Quanto è vulnerabile la Terra a un brillamento solare a livello evento Carrington?

Un evento di magnitudo Carrington ucciderebbe milioni di persone e causerebbe danni per migliaia di miliardi di dollari. Purtroppo, non è nemmeno lo scenario peggiore

0
957
Quanto è vulnerabile la Terra a un brillamento solare a livello evento Carrington?
Quanto è vulnerabile la Terra a un brillamento solare a livello evento Carrington?
0*4jyDgry1RKQE1iuN
Un brillamento solare dal nostro Sole, che espelle la materia dalla nostra stella madre e nel Sistema Solare, può innescare eventi come espulsioni di massa coronale. Sebbene le particelle in genere impieghino circa 3 giorni per arrivare, gli eventi più energetici possono raggiungere la Terra in meno di 24 ore e possono causare i danni maggiori alla nostra infrastruttura elettronica ed elettrica. Credito : NASA/Osservatorio Dinamico Solare/GSFC)


Quando un’espulsione di massa coronale sembra estendersi in tutte le direzioni in modo relativamente uguale dalla nostra prospettiva, un fenomeno noto come CME anulare, è un’indicazione che probabilmente si sta dirigendo proprio verso il nostro pianeta. Crediti : ESA / NASA / SOHO)
  1. Gli eventi meteorologici spaziali che si verificano devono avere il corretto allineamento magnetico rispetto al nostro pianeta per penetrare nella nostra magnetosfera. Senon sono allineati, il campo magnetico terrestre devierà in modo innocuo la maggior parte delle particelle, lasciando che il resto non faccia altro che creare un display aurorale per lo più innocuo. Questo allineamento si verifica raramente e ora può essere misurato con il telescopio solare Daniel K. Inouye dell’NSF.
  2. I tipici brillamenti solari si verificano solo nella fotosfera del Sole, ma quelli che interagiscono con la corona solare, spesso collegati da una protuberanza solare, possono causare un’espulsione di massa coronale. Se un’espulsione di massa coronale è diretta proprio verso la Terra e le particelle si muovono rapidamente si verificherà il maggior pericolo.
  3. Nel 1859 l’elettricità era ancora relativamente nuova e rara; oggi è una parte onnipresente della nostra infrastruttura globale. Man mano che le nostre reti elettriche diventano più interconnesse e di vasta portata, la nostra infrastruttura deve affrontare minacce sempre maggiori da questi eventi meteorologici spaziali.
Quando muovi un magnete dentro (o fuori) un anello o una bobina di filo, il campo cambia attorno al conduttore, provocando una forza sulle particelle cariche e inducendo il loro movimento, creando una corrente. I fenomeni sono molto diversi se il magnete è fermo e la bobina è in movimento, ma le correnti generate sono le stesse. Nel caso di un evento meteorologico spaziale, la modifica del campo magnetico all’interno di un anello o di una bobina di filo induce una corrente, con risultati potenzialmente devastanti. Crediti : Openstax CNX, Erik Christensen)
  • non c’è batteria,
  • nessuna fonte di tensione,
  • e anche se i dispositivi elettronici sono completamente scollegati.
0*CmyDM0FTVAzcsPDf
Le centrali elettriche, le sottostazioni e le linee elettriche a lungo raggio sono a maggior rischio di grandi correnti indotte da eventi meteorologici spaziali. Tutto ciò che è connesso alla rete elettrica nel momento in cui si verifica sarà vulnerabile a uno sbalzo di tensione, in grado di distruggere i dispositivi e provocare incendi. Credito : Steve Karg/pixnio)
  • cortocircuiti elettrici,
  • incendi,
  • esplosioni,
  • blackout e interruzioni di corrente,
  • una perdita di infrastrutture di comunicazione,
  • Viene emesso un rapido brillamento solare o un’espulsione di massa coronale e non riceveremmo alcun preavviso o ignoreremmo qualsiasi avviso ricevuto.
  • Le particelle cariche arriverebbero – non in 3 o 4 giorni, un tipico tempo di viaggio – ma in meno di 24 ore: prova di un evento meteorologico spaziale estremamente energetico.
  • Sarebbero al massimo anti-allineati con il campo magnetico terrestre, piovendo quindi sulla Terra, permeando la nostra magnetosfera e cambiando drasticamente il nostro campo magnetico di superficie.
  • Le aurore sarebbero super potenti, apparirebbero a livello globale, giorno e notte e a tutte le latitudini.
  • Indurrebbero correnti nelle nostre reti elettriche, portando a enormi sbalzi di tensione.
  • Ciò farebbe esplodere centrali elettriche e sottostazioni, causando forti sbalzi di tensione nei settori commerciale, residenziale e industriale e causandoun gran numero di incendi.
  • Senza alimentazione, la maggior parte di questi incendi divamperebbe in modo incontrollabile; senza la nostra infrastruttura di comunicazione, non ci sarebbe modo di fornire aiuto a chi ne ha bisogno.
  • Molte località rimarrebbero senza elettricità per settimane o mesi o più, e il sistema di trasporto e distribuzione rallenterebbe fino a ridursi ad un filo o addirittura si fermerebbe.
  • E poiché queste reti elettriche dovrebbero essere riparate o addirittura sostituite interamente, cose come il riscaldamento, il raffreddamento e la consegna di cibo e acqua pulita alle persone che ne hanno bisogno rimarrebbero insoddisfatte.
0*0AX9Fuhccqh08nHl
La collisione di due satelliti può creare centinaia di migliaia di pezzi di detriti, la maggior parte dei quali sono molto piccoli ma molto veloci: fino a ~10 km/s. Se un numero sufficiente di satelliti è in orbita, questi detriti potrebbero innescare una reazione a catena, rendendo l’ambiente intorno alla Terra praticamente impraticabile. Credito : ESA/Space Debris Office)
2