DSED: il nuovo metodo che contrasta l’arresto cardiaco con 2 defibrillatori

La doppia defibrillazione esterna sequenziale denominata DSED è un'innovazione rivoluzionaria che contrasta con più efficacia l'arresto cardiaco

0
177
Infarto, DSED

A partire da gennaio 2024, Aotearoa, in Nuova Zelanda, è diventato il secondo paese (dopo il Canada) ad adottare una nuova procedura innovativa per i pazienti affetti da arresto cardiaco. Conosciuta come doppia defibrillazione esterna sequenziale (DSED), cambierà le strategie iniziali di risposta alle emergenze e migliorerà potenzialmente i tassi di sopravvivenza per alcuni pazienti.

Infarto, DSED

Arresto cardiaco: cos’è la doppia defibrillazione esterna sequenziale (DSED)

La sopravvivenza all’arresto cardiaco dipende in modo cruciale da una rianimazione efficace. Quando il cuore funziona normalmente, gli impulsi elettrici viaggiano attraverso le sue pareti muscolari creando contrazioni regolari e coordinate. Ma se i normali ritmi elettrici vengono interrotti, i battiti cardiaci possono diventare scoordinati e inefficaci, o cessare del tutto, portando all’arresto cardiaco.

La defibrillazione è un metodo di rianimazione fondamentale. Dà al cuore una potente scossa elettrica per interrompere l’attività elettrica anomala. Ciò consente al cuore di ristabilire il suo ritmo regolare. Il suo successo dipende dalla disfunzione del ritmo cardiaco sottostante e dal corretto posizionamento degli elettrodi di defibrillazione che erogano lo shock. La nuova procedura fornirà una seconda opzione quando il posizionamento standard non è efficace.

Cuore: può autoripararsi dopo un infarto? DSED



Durante la defibrillazione standard, un elettrodo viene posizionato sul lato destro del torace, appena sotto la clavicola. Un secondo cuscinetto viene posizionato sotto l’ascella sinistra. Gli shock vengono somministrati ogni due minuti.

La defibrillazione precoce può aumentare notevolmente la probabilità di sopravvivenza a un arresto cardiaco. Tuttavia, circa il 20% dei pazienti il cui arresto cardiaco è causato da “fibrillazione ventricolare” o “tachicardia ventricolare senza polso” non risponde all’approccio standard di defibrillazione. Entrambe le condizioni sono caratterizzate da un’attività anormale nei ventricoli cardiaci.

Con DSED aumentano le possibilità di sopravvivenza

DSED è un nuovo metodo che fornisce shock sequenziali rapidi al cuore utilizzando due defibrillatori. Gli elettrodi sono fissati in due posizioni diverse: una sulla parte anteriore e laterale del torace, l’altra sulla parte anteriore e posteriore.

Un solo operatore attiva i defibrillatori in sequenza, spostando una mano dalla prima alla seconda. Secondo un recente studio randomizzato condotto in Canada, questo approccio potrebbe più che raddoppiare le possibilità di sopravvivenza per i pazienti con fibrillazione ventricolare o tachicardia ventricolare senza polso che non rispondono agli shock standard.

Si ritiene che il secondo shock migliori le possibilità di eliminare l’attività elettrica anomala persistente. Fornisce più energia totale al cuore, viaggiando lungo un percorso diverso più vicino al ventricolo sinistro del cuore.

I dati sulle ambulanze della Nuova Zelanda dal 2020 al 2023 hanno identificato circa 1.390 persone che potrebbero potenzialmente beneficiare di nuovi metodi di defibrillazione. Questo gruppo ha un tasso di sopravvivenza attuale di solo il 14%.

Riconoscendo il potenziale della DSED di migliorare notevolmente la sopravvivenza di questi pazienti con arresto cardiaco, il gruppo di lavoro clinico del settore nazionale delle ambulanze ha aggiornato le procedure cliniche e le linee guida per il personale dei servizi medici di emergenza.

Le linee guida ora specificano che se la fibrillazione ventricolare o la tachicardia ventricolare senza polso persistono dopo due shock con defibrillazione standard, deve essere somministrato il metodo DSED. Devono essere disponibili due defibrillatori e il personale deve essere addestrato al nuovo approccio che contrasta l’arresto cardiaco.

Un farmaco più sicuro ed efficace per il trattamento del tipo più grave di infarto,DSED

Sebbene le prove esistenti sulla DSED siano convincenti, fino a poco tempo fa si basavano sulla teoria e su un piccolo numero di studi osservazionali potenzialmente distorti . Lo studio canadese è stato il primo a confrontare direttamente la DSED con il trattamento standard.

Su un totale di 261 pazienti, il 30,4% trattato con questa strategia è sopravvissuto, rispetto al 13,3% quando sono stati seguiti i protocolli di rianimazione standard.

Il disegno dello studio ha ridotto al minimo il rischio che altri fattori confondessero i risultati. Fornisce la certezza che i miglioramenti della sopravvivenza sono dovuti all’approccio della defibrillazione e non alle differenze regionali nelle risorse e nella formazione.

DSED: qualche dettaglio sulla ricerca

Lo studio inoltre conferma e si basa sulle prove scientifiche teoriche e cliniche esistenti. Tuttavia, poiché la sperimentazione è stata interrotta anticipatamente a causa della pandemia di COVID-19, i ricercatori hanno potuto reclutare meno della metà del numero previsto per la ricerca.

Queste e altre limitazioni non hanno impedito al gruppo internazionale di esperti che fornisce consulenza sulle migliori pratiche per la rianimazione ha aggiornato le sue raccomandazioni nel 2023 in risposta ai risultati dello studio. Il team ha suggerito (con cautela) che i servizi medici di emergenza considerino la DSED per i pazienti con fibrillazione ventricolare o tachicardia ventricolare senza polso che non rispondono al trattamento standard.

Sebbene le prove stiano ancora emergendo, l’implementazione della DSED da parte dei servizi di emergenza in Nuova Zelanda ha implicazioni che vanno oltre la cura dei pazienti a livello nazionale. Si tratta inoltre di un passo fondamentale nel progresso delle conoscenze sulle strategie di rianimazione ottimali a livello globale.

DSED

Ci sono sempre preoccupazioni quando si traduce un intervento da un ambiente di ricerca controllato al relativo disordine del mondo reale. L’equilibrio delle prove tuttavia è stato attentamente considerato prima di prendere la decisione di modificare le procedure per un gruppo di pazienti che hanno una bassa probabilità di sopravvivenza con il trattamento attuale.

Prima di utilizzare il DSED, il personale medico di emergenza è sottoposto a formazione, simulazione e addestramento obbligatori. L’attuazione è attentamente monitorata per determinarne l’impatto.

Gli ospedali e i dipartimenti di emergenza sono stati informati delle modifiche al protocollo e hanno avuto l’opportunità di porre domande e fornire feedback. Nell’ambito dell’implementazione, il servizio di ambulanza di St John eseguirà revisioni dei casi oltre a un monitoraggio più ampio per garantire che venga data priorità alla sicurezza dei pazienti.

In definitiva, le persone coinvolte sono ottimiste sul fatto che il cambiamento nella gestione dell’arresto cardiaco in Nuova Zelanda avrà un impatto positivo sulla sopravvivenza dei pazienti colpiti da arresto cardiaco.

2