Alaska: 75 fiumi contaminati da un colore arancione

Alcuni dei corsi d'acqua un tempo limpidi e incontaminati dell'Alaska stanno diventando di un color arancione ruggine, così intenso da essere visibile dall'orbita terrestre

0
77
Alaska

Alcuni dei corsi d’acqua un tempo limpidi e incontaminati dell’Alaska stanno diventando di un color arancione ruggine, così intenso da essere visibile dall’orbita terrestre.

Alaska

I fiumi arancioni dell’Alaska si possono vedere dallo Spazio

I fiumi arancioni sono così grandi che possiamo vederli dallo Spazio“, ha affermato Brett Poulin, tossicologo ambientale dell’Università della California (UC) Davis.

Dopo aver notato per la prima volta il problema nel 2018 sulle rive dei fiumi e sui cavalcavia, l’ecologo del National Park Service Jon O’Donnell, Poulin e i loro colleghi hanno utilizzato immagini satellitari e rapporti pubblici per identificare oltre 75 corsi d’acqua remoti recentemente contaminati da questo insolito colore arancione, in quasi 1.000 chilometri (1.610 miglia) della Brooks Range dell’Alaska.

Alaska
Dopo aver notato per la prima volta il problema nel 2018 sulle rive dei fiumi e sui cavalcavia, l’ecologo del National Park Service Jon O’Donnell, Poulin e i loro colleghi hanno utilizzato immagini satellitari e rapporti pubblici per identificare oltre 75 corsi d’acqua remoti recentemente contaminati da questo insolito colore arancione, in quasi 1.000 chilometri (1.610 miglia) della Brooks Range dell’Alaska.

Ci sono alcuni siti che sembrano quasi un succo d’arancia lattiginoso“, ha spiegato O’Donnell: “Quei corsi d’acqua arancioni possono essere problematici sia in termini di tossicità, ma potrebbero anche impedire la migrazione dei pesci verso le aree di deposizione delle uova” .



La contaminazione dei fiumi dell’alaska

I campioni di alcuni di questi corsi d’acqua dell’Alaska raccolti tra giugno e settembre 2022 contenevano alte concentrazioni di ferro e altri metalli tossici, tra cui zinco, rame, nichel e piombo, rispetto ai vicini corsi d’acqua sani. In alcuni casi, questi inquinanti hanno aumentato l’acidità dell’acqua dal pH abituale compreso tra 8 e 2,3.

Alaska
Esaminando le immagini satellitari dal 1985 al 2022, O’Donnell, Poulin e i loro colleghi hanno determinato che questo strano fenomeno dell’Alaska si è verificato solo nell’ultimo decennio e coincide con un clima più caldo e un aumento delle nevicate.

I risultati sembrano simili al deflusso acido di una miniera, ha aggiunto Poulin, ma non ci sono miniere da nessuna parte vicino a queste località.

Invece, esaminando le immagini satellitari dal 1985 al 2022, O’Donnell, Poulin e i loro colleghi hanno determinato che questo strano fenomeno dell’Alaska si è verificato solo nell’ultimo decennio e coincide con un clima più caldo e un aumento delle nevicate.

La nostra ipotesi di lavoro è che lo scioglimento del permafrost del suolo stia consentendo all’acqua di infiltrarsi più in profondità e di interagire con i minerali che sono rimasti bloccati per migliaia di anni“, ha detto Poulin.

L’ Artico si sta riscaldando circa quattro volte più velocemente del resto del nostro pianeta. Quel calore extra scioglie il terreno ghiacciato, aumenta l’attività microbica e provoca la “ arbustivazione ”, con nuove radici che disturbano ulteriormente il suolo. Insieme, questi processi stanno esponendo i minerali precedentemente protetti agli agenti atmosferici e spostandoli nei bacini idrografici dell’Alaska.

Conclusioni

Il cambiamento climatico e il conseguente disgelo del permafrost sembrano essere i principali fattori che compromettono i corsi d’acqua“, hanno concluso i ricercatori: “Lo scolorimento dei corsi d’acqua è stato associato a un importante calo della diversità dei macroinvertebrati e dell’abbondanza di pesci”.

Questo cambiamento nella chimica dell’acqua dovuto al drenaggio acido delle rocce minaccia non solo la fauna selvatica ma anche la popolazione locale che fa affidamento su questi corsi d’acqua per l’acqua potabile e la pesca di sussistenza.

O’Donnell e il team stanno continuando le loro indagini in Alaska nella speranza di comprendere gli impatti ecologici più ampi per la regione e di capire quando e dove la contaminazione tossica del colore arancione colpirà di nuovo.

Alaska

Ci sono molte implicazioni. Mentre il clima continua a riscaldarsi, ci aspetteremmo che il permafrost continui a sciogliersi e quindi ovunque ci siano questi tipi di minerali, c’è il rischio che i corsi d’acqua diventino arancioni e si degradino in termini di qualità dell’acqua“.

La ricerca è stata pubblicata su Communications Earth & Environment.

2