L’attività umana getterà la Terra nel caos?

I fisici hanno calcolato che l'attività umana sulla Terra potrebbe provocare danni senza precedenti. Apocalisse imminente?

[tta_listen_btn]
Un gruppo di ricercatori ha calcolato che l’attività umana potrebbe provocare un caos imprevedibile sul pianeta Terra e sul suo ecosistema. Utilizzando una teoria concepita per la modellazione della superconduttività, un team di esperti coordinato da Alex Eduardo de Bernardini dell’Università del Portogallo, ha dimostrato che se passeremo oltre un certo limite, il processo sarà irreversibile e non saremo quindi più in grado di ristabilire l’equlibrio climatico terrestre.

L’attività umana potrebbe dunque rendere il nostro pianeta più caldo e questo apporterebbe guai irreparabili agli esseri viventi. Il team ha descritto il lavoro in un documento reso disponibile nell’aprile 2022 sul server arXiv, dove vengono resi noti articoli ancora da pubblicare su riviste professionali. Il documento in questione, dunque, non gode ancora di una revisione paritaria.

I pericoli a cui va incontro il pianeta Terra

“Le implicazioni del cambiamento climatico sono ben note (siccità, ondate di calore, fenomeni estremi, ecc.)”, ha detto a WordsSideKick.com nel 2022 il fisico Orfeu Bertolami. “Se il Sistema Terra entra nella regione del comportamento caotico, perderemo ogni speranza di risolvere in qualche modo il problema”.

Da alcuni anni gli eventi meteorologici estremi sembrano verificarsi con maggiore regolarità. Gli incendi divampano, le tempeste infuriano, le temperature raggiungono nuovi record. I climatologi hanno avvertito che questa è una conseguenza dell’attività umana, come la combustione di combustibili fossili, la deforestazione e l’aumento dell’agricoltura.

Come spiega Sciencealert, ciò ha portato alla definizione di una nuova epoca geologica: l’Antropocene, un periodo in cui l’attività umana ha avuto un impatto significativo e marcato sull’intero sistema terrestre, costituito da geosfera, biosfera, idrosfera e atmosfera. L’Antropocene seguirebbe l’Olocene, iniziato circa 11.700 anni fa e gli scienziati propongono il suo inizio intorno alla metà del XX secolo, il picco dell’era nucleare.

Bernardini ed i suoi colleghi hanno deciso di modellare la transizione dall’Olocene all’Antropocene come una transizione di fase e di calcolare di conseguenza la sua traiettoria futura. Le transizioni di fase sono molto comuni. Transizione è un termine che indica il passaggio di un materiale a un altro. Un solido si scioglie in un liquido, un liquido bolle e diviene gas, ma non solo: un metallo passa da uno stato normale a uno superconduttore. Ognuno di questi ha un punto critico in cui uno stato di equilibrio subisce un profondo spostamento in un altro stato.

La teoria della transizione sull’ecosistema terrestre

L’ecosistema della Terra non è un materiale, ma la ricerca mostra che la modellazione della transizione di fase può essere utilizzata per prevedere i cambiamenti climatici con un certo successo. Bernardini ei suoi colleghi hanno utilizzato la teoria di Ginzburg-Landau (sviluppata per modellare la superconduttività) e l’hanno applicata all’Antropocene in base alla temperatura, partendo da un punto di equilibrio dell’Olocene.

Ora, l’influenza umana è limitata. La Terra dispone di una quantità finita di spazio abitabile, una quantità finita di risorse e una velocità finita con cui possiamo usarle. Data questa capacità massima, i ricercatori hanno deciso di mappare i possibili esiti della transizione di fase dell’Antropocene utilizzando una mappa logistica, uno strumento per esplorare come i risultati complessi e persino il caos possono evolversi da un punto semplice.

I loro risultati hanno mostrato che non siamo necessariamente diretti verso un certo destino climatico. Potremmo seguire una traiettoria abbastanza regolare e prevedibile, il cui punto finale è una stabilizzazione del clima a un punto di temperatura media più alto di quello che abbiamo ora. Questo processo sembra essere già iniziato se notiamo gli effetti mortali che stiamo osservando sugli esseri umani e sugli animali.

Il tempo stringe

La Terra sta andando incontro al caos e questa purtroppo non è l’introduzione di un film di fantascienza, ma la realtà. Ciò significa che il sistema terrestre evolve in un comportamento caotico (fluttuazioni stagionali estreme ed eventi meteorologici) che preclude la previsione del comportamento futuro del sistema, rendendone impossibile la mitigazione. Ciò significa che sarebbe estremamente difficile, se non impossibile, tornare a un clima stabile.

Articoli più letti

Related articles