (pandemia)

Tra i meno probabili possiamo elencare:

  • Guerra nucleare
  • impatto di un grade asteroide o una cometa
  • Invasione aliena

Tutti questi eventi potrebbero avere conseguenze terribili sulla società, persino sul mondo.

Il prezzo in termini di vite umane, proprietà e materiali può essere enorme, dal livello locale a quello nazionale. Come si può sopravvivere a una cosa del genere? Come puoi prepararti?

Comprendere la tua specifica vulnerabilità agli eventi SHTF

Non importa il tipo di incidente che potresti dover affrontare, generalmente ti preparerai ad affrontare l’eventualità come faresti con qualsiasi altro problema indeterminato.

Capire la minaccia

Il primo passo è informarsi sulla minaccia specifica. Quali sono le probabilità che ciò accada? Quali sarebbero le conseguenze se ciò accadesse? Quanto tempo hai per prepararti?

Identificazione dei rischi

Una volta compresa la minaccia, è necessario identificare i rischi specifici. Quali parti del paese o del mondo sono più vulnerabili? Quali sono le tue vulnerabilità specifiche?

In che modo l’evento ti farà male? È direttamente pericoloso o lo è soprattutto a causa delle conseguenze di secondo e terzo ordine? Quanto velocemente può arrivare o verificarsi?

Rispondere correttamente e rapidamente

Il passo successivo è rispondere all’evento. Il modo in cui risponderai e quanto sarà accurata la tua valutazione dell’evento determineranno probabilmente il tuo risultato. Ciò include sia piani a breve che a lungo termine.

Cosa devi fare immediatamente? Cosa puoi rimandare a più tardi? Come otterrai informazioni sull’evento nel suo svolgersi per perfezionare ulteriormente la tua risposta? Su chi farai affidamento per chiedere aiuto?

Sostenere le necessità di sopravvivenza

All’indomani dell’evento, il ritorno alla “normalità” potrebbe richiedere giorni, settimane, mesi o addirittura anni. Dovrai prenderti cura di te stesso e dei tuoi cari fino a quel momento.

Ciò significa avere e continuare a fornire cibo e acqua, alloggio, vestiti, forniture mediche, sicurezza e tutte le altre necessità di vita. Come realizzerai questo nella tua zona o altrove?

Le fasi di preparazione all’SHTF

Parlare della tua vulnerabilità a tutti i tipi di incidenti, disastri e minacce può farti sentire stordito e un po’ nauseato. C’è tanto che può essere sbagliato. Come si può iniziare dopo essersi resi conto che il mondo non sarà sempre amichevole?

Non esiste una risposta valida per tutti, ma è una buona idea iniziare dividendo la preparazione all’SHTF in tre fasi: preparazione a breve termine , medio termine e lungo termine.

Prepararsi per il breve termine significa avere a disposizione forniture e piani per resistere fino a due settimane senza alcun aiuto esterno. Significa avere cose come cibo, acqua, forniture di primo soccorso e articoli di autodifesa.

Prepararsi per il medio termine significa disporre di forniture e piani per superare fino a due mesi senza alcun aiuto esterno. Ciò significa avere scorte di alimenti a lunga conservazione, scorte di carburante, fonti alternative di energia, considerazioni igienico-sanitarie, ecc.

Prepararsi a lungo termine significa disporre di risorse e piani per superare un periodo di tempo indefinito senza alcun aiuto esterno. In questo caso sarà necessario disporre di una fonte di cibo sostenibile, un rifugio alternativo, strategie di autodifesa che non si basano sulla società, ecc.

L’importante è iniziare con la fase che più si applica alla tua situazione attuale e procedere verso l’alto. Non provare a fare tutto in una volta: è impossibile e non necessario.

Fai un passo alla volta e presto sarai pronto a tutto! Ricorda: tutto quello che puoi fare è quello che puoi fare con quello che hai.

Preparazione a breve termine: sicurezza, cibo e acqua, alloggio

Uno degli aspetti più importanti della preparazione a breve termine è garantire sicurezza, cibo, acqua e riparo.

La sicurezza è la protezione fisica da una minaccia specifica, che si tratti di persone, di un disastro naturale o di un evento o incidente creato dall’uomo. Devi avere abbastanza cibo e acqua per resister almeno due settimane. Hai bisogno di un riparo per proteggerti dall’esposizione agli elementi, in particolare dal freddo.

Sicurezza: in uno scenario SHTF, probabilmente non ci saranno polizia o militari a proteggerti. Dovrai essere in grado di difendere te stesso, la tua famiglia e le tue proprietà da saccheggiatori e altri criminali, ciò significa che avrai bisogno di armi e addestramento su come usarle. Dovresti anche avere un piano per fortificare la tua casa contro gli intrusi.

Cibo e acqua: una delle prime cose che scompariranno in uno scenario SHTF sono il cibo e l’acqua. Devi averne abbastanza per durare tu e la tua famiglia almeno per alcune settimane. Se possibile, dovresti anche avere un modo per purificare l’acqua e coltivare il tuo cibo.

Rifugio: in uno scenario SHTF, la tua casa potrebbe non essere sicura. Potrebbe essere necessario rifugiarsi in un luogo sicuro o costruire un rifugio per proteggersi dagli elementi. In ogni caso, dovrai avere delle scorte a portata di mano per mantenere te stesso e la tua famiglia al sicuro e a vostro agio.

Preparazione a medio termine: conservazione degli alimenti, conservazione del carburante, energia alternativa, servizi igienico-sanitari

Una volta che ti sei preso cura delle tue esigenze di sicurezza di base, cibo, acqua e alloggio, puoi iniziare a concentrarti sulla preparazione a medio termine. Ciò implica la preparazione per un evento o uno scenario a lungo termine in cui non è disponibile un aiuto esterno.

Conservazione degli alimenti: una delle cose più importanti che puoi fare in uno scenario SHTF a medio termine è immagazzinare cibo sufficiente per almeno due mesi.

prepper

Dovresti anche avere un modo per cucinare quel cibo senza fare affidamento su fonti di energia esterne.

Stoccaggio del carburante: in uno scenario SHTF a medio termine, il carburante sarà molto richiesto e potrebbe essere difficile da reperire. È necessario averne abbastanza per almeno due mesi.

Energia alternativa: se la corrente viene a mancare in uno scenario SHTF a medio termine, rimarrai senza luce, calore e refrigerazione. È necessario disporre di un piano per generare la propria energia o accedere a fonti di energia alternative.

Servizi igienico-sanitari: in uno scenario SHTF a medio termine, i servizi igienico-sanitari potrebbero diventare un problema. È necessario disporre di piani per affrontare le infestazioni di rifiuti, acque reflue e parassiti.

Preparazione a lungo termine: fonte di cibo sostenibile, rifugio alternativo, strategie di autodifesa di gruppo

Una volta che ti sei preso cura delle tue esigenze di sicurezza di base, cibo, acqua e alloggio, puoi iniziare a concentrarti sulla preparazione a lungo termine. Ciò implica l’eventualità di prepararsi per uno scenario in cui l’aiuto esterno non è disponibile e potrebbe non essere mai più disponibile.

Fonte di cibo sostenibile: in uno scenario SHTF a lungo termine, dovrai trovare un modo per sostenerti senza fare affidamento su fonti di cibo esterne. Ciò significa coltivare il proprio cibo o accumulare cibo che non richieda refrigerazione o manipolazione speciale.

Riparo alternativo: se la corrente si interrompe in uno scenario SHTF a lungo termine, potresti non essere più in grado di rimanere a casa tua. È necessario avere piani per un rifugio alternativo, sia che ciò significhi costruire il proprio rifugio o trovare un posto sicuro dove stare.

Strategie di autodifesa di gruppo: in uno scenario SHTF a lungo termine, dovrai essere in grado di difendere te stesso e il tuo gruppo dalle minacce esterne.

Ciò significa avere un piano su come affrontare saccheggiatori, predoni e altri gruppi che potrebbero rappresentare una minaccia.

Non importa per quale tipo di evento SHTF ti stai preparando e non importa quanto tempo duretà: la sicurezza, il cibo, l’acqua e il riparo sono le cose più importanti su cui devi concentrarti.

L’unica domanda è quanto durerà la crisi: ecco quanto dovrai rifornirti!

Le abilità ti manterranno in vita

Sebbene avere rifornimenti sia importante, non è l’unica cosa che ti manterrà in vita in uno scenario SHTF. Anche le tue abilità e conoscenze giocheranno un ruolo importante nella tua capacità di sopravvivere. Dovrai essere pronto a tutto tondo, anche senza essere un esperto, in molte abilità per considerarti preparato per qualsiasi evento SHTF. Questi includono, ma non sono limitati a:

Armi da fuoco e legittima difesa

Non è necessario essere un Navy SEAL, ma dovresti sapere come usare e mantenere le armi da fuoco, nonché come difenderti nel combattimento corpo a corpo. Come accennato in precedenza, il crollo della legge e dell’ordine combinato con la disperazione umana creerà le basi per numerosi conflitti pericolosi.

Pronto soccorso

L’unica cosa che non mancherà durante un evento SHTF sono infortuni e malattie. Dovresti sapere come trattare lesioni e malattie comuni, nonché come somministrare il pronto soccorso e le cure di base per i traumi.

Conservazione del cibo

Il cibo è una risorsa incredibilmente preziosa e lasciarlo sprecare durante una crisi è un peccato capitale. Dovresti sapere come conservare, disidratare e fermentare il cibo per massimizzarne la durata di conservazione e proteggere il tuo investimento.

Coltivazione

Un orto, anche piccolo, è una componente eccellente in un piano di sostenibilità alimentare a lungo termine e può fornire a te e ai tuoi cari cibi freschi e nutrienti tutto l’anno, con una corretta pianificazione.

orto

Tuttavia, è necessario iniziare presto e mantenerlo diligentemente se si vogliono raccogliere i frutti.

Caccia e cattura

Le proteine ​​animali sono uno degli alimenti migliori e più nutrienti, ma senza il tuo supermercato locale, sarai costretto ad andare a caccia, trovarli, catturarli e ucciderli tu stesso, oltre a processare la carcassa. Dovresti sapere come identificare la selvaggina commestibile, rintracciare gli animali, eliminarli in modo efficace con una varietà di armi e trappole .

Pesca

Se vivi vicino a grandi specchi d’acqua, i pesci possono rivelarsi una fonte di proteine ​​superiore e più semplice rispetto ai mammiferi terrestri. Dovresti sapere come identificare i pesci commestibili, catturarli, pulirli e cucinarli.

Costruzione del rifugio

Il rifugio sarà sempre in cima alla lista delle necessità di sopravvivenza e devi essere in grado di adattarti a qualsiasi ambiente utilizzando qualsiasi materiale a portata di mano. Dovresti essere in grado di costruire un rifugio di base con materiali naturali e materiali artificiali recuperati allo stesso modo.

Abilità di sopravvivenza all’aperto

Dovresti sapere come trovare e purificare l’acqua, accendere fuochi senza fiammiferi e navigare nella natura selvaggia e nelle aree urbane.

Più competenze hai, meglio ti troverai in uno scenario SHTF. Ma non preoccuparti se non sei un esperto in tutte queste aree. Inizia a imparare adesso e sarai molto più preparato di qualcuno che aspetta fino all’ultimo minuto. In molti casi un “esperto generalista” o un tuttofare è meglio e più adattabile di un maestro troppo specializzato di una sola abilità.

Pronto soccorso e considerazioni mediche

Tra le competenze e le forniture più importanti che puoi accumulare ci sono quelle relative al primo soccorso e ad altre cure mediche. Gran parte della nostra vita moderna è resa possibile solo grazie alle moderne cure mediche. Nel bel mezzo di un evento SHTF, l’intricata rete che forma le istituzioni di assistenza medica di livello superiore si degraderà, verrà sopraffatta o smetterà di funzionare del tutto, ciò significa che devi diventare il primo soccorritore di te stesso e almeno vagamente competente.

In molti casi sarai l’unico fornitore di cure mediche a cui ha accesso una persona ferita o malata. Questa è una responsabilità pesante, ma puoi affrontarla con un po’ di studio e di pratica.

Dovresti almeno sapere come affrontare lesioni comuni quali lacerazioni, ustioni, ossa rotte e così via.

Un buon libro sul primo soccorso è “Medicina di emergenza e pronto soccorso – approccio clinico essenziale”, reperibile anche su Amazon. Dovresti anche fare in modo di avere scorte di bende, antisettici, antidolorifici e altri medicinali di base. Se possibile, impara a preparare tinture, unguenti e altri preparati a partire dalle piante medicinali.

Infastidirsi

Se frequenterai altri prepper, ti capiterà di sentire le parole “bug out” facendo riferimento alla necessità di allontanarsi dalla propria sede abituale. Bug Out è fondamentalmente un’evacuazione, quella in cui non stai necessariamente seguendo il resto delle pecore mentre si dirigono verso il salvataggio promesso ma ti allontanerai dall’area pericolosa dirigendoti verso un luogo di tua scelta, o almeno uno che hai deciso essere più sicuro di dove ti trovi.

L’allontanamento viene in genere effettuato quando la situazione è così grave nel luogo in cui ti trovi o rischia di diventare insostenibile che decidi di rischiare di muoverti sulla strada, con un mezzo o a piedi.

Per fare questo avrai bisogno di due cose. Avrai bisogno di uno zaino grande che conterrà tutte le forniture di cui hai bisogno, e avrai bisogno di uno o due luoghi prestabiliti dove recarti.

Il tuo zaino dovrebbe contenere scorte sufficienti per durare almeno 72 ore e idealmente di più, quindi acqua, cibo, una tenda o una coperta termica, vestiti, strumenti e armi saranno tutti importanti. Avrai bisogno anche di forniture mediche come menzionato sopra.

Dovresti avere alcune opzioni diverse su dove andare nel caso in cui avessi bisogno di spostarti.

Potrebbe trattarsi di una capanna nel bosco di proprietà di un amico o di un parente, di una tua proprietà o anche semplicemente di un’area remota e con buone risorse come acqua e selvaggina che conosci.

La chiave è avere un piano e metterlo in pratica in modo che, se arriva il momento in cui è necessario implementarlo, tutto avvenga nel modo più fluido possibile. Questo significa essere anche pronti a scegliere il percorso migliore in base alla situazione per raggiungerlo.

Lo zaino

Lo zaino può essere considerato come il tuo serbatoio d’aria di sopravvivenza per una situazione SHTF. Questo è tutto ciò che potresti avere il tempo di prendere quando starai evacuando la tua casa per evitare guai peggiori.

Come detto, nello zaino avrai acqua, cibo, equipaggiamento difensivo, aiuti alla navigazione e altro ancora.

Preparare uno zaino e tenerlo pronto correttamente è un argomento a sé stante. Ma ecco alcuni suggerimenti per iniziare.

Il tuo zaino dovrebbe essere abbastanza grande da contenere tutto ciò di cui puoi avere bisogno di base, ma non può essere così grande o ingombrante da renderne difficile il trasporto. Dovrebbe anche essere abbastanza comodo da essere indossato per lunghi periodi di tempo.

Vorrai che sia il più versatile possibile, in grado di gestire situazioni e ambienti diversi. Pensa a imballare forniture per climi e terreni diversi. Assicurati di metterci oggetti essenziali come:

  • Acqua, cibo e pentole
  • Forniture mediche (bende, antisettici)
  • Strumenti e armi
  • Riparo (teloni, tende, amache)
  • Materiali per accendere il fuoco
  • Aiuti alla navigazione (GPS, mappe, bussola)
  • Abbigliamento e biancheria da letto
  • Dispositivi di comunicazione (radio, cellulare)
  • Contanti e merci di baratto

Radio Baofeng HAM, walkie-talkie, torcia elettrica e due lampade chimiche
dispositivi di comunicazione all’interno di unop zaino: una radio Baofeng HAM, walkie-talkie, torcia elettrica e due lampade chimiche

E non dimenticare l’elemento più importante di tutti: i dati di contatto di emergenza e il piano di percorso, conservati in un luogo sicuro. Sebbene allontanarsi possa sembrare una misura estrema, è meglio avere un piano. Esercitati a preparare lo zaino per la fuga e provalo durante brevi escursioni giornaliere o viaggi notturni in campeggio.

Questo ti aiuterà a identificare le criticità che necessitano di miglioramenti e ad assicurarti di avere tutto ciò di cui hai bisogno in una situazione di emergenza.

Posizioni dei bug-out

La posizione del tuo bug-out è dove ti stai dirigendo quando fuggi da casa tua.

Potrebbe essere la casa di un amico o un parente, un terreno di proprietà che possiedi, un terreno pubblico o qualsiasi altro luogo in cui pensi di essere al sicuro dalla minaccia attuale e di avere accesso a tutto ciò di cui hai bisogno per sopravvivere.

La scelta delle posizioni è un altro argomento complesso e ci sono molte variabili, come il tipo di minaccia o disastro che ti ha costretto a fuggire che potrebbero influenzare la posizione del tuo bug, la stagione, l’accessibilità del luogo e altro ancora.

Ma alcuni suggerimenti per iniziare sono:

  • Scegliere un luogo che ti è familiare
  • Considerare più posizioni nel caso in cui una sia inaccessibile
  • Avere un piano di riserva del tuo piano di riserva
  • Selezionare luoghi con ampie risorse come acqua, cibo e riparo

Evita posizioni di bug-out che sono:

  • Molto frequentate
  • Affollate o note
  • Difficili da raggiungere
  • Con risorse limitate
  • Sorvegliate o pattugliate
  • Intrinsecamente pericolose

Ricorda, il tuo obiettivo è raggiungere la posizione del tuo bug in modo sicuro e con il minor disagio possibile. Quindi pianifica in anticipo il percorso e fai in modo di avere con te tutto il necessario.

In fondo, allontanarsi non è una decisione da prendere alla leggera. Ma se ti trovi in ​​una situazione in cui questa è l’opzione migliore, essere preparati farà la differenza. Spera per il meglio ma pianifica il peggio.

Fuggire non è qualcosa a cui la maggior parte delle persone vuole pensare, ma è importante essere preparati.

Avendo uno zaino pronto per la partenza e scegliendo in anticipo luoghi sicuri come destinazione, potrai stare tranquillo sapendo che sei pronto per qualunque cosa ti capiti.

Restare in sede

Restare è l’opposto di fuggire, un termine usato per restare fermi durante un disastro o una situazione di emergenza. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che allontanarsi non è un’opzione, perché la minaccia è troppo vicina a casa o per qualsiasi altra serie di motivi.

Quando puoi, restare è quasi sempre una scelta migliore e più sicura che uscire: avrai molti più vantaggi.

Se scegli di restare, è importante assicurarti che la tua casa sia rifornita di provviste e di avere un piano in atto nel caso in cui le cose vadano male. Alcune cose da considerare sono:

  • Conservazione di cibo e acqua
  • Forniture mediche
  • Misure difensive (armi, sistemi di sicurezza)
  • Dispositivi di comunicazione
  • Articoli igienico-sanitari
  • Combustibili e fonti luminose

Anche se restare non è affascinante quanto fuggire, è l’opzione più intelligente e potrebbe benissimo salvarti la vita. È anche importante disporre di un punto d’incontro designato per i familiari o le persone care in caso di separazione all’inizio dell’evento.

Pianificandolo in anticipo e avendo un piano solido, puoi stare tranquillo sapendo che sei preparato per qualsiasi situazione.

Preparazione per SHTF con la famiglia

Una delle cose più importanti e allo stesso tempo più spaventose che dovrai affrontare per prepararti a un evento SHTF è prepararti a sopravvivere con la tua famiglia. Per la maggior parte di noi, i membri della nostra famiglia sono le cose più preziose della nostra vita e, se stai leggendo questo articolo, probabilmente ti sei assunto la responsabilità ultima della loro sicurezza.

Le cose stanno così, ma ciò non significa che non sarà molto più complicato che se fossi preoccupato solo per te stesso. Ciascuno dei membri della tua famiglia, a seconda della loro età, condizione e altri fattori, contribuirà secondo le sue capacità quando si tratta di sopravvivenza.

Alcuni di loro utili alleati mentre altri saranno una sorta di carico prezioso che dovrà solo essere protetto. Alcuni membri della famiglia, in particolare i neonati e i bambini molto piccoli, sono estremamente gravosi e vulnerabili.

Ciò significa che devi pianificare fin dall’inizio la famiglia e altri fattori di gruppo, indipendentemente dalla situazione che potresti dover affrontare. Siete solo tu e il tuo partner?

Finché sarete in forma e in salute, avrai almeno una persona di cui ti puoi fidare per aiutarti a gestire la situazione. Se hai tre figli diversi di tre età diverse, alcuni potrebbero essere più capaci di altri. Genitori molto anziani o familiari infermi con bisogni speciali e necessità di assistenza complicheranno ulteriormente le cose.

Quando si considerano situazioni familiari complicate è facile dire che resterai o fuggirai sempre, ma non è così semplice. È difficile prevedere l’effetto domino dei fattori di secondo e terzo ordine.

Quando si tratta di prepararsi per l’SHTF, è importante coinvolgere la tua famiglia nel processo. In questo modo tutti saranno sulla stessa lunghezza d’onda e sapranno cosa fare in caso di emergenza. Ecco alcuni suggerimenti su come iniziare:

Parla con la tua famiglia di cosa potrebbe accadere in uno scenario SHTF. Presenta i diversi scenari e elabora con loro un piano per ciascuno di essi.

  • Assicurati che tutti sappiano dove sono conservate le forniture e come accedervi.
  • Esercitati a utilizzare i materiali in modo che tutti li conoscano.
  • Discutete regolarmente sul piano in modo che tutti siano aggiornati.
  • Seguire questi suggerimenti aiuterà a garantire che la tua famiglia sia preparata per SHTF.

Scenari peggiori

Gli scenari peggiori sono esattamente quello che sembrano. Questi sono eventi in cui assolutamente tutto ciò che poteva andare storto è andato storto, o avvenimenti veramente apocalittici con conseguenze nazionali o globali.

Ciò potrebbe essere semplice come il collasso totale o quasi totale del governo e dello stato di diritto in una nazione civilizzata o qualcosa di così catastrofico come l’impatto di un asteroide che spazza via il pianeta.

Considerateli come una modalità difficile per quella che è già una situazione estremamente difficile.

Queste sono le cose a cui difficilmente sopravviverai anche nel migliore dei casi, e sopravvivere alle conseguenze sarà incredibilmente complicato e difficile. Tuttavia, può ancora essere fatto se ti sarai preparato, ma dovrai prepararti duramente.

Se ti trovi nella peggiore delle ipotesi, la prima e più importante cosa è mantenere la calma. Il panico non farà altro che peggiorare le cose. Devi pensare con lucidità se vuoi sopravvivere. Il prossimo passo è valutare la situazione e capire cosa puoi fare per migliorarla.

Ciò può comprendere la ricerca di un rifugio adeguato in base alle circostanze, la raccolta di cibo e acqua o il tentativo di stabilire con precisione cosa sta accadendo e cosa ci si può aspettare in un mondo caotico. Qualunque cosa tu faccia, cerca di non correre rischi inutili.

Infine, ricorda che la speranza non è mai perduta. C’è sempre una possibilità di sopravvivenza, non importa quanto le cose sembrino cupe. Sii forte e non abbandonare mai la speranza.

Ora sei pronto per sopravvivere

Nessuno sa quando o dove avrà luogo il prossimo evento SHTF. Ma preparandoti a tutti gli scenari possibili, puoi aumentare le tue possibilità di sopravvivenza. Concentrati innanzitutto sulla sicurezza di base, sul cibo, sull’acqua e sulle esigenze di alloggio, quindi inizia a concentrarti sulla preparazione a lungo termine. Ciò implica la preparazione per uno scenario in cui l’aiuto esterno non è disponibile.

Questo articolo comprende solo una panoramica di base della preparazione per un evento SHTF, in altri articoli scenderemo maggiormente nel dettaglio.

2