La forza e la resistenza del drago di Komodo

I ricercatori hanno annunciato di aver individuato adattamenti genetici cruciali che potrebbero sostenere la tenacia di queste antiche lucertole

0
3596
Indice

Gli scienziati hanno mappato il genoma del drago di Komodo, la lucertola più grande del mondo, scoprendo segreti intriganti dietro l’impressionante velocità e resistenza che questi predatori a sangue freddo raccolgono portando il loro metabolismo a livelli simili a quelli dei mammiferi.

Drago di Komodo adulto
I draghi di Komodo vivono nel Parco Nazionale di Komodo nell’isola indonesiana di Komodo. – REUTERS / Beawiharta / File Photo

I ricercatori hanno annunciato di aver individuato adattamenti genetici cruciali che potrebbero sostenere la tenacia di queste lucertole che abitano diverse isole indonesiane tra cui Komodo, capaci di abbattere prede grandi come un bufalo d’acqua con un morso velenoso.

I draghi di Komodo raggiungono una lunghezza di circa 3 metri, possiedono denti curvi e seghettati, una lingua biforcuta gialla, arti forti e una lunga coda.

Questo è un predatore all’apice dell’evoluzione che vive isolato solo su alcune isole ed è assolutamente gigantesco. È un animale fantastico”, ha affermato Benoit Bruneau, direttore del Gladstone Institute of Cardiovascular Disease, affiliato all’Università della California, San Francisco, uno degli autori senior dello studio pubblicato sulla rivista Nature Ecology & Evolution.

“I rettili sono un po ‘come un parco giochi per l’evoluzione. C’è così tanta diversità nelle dimensioni, nella forma, nel comportamento e nella loro fisiologia “, ha aggiunto Bruneau.



Il team ha sequenziato il genoma usando campioni di sangue di due draghi di Komodo ospitati nello Zoo di Atlanta, di nome Slasher e Rinca.

I ricercatori hanno scoperto adattamenti genetici che coinvolgono la funzione dei mitocondri, i generatori di energia delle cellule che sono fondamentali nel governare la funzione cardiaca e di altri muscoli, che possono amplificare la capacità aerobica della lucertola.

Come creature a sangue freddo, i rettili in genere mancano di capacità aerobica, non hanno una grande resistenza agli gli sforzi fisici, a differenza dei mammiferi a sangue caldo. I draghi di Komodo, un’eccezione tra i rettili, possono raggiungere un metabolismo vicino a  quello dei mammiferi.

I ricercatori hanno anche scoperto adattamenti che coinvolgono geni che controllano i sensori chimici coinvolti in un avanzato sistema sensoriale che consente ai draghi di Komodo di rilevare ormoni, messaggeri chimici del corpo e feromoni, sostanze chimiche rilasciate in particolare dai mammiferi che fungono da segnali per gli altri membri della loro specie.

Questi adattamenti possono aiutare i draghi di Komodo a individuare prede distanti, ha aggiunto la coautrice dello studio Katherine Pollard, direttrice del Gladstone Institute of Data Science & Biotechnology.

Un componente del veleno del drago di Komodo è un composto anti-coagulante che impedisce la coagulazione del sangue della vittima, causando il sanguinamento fino alla morte. I ricercatori hanno scoperto adattamenti nei geni del drago di Komodo coinvolti nella coagulazione che rendono queste lucertole immuni dall’anti-coagulante del veleno, proteggendole dall’emorragia mortale quando attaccate da un’altra della loro stessa specie.

Quando due maschi si combattono l’un l’altro“, ha detto Bruneau, “è uno spettacolo impressionante di forza”.

Fonte: Reuters

2