Scoperte 75 tracce di dinosauri in un antico ecosistema dell’Alaska

Una squadra di ricercatori ha scoperto tracce di dinosauri risalenti a 100 milioni di anni fa e altri fossili incastonati ai piedi di una catena montuosa dell'Alaska

2
771
Tracce di dinosauri

Una squadra di ricercatori ha scoperto tracce di dinosauri risalenti a 100 milioni di anni fa e altri fossili incastonati ai piedi di una catena montuosa dell’Alaska. Il sito fossile, nella formazione Nanushuk sotto le montagne De Long, ha offerto una finestra su un fiorente ecosistema del Cretaceo popolato da dinosauri di tutte le dimensioni, secondo una dichiarazione dell’Università dell’Alaska Fairbanks.

Tracce di dinosauri

Trovate 75 tracce di dinosauri carnivori ed erbivori

I paleontologi hanno esaminato il sito tra il 2015 e il 2017. Gli studiosi hanno trovato 75 tracce di dinosauri carnivori ed erbivori, sebbene non abbiano identificato specie specifiche: “Questo posto era incredibilmente ricco di impronte di dinosauri”, ha dichiarato l’autore principale Anthony Fiorillo, direttore esecutivo del Museo di Storia Naturale e Scienza del New Mexico.

Tracce di dinosauri
Tracce di dinosauri rinvenute in Alaska.

Fiorillo e i suoi colleghi hanno scoperto che il sito era un paesaggio antico preservato, con fossili di ceppi di alberi, foglie, feci e tracce di dinosauri larghe 60 centimetri: “Era proprio come se stessimo camminando attraverso i boschi di milioni di anni fa“, ha detto.

I ricercatori hanno presentato i loro risultati in uno studio pubblicato sulla rivista Geosciences.



Secondo gli esperti, la Formazione Nanushuk ha un’età compresa tra 94 e 113 milioni di anni e risale all’età albiano-cenomaniana del periodo Cretaceo (da 145 a 66 milioni di anni fa).

La maggior parte delle tracce di dinosauri sono state lasciate da esemplari erbivori bipedi

La maggior parte delle tracce di dinosauri, circa il 59% sono state lasciate da esemplari erbivori bipedi, collettivamente chiamati ornitischi. Questo gruppo comprende animali come i pachicefalosauri dalla testa a elmo, che non sono stati identificati nello studio. Gli erbivori quadrupedi, o ornitischi, hanno costituito il 17% delle tracce. Alcuni di questi appartenevano ai ceratopsiani, un gruppo che comprende i triceratopi a tre corna.

Con le sue 3 corna, un becco da pappagallo e un grande collare che può raggiungere quasi 1 metro di diametro, il triceratopo è stato uno degli esemplari più grandi e interessanti.

Le corna avrebbero potuto essere usate per respingere gli attacchi del tirannosauro. Un fossile parziale di Triceratops raccolto nel 1997 ha presentato un corno che è stato staccato con un morso, con segni di morsi che corrispondono a quelli di Tyrannosaurus. Il fossile ha mostrato che il corno è guarito dopo essere stato morso, quindi almeno alcuni Triceratopi sono sopravvissuti a questi scontri.

Tracce di dinosauri

Una delle cose che abbiamo fatto nel nostro studio sulle tracce di dinosauri è stata osservare le frequenze relative dei diverse specie di esemplari, ha detto Fiorillo: “Quello che si è mostrato interessante per noi era che gli esemplari erbivori bipedi erano chiaramente i più numerosi”.

L’ecosistema ha conservato anche tracce di dinosauri carnivori

L’ecosistema ha ospitato anche dinosauri carnivori, con il 9% delle tracce lasciate da teropodi non aviani, per lo più carnivori appunto. Gli autori hanno notato che alcune di queste tracce di dinosauri rientravano nell’intervallo di dimensioni dei teropodi turoniani come Suskityrannus, un tirannosauro 1 metro soprannominato “mini rex“, e Timurlengia, che aveva all’incirca le dimensioni di un cavallo.

Gli uccelli costieri hanno lasciato l’ultimo 15% delle tracce scoperte. Quasi la metà degli uccelli limicoli viventi del Nord America si riproducono nell’Artico durante i mesi caldi della regione, e gli autori hanno notato che l’alta frequenza di tracce di uccelli limicoli estinti qui suggerisce che la stessa cosa sia accaduta nel Cretaceo.

Tracce di dinosauri

Il team ha utilizzato la formazione anche per saperne di più sul clima caldo e umido dell’antico Artico. Calcolando la precipitazione media annuale dai frammenti di legno, hanno scoperto che i dinosauri artici vivevano in un clima simile a quello dell’attuale Florida meridionale.

La temperatura era molto più calda di oggi, e la cosa forse più interessante è che ha piovuto molto“, ha detto Fiorillo. “Le tracce di dinosauri che abbiamo analizzato indicano che era più o meno equivalente alla Miami moderna. È un dato piuttosto consistente”.

2