L’analisi del DNA fa luce sul primo impero nomade

Il primo impero nomade della storia, lo Xiongnu, sta finalmente venendo allo scoperto grazie a diligenti scavi archeologici e nuove prove dall'antico DNA

0
721
L'analisi del DNA fa luce sul primo impero nomade al mondo
L'analisi del DNA fa luce sul primo impero nomade al mondo

Il primo impero nomade della storia, lo Xiongnu, sta finalmente venendo allo scoperto grazie a diligenti scavi archeologici e nuove prove dall’antico DNA.

L’impero Xiongnu

Originario della steppa mongola 1.500 anni prima dei mongoli, l’impero Xiongnu divenne una delle forze politiche più influenti nell’Asia dell’età del ferro, estendendo la sua influenza dall’Egitto e da Roma alla Cina imperiale. L’economia degli Xiongnu era basata sull’allevamento di animali da latte, ed erano rinomati per il loro stile di vita nomade, affidandosi ai cavalli per costruire il loro impero. La loro esperienza nella guerra a cavallo li rese avversari rapidi e formidabili, e i loro leggendari scontri con la Cina imperiale alla fine portarono alla costruzione della Grande Muraglia.

A differenza delle loro civiltà vicine, gli Xiongnu non hanno sviluppato un sistema di scrittura, con conseguente mancanza di documenti storici su di loro, che sono stati per lo più scritti e tramandati dai loro avversari e nemici. Questi resoconti, registrati principalmente dai cronisti della dinastia Han, offrono poche informazioni sull’emergere degli Xiongnu come forza politica, sulla loro struttura sociale o sulle loro origini. Mentre studi recenti che utilizzano l’archeogenetica hanno fatto risalire le origini politiche degli Xiongnu a un’improvvisa migrazione e fusione di diversi gruppi nomadi nel nord della Mongolia intorno al 200 a.C.

Tali scoperte hanno generato più domande che soluzioni.

Nel tentativo di ottenere una comprensione più profonda dell’impero Xiongnu, un gruppo di ricerca internazionale composto da scienziati del Max Planck Institutes for Evolutionary Anthropology (MPI-EVA) e Geoantropologia (MPI-GEO), della Seoul National University, dell’Università del Michigan, e l’Università di Harvard, hanno condotto un’analisi genetica approfondita di due siti di sepoltura dell’élite imperiale di Xiongnu situati lungo il confine occidentale dell’impero. I cimiteri includono un cimitero d’élite aristocratica a Takhiltyn Khotgor e un cimitero d’élite locale a Shombuuzyn Belchir.

Juhyeon Lee, l’autore principale dello studio e uno studente di dottorato presso la Seoul National University, ha affermato che nonostante sapesse che gli Xiongnu possedessero una notevole quantità di diversità genetica, l’assenza di dati genomici a livello di comunità ha reso difficile determinare se questa diversità emerse da un mosaico di comunità localmente uniformi o se le comunità locali fossero esse stesse geneticamente diverse. Il team di ricerca mirava a capire come questa diversità genetica fosse organizzata a diverse scale sociali e politiche e come fosse correlata al potere, alla ricchezza e al genere.

L’ascesa di un impero multietnico

Lo studio ha rivelato che entrambi i cimiteri avevano individui con un’elevata diversità genetica, simile a quella osservata in tutto l’Impero Xiongnu. Questa scoperta conferma che l’impero era multietnico con diverse comunità a diversi livelli sociali e politici. Tuttavia, i ricercatori hanno osservato che l’elevata diversità genetica era principalmente stratificata in base allo stato sociale. Gli individui con lo status più basso avevano la più alta diversità genetica, indicando che probabilmente provenivano da regioni lontane dell’impero o anche oltre.



D’altra parte, le élite locali e aristocratiche sepolte in bare di assi di legno all’interno di tombe quadrate e tombe ad anello di pietra avevano una minore diversità genetica e proporzioni più elevate di antenati eurasiatici orientali, suggerendo che lo status e il potere d’élite fossero concentrati tra alcuni sottogruppi genetici all’interno della più ampia popolazione Xiongnu. Tuttavia, anche le famiglie d’élite sembravano essersi sposate con gruppi di nuova costituzione, in particolare a Shombuuzyn Belchir, per rafforzare i legami.

Questo studio getta nuova luce sulle complesse dinamiche sociali e politiche dell’Impero Xiongnu e fornisce approfondimenti su come hanno mantenuto il loro potere e influenza su un territorio così vasto e diversificato.

I risultati evidenziano anche il valore degli approcci interdisciplinari che combinano archeologia, DNA antico e altri campi per ricostruire il passato e approfondire la nostra comprensione della storia umana.

Un tappeto ricamato dal luogo di sepoltura di Xiongnu Noin-Ula.
Un tappeto ricamato dal luogo di sepoltura di Xiongnu Noin-Ula.

Donne potenti nella società Xiongnu

Questa scoperta sfida la nozione tradizionale di società dominate dagli uomini e suggerisce che le donne nell’Impero Xiongnu avevano un potere e un’influenza politica significativa. Ciò è coerente con le prove testuali e archeologiche, che suggeriscono che le donne Xiongnu erano spesso coinvolte nella diplomazia e svolgevano ruoli attivi nella guerra. L’importanza delle donne nella società Xiongnu potrebbe anche aver giocato un ruolo nel loro successo nell’incorporare nuovi territori e gruppi nel loro impero, poiché le alleanze matrimoniali e le manovre politiche delle donne erano probabilmente strumenti importanti per raggiungere questi obiettivi.

Questa scoperta getta nuova luce sul ruolo delle donne nell’Impero Xiongnu e sfida le visioni tradizionali dei ruoli di genere nelle società antiche. L’importanza delle donne in posizioni di alto rango all’interno dell’Impero Xiongnu suggerisce che abbiano svolto un ruolo cruciale nel processo decisionale politico ed economico, nonché nel mantenimento e nella trasmissione delle tradizioni culturali. Questa prova supporta l’idea che le società antiche non fossero uniformemente patriarcali e che le donne detenessero posizioni di potere e influenza in varie culture e periodi di tempo.

Bambini nella società Xiongnu

Inoltre, l’analisi ha rivelato che le sepolture di neonati e giovani erano raggruppate in aree specifiche dei cimiteri, indicando che i bambini potrebbero essere stati segregati in base all’età e/o allo stato di parentela. I ricercatori hanno anche trovato prove di pratiche di sepoltura differenziali basate sul sesso, con corredi funerari più elaborati e sepolture di status più elevato per le donne, evidenziando ulteriormente gli importanti ruoli sociali svolti dalle donne nella società Xiongnu.

“Questi risultati offrono uno sguardo raro sulla socializzazione dei bambini Xiongnu e suggeriscono che la società abbia attribuito un valore elevato ai ruoli sociali specifici per età e genere”, ha affermato il dott. Warinner.

L’eredità degli Xiongnu oggi

Lo studio fa luce anche sulla complessa organizzazione sociale e politica degli Xiongnu, nonché sull’influenza duratura delle loro tradizioni sui successivi imperi nella regione. L’alto grado di diversità genetica ed eterogeneità osservata tra le comunità Xiongnu suggerisce che l’impero fosse un’entità multietnica che incorporava gruppi disparati attraverso il matrimonio e i legami di parentela.

Il ruolo di primo piano delle donne Xiongnu nella vita politica ed economica, così come il trattamento differenziato dei bambini in base all’età e al sesso, forniscono ulteriori approfondimenti sull’organizzazione sociale e culturale. In definitiva, lo studio sottolinea l’eredità duratura degli Xiongnu nel plasmare il panorama politico e culturale dell’Asia interna.

Fonte: Science Advances

2