Antichi piercing scoperti in tombe del Neolitico

Gli archeologi hanno scoperto una collezione di oggetti a forma di borchia che potrebbero rappresentare i primi esempi convincenti di piercing risalenti al Neolitico

0
181
Piercing

Gli archeologi hanno scoperto una collezione di oggetti a forma di borchia che potrebbero rappresentare i primi esempi convincenti di piercing e che non sembrerebbero poi così fuori posto se decorassero le labbra delle persone di oggi. I reperti sono stati trovati nelle tombe di un insediamento neolitico nel sud-est della Turchia.

Piercing

Ornamenti per la perforazione del corpo ricordano i piercing

Il sito, Boncuklu Tarla, è rinomato per la sua eccezionale collezione di diversi ornamenti personali: sono stati rinvenuti più di 100.000 manufatti decorativi da quando l’insediamento è stato esplorato per la prima volta nel 2012.

Ora rivendica le prime prove di esseri umani che hanno perforato e adornato la loro pelle con piccoli oggetti a forma di spina trovati appoggiati sopra o molto vicino alle orecchie e alle mascelle che fanno pensare che siano stati i primi piercing ornamentali.

Questi manufatti offrono una finestra unica sull’uso degli ornamenti per la perforazione del corpo da parte degli abitanti delle prime comunità sedentarie“, hanno osservato l’archeologo Ergül Kodaş dell’Università Mardin Artuklu di Türkiye e i suoi colleghi nel loro articolo pubblicato sulla scoperta dei piercing ante litteram.



La documentazione archeologica è piena di bellissimi pendenti, collane e ciondoli che le persone indossavano nella vita e nella morte, durante l’età del ghiaccio e della pietra. I tessuti carnosi come la pelle vengono raramente preservati, quindi è meno ovvio se un oggetto si trovasse sopra la pelle o sotto di essa in qualche modo.

Piercing

Kodaş e colleghi hanno esaminato le dimensioni e la forma degli oggetti trovati a Boncuklu Tarla, nonché la loro posizione nelle tombe rispetto ai resti umani e ai segni di usura sulle ossa.

Mentre alcuni dei piercing ritrovati si sono chiaramente spostati dalla loro sede di origine, molto probabilmente a causa dei roditori, altri pezzi “sono rimasti alloggiati in posizione sulla superficie superiore o inferiore del cranio o sotto la mascella inferiore“, hanno spiegato i ricercatori.

La pratica di indossare piercing sia emersa già intorno al 6400 aC nell’attuale Iran

Le mascelle di alcuni individui hanno mostrato anche segni di usura sul lato anteriore, cosa che accade quando un perno piatto chiamato labret viene indossato attraverso un piercing sotto il labbro inferiore.

Sono stati trovati esempi di gioielli che sembrano labret risalenti al 10.000 a.C. (circa 12.000 anni). Le prime prove convincenti dell’uso di un labret nell’Asia sudoccidentale prima di quest’ultima scoperta risalgono al 6.000 a.C. circa.

Altri manufatti trovati sparsi nell’Asia sudoccidentale sono stati dedotti come piercing in base alla loro forma e non sono stati trovati direttamente associati alle parti del corpo attraverso le quali potrebbero essere stati indossati.

Altre raccolte di ricerche passate hanno indicato che la pratica di indossare piercing sia emersa già intorno al 6400 aC nell’attuale Iran e si sia diffusa in Mesopotamia. L’usanza si è manifestata successivamente in altre società in tutta l’Africa e nell’America centrale e meridionale.

Piercing

Kodaş e colleghi hanno finora descritto 85 oggetti trovati nelle tombe di Boncuklu Tarla che sembrano essere ornamenti indossati come piercing, realizzati con materiali come pietra calcarea, selce, rame e ossidiana, un vetro vulcanico.

Questi oggetti sono stati trovati nelle tombe di sette adulti maschi e nove femmine adulte, appollaiati sopra o vicino ai loro scheletri.

Sulla base dello strato di sedimenti da cui sono stati scavati e della precedente datazione al carbonio di tali sedimenti, cinque degli 85 oggetti risalgono a un periodo compreso tra il 10.000 e l’8.000 a.C. circa, rendendoli i primi esempi conosciuti di piercing.

I piercing erano probabilmente un ornamento associato al fatto di essere adulti

Nessun bambino, tuttavia, aveva ornamenti per le orecchie o labret vicino alla testa. Invece, venivano spesso sepolti con pendenti e perline, come in altre culture.

I piercing erano “probabilmente qualcosa associato all’essere adulti”, ha detto l’archeologa e autrice dello studio Emma Baysal dell’Università di Ankara in Turchia: “Forse una sorta di status sociale associato all’età o un ruolo particolare nella società”.

Dei sette tipi distinti di ornamenti trovati, un tipo è stato trovato più volte accanto alle orecchie degli occupanti adulti delle tombe. I ricercatori pensano che questi oggetti a forma di chiodo, spesso sormontati da intarsi di pietra, fossero probabilmente inseriti nella carne o nella cartilagine dell’orecchio.

Piercing

Gli orecchini e i labret di varie lunghezze misuravano tutti almeno 7 millimetri (0,3 pollici) di diametro, il che avrebbe richiesto perforazioni considerevoli e probabilmente permanenti della pelle.

Sebbene solo una piccola parte delle migliaia di perline e ornamenti trovati a Boncuklu Tarla fossero progettati, a quanto pare, per la decorazione di orecchie e labbra, la loro presenza mostra “che la gente di Boncuklu Tarla praticava ornamenti che comportavano l’adattamento permanente del corpo umano in almeno due zone: l’orecchio e il labbro inferiore“, ha concluso l’equipe.

2