Per quanto tempo un EMP disabilita l’elettronica?

Tra tutti i possibili super disastri per cui si preparano i prepper, uno di quelli con più probabilità di accadere realmente è quello di un potente evento EMP

0
3894
Per quanto tempo un EMP disabilita, superconduttività l'elettronica?

Tra tutti i possibili super disastri per cui si preparano i prepper, uno di quelli con più probabilità di accadere realmente è quello di un potente evento EMP.

Radio Baofeng HAM, walkie-talkie, torcia elettrica e due torce chimiche
dispositivi di comunicazione all’interno della borsa bug out: una radio Baofeng HAM, walkie-talkie, torcia elettrica e due chemlights

Un EMP, o impulso elettromagnetico, potrebbe essere generato da una detonazione nucleare, da un brillamento solare o persino da armi speciali che generano EMP per disabilitare completamente o addirittura distruggere totalmente le reti elettriche e molti dispositivi elettronici nell’area interessata.

Poiché la società odierna è completamente dipendente dall’elettronica e così anche molta della strumentazione cui i prepper tendono ad affdidarsi, dobbiamo sapere per quanto dobbiamo aspettarci che la nostra attrezzatura rimanga fuori uso.

Sebbene gli EMP in genere si risolvano in appena un secondo o due, gli effetti dell’EMP potrebbero persistere per ore, giorni o anche in modo permanente, a seconda della vulnerabilità del dispositivo interessato e della gravità del danno.

Cercare di prepararsi per un potente EMP è un po’ come pattinare al buio: teoricamente fattibile, ma molto più difficile di quanto si possa credere. Ci sono molti fattori che influenzeranno sia la potenza di un EMP che la vulnerabilità della tua attrezzatura ad esso.



Cos’è esattamente un EMP?

Un EMP è un impulso elettromagnetico, che non è altro che un lampo o un’onda di radiazione elettromagnetica. Sebbene comunemente si immagini che un EMP derivi dalla detonazione di una testata nucleare o di un’altra arma specializzata, gli EMP sono in realtà intorno a noi, ogni giorno, come conseguenza della generazione e dell’utilizzo di elettricità e del funzionamento di apparecchiature elettroniche e di altro tipo.

Ma, per i nostri scopi, gli EMP di cui stiamo parlando sono solo quelli più potenti, quelli che hanno il potenziale per infliggere enormi danni e disagi a un’area localizzata o addirittura regionale.

In che modo un EMP influisce sull’elettronica?

Un EMP influenzerà l’elettronica, i materiali conduttivi, attrezzature e altri dispositivi vulnerabili o sensibili inducendo tensioni pericolose che possono surriscaldare o cortocircuitare queste tecnologie.

Molti dispositivi elettronici comuni sono vulnerabili a malfunzionamenti o danni causati da EMP che sono molto, molto più deboli dei livelli di energia previsti da quelli creati da un’esplosione nucleare, un’arma generatore EMP, una potente tempesta solare o un’espulsione di massa coronale.

A seconda dell’intensità dell’evento e della vulnerabilità intrinseca degli elementi interessati, molti componenti elettronici potrebbero essere messi offline temporaneamente e richiedere un riavvio, richiedere la risoluzione dei problemi o la sostituzione di parti minori o addirittura richiedere una revisione o sostituzione totale per essere resi nuovamente operativi.

Alcuni oggetti, come l’elettronica personale e i computer, verranno completamente distrutti da un EMP, se non protetti. I sistemi più grandi, come la rete elettrica, saranno sovraccaricati provocando incendi e guasti a cascata in modo, a dir poco, catastrofico. Tutti i tuoi equipaggiamenti interessati che non sono schermati verranno messi offline. L’unica domanda è, per quanto tempo?

Cosa influenza la durata di un EMP?

In pratica, la stragrande maggioranza dei potenti EMP che può infliggere danni significativi alle nostre attrezzatture e alla nostra infrastruttura elettrica si esaurisce in una frazione di secondo.

Un EMP nucleare, un generatore EMP non nucleare, un fulmine ed eventi simili hanno tutti una durata istantanea. Tuttavia, altri fenomeni naturali come le tempeste geomagnetiche e altre attività cosmiche possono durare molto più a lungo di queste fonti.

Ciò che è importante sapere è che un EMP abbastanza potente può infliggere danni enormi in un batter d’occhio e non deve necessariamente essere di linga durataa per causare danni.

Gli effetti dell’EMP dureranno molto più a lungo dell’EMP stesso

Come accennato in precedenza, il vero “time sink” associato all’EMP non è che l’evento stesso duri molto a lungo, ma che gli effetti dell’evento dureranno molto a lungo, o almeno il tempo necessario per risolverli, ammesso che si possano riparare.

Immagina di dover sostituire componenti critici fritti da un EMP che potrebbe essere sul tuo veicolo o di dover sostituire tutta la tua elettronica personale inclusi telefoni, sistemi GPS e così via. Gli effetti di secondo e terzo ordine dell’EMP potrebbero richiedere settimane, mesi o addirittura anni per essere riparati, supponendo che uomini e materiali possano essere effettivamente incaricati di farlo.

Una distruzione totale della rete elettrica richiederebbe chissà quanto tempo per essere riparata.

La successiva disattivazione delle interfacce critiche di controllo del computer e della gestione delle attività, della refrigerazione, delle cure mediche, delle apparecchiature di navigazione e così via si tradurrebbe in un’ondata sempre crescente di distruzione e danni.

Ciascuno di questi fallimenti è un disastro a sé stante e influenzerà ogni altro sistema, settore e attività dipendenti. Il cibo andrà a male, le scorte essenziali andranno perse, le macchine di supporto vitale per i dipendenti e i malati potrebbero andare offline. Sarà un pandemonio.

Quindi, mentre un EMP potrebbe iniziare e finire in un batter d’occhio, il danno e la devastazione che infligge saranno avvertiti e ricordati per molto tempo dopo.

Alcuni EMP presenti in natura potrebbero durare ore o giorni

Ora, il presupposto è che qualsiasi EMP in grado di fare questo al nostro paese finirà molto rapidamente, e mi riferisco all’evento stesso. Tuttavia, non è escluso che certi fenomeni cosmici che si verificano in natura possano persistere per ore, giorni, settimane o forse anche mesi. Ciò significa che gli effetti dell’EMP potrebbero essere continui e variare di intensità per un periodo di durata imprecisata.

Ad esempio, le tempeste solari possono inviare enormi masse di energia elettromagnetica alla deriva attraverso il vuoto dello spazio e inondare lentamente il pianeta nel tempo con risultati dannosi o potenzialmente distruttivi. L’intensità di questo effetto EMP è direttamente proporzionale all’intensità e alla natura dell’evento solare.

E nemmeno questa è congettura o fantascienza: ecco un esempio dell’evento di Carrington del 1859, e immagina quanto peggiore, ancora più potente e più duraturo sarebbe oggi un evento del genere, ora che ogni livello della società è così molto più dipendente dall’elettricità e dall’elettronica.

C’è qualcosa che puoi fare per preparare e proteggere i sistemi vulnerabili?

Sì, in effetti c’è. Qualsiasi dispositivo vulnerabile agli effetti di un EMP, qualunque sia la sua dimensione, può essere protetto efficacemente da una gabbia di Faraday opportunamente progettata e costruita.

Una gabbia di Faraday non è altro che una barriera conduttiva, tipicamente costituita da una sottile rete metallica o lastre di metallo solido, che racchiudono completamente l’oggetto vulnerabile, consentendo all’energia di un EMP di circolare attorno ad esso e infine dissiparsi in modo innocuo.

Il principio alla base del fattore protettivo dell’EMP è facile da capire, ma una discussione approfondita sulla costruzione e l’implementazione della gabbia di Faraday va oltre lo scopo di questo articolo. In ogni caso, un buon esempio di gabbia di Faraday può essere l’abitacolo di un’automobile.

È abbastanza facile, tuttavia, costruire la propria gabbia di Faraday con i materiali giusti e un po’ di ingegnosità fai-da-te, e sono disponibili numerose opzioni in commercio. Una cosa è certa: una gabbia di Faraday correttamente progettata e implementata è una delle poche misure protettive che hai per prevenire un EMP.

2