Fibrillazione atriale: più comune e pericolosa di quanto si pensasse

La fibrillazione atriale (Afib), un tipo comune di aritmia che è in aumento nelle persone di età inferiore ai 65 anni, è più pericolosa in questa popolazione sempre più giovane di quanto si pensasse in precedenza

2
90
Un farmaco più sicuro ed efficace per il trattamento del tipo più grave di infarto,DSED, fibrillazione atriale

La fibrillazione atriale (Afib), un tipo comune di aritmia che è in aumento nelle persone di età inferiore ai 65 anni, è più pericolosa in questa popolazione sempre più giovane di quanto si pensasse in precedenza, secondo un nuovo studio recentemente pubblicato su Circulation Arrhythmia and Electrofisiology e sviluppato da un team di esperti dell’UPMC Heart and Vascular Institute.

Un farmaco più sicuro ed efficace per il trattamento del tipo più grave di infarto,DSED, fibrillazione atriale

La pericolosità della fibrillazione atriale

Lo studio, che è tra i primi a esaminare un ampio gruppo di pazienti con Afib di età inferiore a 65 anni negli Stati Uniti, ha rilevato che questi pazienti più giovani avevano maggiori probabilità di essere ricoverati in ospedale per insufficienza cardiaca, ictus o infarto e avevano tassi significativamente più alti di comorbilità e mortalità, rispetto a persone della stessa età che non ne soffrono.

Infarto, DSED

È risaputo tra i cardiologi che, nelle persone sotto i 65 anni, la fibrillazione atriale è estremamente rara e non dannosa. Ma in realtà non ci sono dati a sostegno di questo”, ha affermato l’autore principale, il Dott. Aditya Bhonsale, MD, MHS, elettrofisiologo cardiaco dell’UPMC nella Divisione di Cardiologia dell’HVI e assistente Professore di medicina presso l’Università di Pittsburgh.



In UPMC, negli ultimi anni abbiamo visitato molti più giovani pazienti affetti da Afib e siamo interessati a comprendere il decorso clinico di questi individui nel mondo reale. In qualità di fornitore e pagatore con cartelle cliniche di pazienti in più di 40 ospedali, UPMC era in una posizione unica per porre questa domanda, che nessuno era stato in grado di porre prima“, ha aggiunto Bhonsale.

Lo studio

Attingendo alle cartelle cliniche elettroniche di 67.221 pazienti UPMC in cerca di cure per la fibrillazione atriale dal 2010 al 2019, i ricercatori hanno scoperto che più di un quarto di loro (17.335) aveva meno di 65 anni, in netto contrasto con la prevalenza del 2% comunemente stimata. L’elevata percentuale riflette probabilmente un peso crescente dei fattori di rischio cardiovascolare nei giovani americani.

Cuore: può autoripararsi dopo un infarto? DSED

Il team UPMC ha scoperto che nel corso di un decennio, i tassi di sopravvivenza per i soggetti affetti da aritmia erano da 1,3 a 1,5 volte peggiori per gli uomini con fibrillazione atriale e da 1,82 a 3,16 volte peggiori per le donne, rispetto ai pazienti della stessa età che non avevano fibrillazione atriale.

I pazienti studiati presentavano anche alti tassi di fattori di rischio di malattie cardiovascolari, tra cui fumo, obesità, ipertensione e apnea notturna, che contribuiscono a danneggiare i cambiamenti strutturali ed elettrici nel cuore nel tempo.

Siamo ottimisti sul fatto che i dati di questo studio favoriranno indagini future per valutare le terapie ottimali per i pazienti con fibrillazione atriale“, ha affermato l’autore senior Sandeep Jain, direttore dell’elettrofisiologia cardiaca nella Divisione di Cardiologia dell’HVI e professore di medicina all’Università. di Pittsburgh.

I sintomi della fibrillazione atriale

A volte le persone con fibrillazione atriale non presentano sintomi e la loro condizione è rilevabile solo all’esame obiettivo. Altri potrebbero manifestare uno o più di questi sintomi:

Stanchezza generale
•Un battito cardiaco rapido e irregolare
•Svolazzi o “colpi” al petto
•Vertigini
•Mancanza di respiro e ansia
•Debolezza
•Svenimento o confusione
•Affaticamento durante l’attività fisica
•Sudorazione

Esistono diversi tipi di Afib. I sintomi sono generalmente gli stessi, sebbene la durata della fibrillazione atriale e le ragioni sottostanti possano aiutare i medici a classificare il tipo di problemi:

La fibrillazione parossistica si verifica quando il cuore ritorna a un ritmo normale da solo o con un intervento, entro sette giorni dall’anomalia. Le persone che soffrono di questo tipo di fibrillazione atriale possono avere episodi solo poche volte all’anno oppure i sintomi possono manifestarsi ogni giorno. Questi sintomi sono molto imprevedibili e spesso possono trasformarsi in una forma permanente di fibrillazione atriale.

La f. atriale persistente è un ritmo irregolare che dura più di sette giorni. Questo tipo di fibrillazione atriale non tornerà da solo al normale ritmo sinusale e richiederà una qualche forma di trattamento.

La f. atriale di lunga durata si verifica quando il cuore mantiene costantemente un ritmo irregolare per più di 12 mesi.

La f. atriale permanente si verifica quando la condizione dura indefinitamente e il paziente e il medico hanno deciso di non continuare a tentare di ripristinare un ritmo normale.

La fibrillazione atriale non valvolare è la fibrillazione atriale non causata da un problema alla valvola cardiaca.

Con il passare del tempo, la fibrillazione parossistica può diventare più frequente e più duratura. Questo a volte porta a fibrillazione atriale permanente o cronica.

Tutti i tipi di fibrillazione atriale possono aumentare il rischio di ictus. Anche se non hai sintomi evidenti, hai quasi cinque volte più probabilità di avere un ictus rispetto a qualcuno che non ha fibrillazione atriale.

2