Dissotterrato un dinosauro corazzato nell’isola di Wight

[tta_listen_btn]
Una nuova specie di dinosauro corazzato è stata portata alla luce sull’isola di Wight, un’importante scoperta per i paleontologi, come recita il comunicato stampa.

Chiamato Vectipelta Barretti in onore del famoso paleontologo Paul Barrett, questo straordinario dinosauro rappresenta il primo ritrovamento di un dinosauro corazzato nell’Isola di Wight in 142 anni. La scoperta fa luce sulla diversità degli anchilosauri all’interno della formazione del Wessex e dell’Inghilterra del primo Cretaceo, sfidando le precedenti ipotesi sulle specie di dinosauri nella regione.

Distinte differenze e antichi modelli migratori

Stuart Pond, l’autore principale dei risultati pubblicati sul Journal of Systematic Paleontology, ha sottolineato l’importanza di questo esemplare divergente. “Per quasi 142 anni, tutti i resti di anchilosauro dell’Isola di Wight sono stati assegnati a Polacanthus Foxii, un famoso dinosauro dell’isola, ora tutti quei reperti devono essere rivisitati perché abbiamo la prova dell’esistenza di questa nuova specie“, ha detto.

I resti fossilizzati di Vectipelta Barretti rivelano caratteristiche uniche nelle vertebre del collo e della schiena, una distinta struttura pelvica e un’armatura dotata di punte aguzze e taglienti come lame. Nell’analisi filogenetica, i ricercatori hanno osservato che questa specie scoperta di recente è strettamente imparentata con alcuni anchilosauri cinesi, suggerendo che vi fosse un certo grado di circolazione dei dinosauri tra l’Asia e l’Europa durante il periodo Cretaceo inferiore.

ZpK6crojSqz3qFDZSLwn3hmJNmmiVKF2SPk0ikrk
Un’illustrazione di due Vectipelta Barretti. – Stagno Stuart

Approfondimenti su un evento di estinzione di massa preistorico

I ricercatori stimano che Vectipelta Barretti abbia vagato per la terra durante il Cretaceo inferiore, un periodo che si distingue per la scarsità di resti fossili. Alcuni ipotizzano che un evento di estinzione di massa si sia verificato alla fine dell’era giurassica, rendendo la comprensione della diversità dei dinosauri durante questo periodo vitale per scoprire il verificarsi e il recupero di un tale evento. La Formazione Wessex e l’Isola di Wight svolgono un ruolo cruciale nel rispondere a queste domande, poiché le rocce di quest’epoca sono per lo più assenti in Nord America.

L’isola di Wight, che in passato aveva un clima mediterraneo, a quel tempo era una pianura alluvionale con un vasto sistema fluviale che provocava periodiche inondazioni. Queste inondazioni raccoglievano materiale organico, comprese piante, tronchi e persino resti di dinosauri.

Man mano che le acque si ritiravano, questa materia organica restava depositata negli stagni della pianura alluvionale, che, quando si sono prosciugati, hanno conservato resti e sedimenti nel terreno argilloso che li ha preservati. Questo materiale organico fossile ha permesso agli scienziati di studiare e scoprire i segreti della vita preistorica.

La scoperta di Vectipelta Barretti ha aperto interessanti prospettive per futuri ritrovamenti sull’isola di Wight.

La dottoressa Susannah Maidment, autrice senior dello studio, anticipa la scoperta di ulteriori specie nell’area. “Abbiamo nuovi iguanodonti che stiamo allineando, da preparare e da studiare. Per quanto riguarda gli anchilosauri, sono un po’ più rari, quindi penso che dovremo cercare con attenzione“, ha concluso.

Il Dinosaur Isle Museum, gestito dal Consiglio dell’Isola di Wight, esporrà parti del dinosauro durante le vacanze scolastiche, mettendo in mostra la collezione di importanza internazionale.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

In Tendenza

Funghi: mappata per la 1a volta la distribuzione

La scoperta delle dinamiche di spazi e stagionali prevedibili...

Rhodosporidiobolus fluvialis: nuovo fungo patogeno scoperto in Cina

Un team di scienziati cinesi ha scoperto il Rhodosporidiobolus...

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

Neutrini: nuovi metodi per calcolare il cambiamento di sapore

Un team di ricercatori sta sviluppando un nuovo metodo...

Cosa sono i prodotti a base di CBD e quali sono i loro benefici

Il cannabidiolo, comunemente noto come CBD, è uno dei...

Le prove dell’allunaggio

A dispetto della propaganda russa, improvvisamente interessata, dopo 50 anni, a sostenere che l'allunaggio sia stato una montatura, e delle competenti parole di campioni dello sport, notoriamente preparati in ingegneria, fisica e astrofisica, siamo stati sulla Luna e abbiamo a disposizione le prove dell'allunaggio, basta avere voglia di esaminarle

Articoli correlati

Popular Categories