Fossile di una nuova specie di mosasauro trovato in Marocco

Gli scienziati hanno scoperto una nuova specie di mosasauro, una lucertola marina dell'era dei dinosauri, con strani denti increspati diversi da quelli di qualsiasi rettile conosciuto

0
481
Fossile di una nuova specie di mosasauro trovato in Marocco
Fossile di una nuova specie di mosasauro trovato in Marocco

Gli scienziati hanno scoperto una nuova specie di mosasauro, una lucertola marina dell’era dei dinosauri, con strani denti increspati diversi da quelli di qualsiasi rettile conosciuto. Insieme ad altri recenti ritrovamenti dall’Africa, suggerisce che i mosasauri e altri rettili marini si stavano evolvendo rapidamente fino a 66 milioni di anni fa, quando furono spazzati via da un asteroide insieme ai dinosauri e a circa il 90% di tutte le specie sulla Terra.

Una nuova specie di mosasauro

La nuova specie di mosasauro, Stelladens mysteriosus, proviene dal tardo Cretaceo del Marocco ed era grande circa il doppio di un delfino.

Aveva una disposizione dei denti unica con creste simili a lame che scendevano lungo i denti, disposte secondo uno schema a forma di stella, che ricordava un cacciavite a croce.

La maggior parte dei mosasauri aveva due creste seghettate simili a lame sulla parte anteriore e posteriore del dente per aiutare a tagliare la preda, tuttavia la specie Stelladens aveva da quattro a sei di queste lame che scorrevano lungo il dente.

“È una sorpresa”, ha affermato il dottor Nick Longrich del Milner Center for Evolution dell’Università di Bath, che ha guidato lo studio. “Non è come nessun mosasauro, o qualsiasi altro rettile”.

La dottoressa Nathalie Bardet, specialista in rettili marini del Museo di Storia Naturale di Parigi, ha dichiarato: “Ho lavorato sui mosasauri del Marocco per più di 20 anni e non avevo mai visto nulla di simile prima”.



Il fatto che siano stati trovati diversi denti con la stessa forma suggerisce che la loro strana forma non fosse il risultato di una patologia o di una mutazione.

I denti unici suggeriscono una strategia di alimentazione o una dieta particolare, ma non è chiaro cosa mangiasse il mosasauro Stelladens.

Il dottor Longrich ha detto: “Non abbiamo idea di cosa mangiasse questo animale, poichè non abbiamo altri reperti fossili”.

“È possibile che abbia trovato un modo unico per nutrirsi, o forse stava riempiendo una nicchia ecologica che semplicemente non esiste più oggi. I denti sembrano la punta di un cacciavite a croce, o forse una chiave esagonale”, ha aggiunto.

I denti erano piccoli, ma robusti e con l’usura sulle punte, il che sembrava escludere prede dal corpo molle. Tuttavia, i denti non erano abbastanza forti da schiacciare animali dalla corazza pesante come vongole o ricci di mare.

“Questo potrebbe suggerire che si nutriva di qualcosa di piccolo e leggermente corazzato – ammoniti dal guscio sottile, crostacei o pesci ossei – ma è difficile saperlo”, ha detto Longrich. “C’erano strani animali che vivevano nel Cretaceo – ammoniti, belemniti, baculiti – che non esistono più”.

I mosasauri vivevano accanto ai dinosauri ma non erano dinosauri. Erano invece lucertole giganti, parenti di draghi di Komodo, serpenti e iguane, specializzate per una vita in mare.

I mosasauri si sono evoluti circa 100 milioni di anni fa e si sono diversificati fino a 66 milioni di anni fa, quando un gigantesco asteroide colpì la penisola dello Yucatan in Messico, facendo precipitare il mondo nell’oscurità.

Sebbene gli scienziati abbiano discusso il ruolo dei cambiamenti ambientali verso la fine del Cretaceo nell’estinzione, il mosasauro Stelladens, insieme alle recenti scoperte del Marocco, suggerisce che i mosasauri si stavano evolvendo rapidamente fino alla fine: uscirono al loro apice, piuttosto che dissolvendosi.

Il nuovo studio mostra che anche dopo anni di lavoro nel Cretaceo del Marocco, si continuano a scoprire nuove specie. La ragione potrebbe essere che la maggior parte delle specie sono rare.

Gli autori dello studio prevedono che in un ecosistema molto diversificato potrebbero essere necessari decenni per trovare tutte le specie rare.

Questa è la terza nuova specie scoperta proprio quest’anno. La quantità di diversità alla fine del Cretaceo è semplicemente sbalorditiva”, ha detto Longrich.

Nour-Eddine Jalil, professore presso il Museo di storia naturale e ricercatore all’Università Cadi Ayyad in Marocco, ha dichiarato: “La fauna ha prodotto un numero incredibile di sorprese: mosasauri con denti disposti come una sega, una tartaruga con un muso a forma di boccaglio, una moltitudine di vertebrati di varie forme e dimensioni, e ora un mosasauro con denti a forma di stella”.

“I siti del Marocco offrono un’immagine senza precedenti della straordinaria biodiversità poco prima della grande crisi della fine del Cretaceo”, ha concluso.

Fonte: Fossils

2