Preistoria: sfatato un mito sulla caccia e la raccolta

La tesi che vuole gli uomini cacciatori e le donne raccoglitrici che non partecipavano alla caccia, soprattutto durante la preistoria, sta venendo sfatata dalle ultime discussioni e ricerche accademiche

0
1236
Preistoria: sfatato un mito sulla caccia e la raccolta
Preistoria: sfatato un mito sulla caccia e la raccolta

Il mito che vuole l’uomo primitivo come cacciatore e la donna esclusivamente come raccoglitrice sembra essere una delle baggianate più grandi provenienti dalla preistoria. Questa tesi infatti si sta sempre più indebolendo grazie alle nuove discussioni, ricerche e scoperte di ambito accademico.

Una nuova revisione delle prove archeologiche e della fisiologia umana ipotizza fortemente che i moderni ruoli di genere caratterizzano anche le nostre ricostruzioni del passato. Secondo quanto affermato dalle antropologhe-biologhe Sarah Lacy dell’Università del Delaware e Cara Ocobock dell’Università di Notre Dame, le donne sono “adatte ad attività di resistenza come la caccia” e ci sono poche prove a sostegno della donna assente da questa attività.

Preistoria: le teorie delle due studiose

Insieme, Lacy e Ocobock sfidano l’influente teoria dell'”uomo cacciatore”, avanzata per la prima volta negli anni ’60 da antropologi maschi, che consideravano il proprio sesso intellettualmente e fisicamente superiore.

Lacy ha detto tramite alcune dichiarazioni riportate da Science Alert: “C’erano donne che pubblicavano sull’argomento negli anni ’70, ’80 e ’90, ma il loro lavoro continuava a essere relegato a: ‘Oh, questa è una critica femminista o un approccio femminista'”. E ancora: “Volevamo sia riprendere le argomentazioni che avevano già avanzato sia aggiungervi tutte le novità”.

Analizzando i dati sul Paleolitico, un periodo che copre la storia umana fino all’avvento dell’agricoltura, Lacy e Ocobock sostengono che c’è poco che suggerisca una divisione sessuale del lavoro durante il Paleolitico.

Le prove originariamente utilizzate per sostenere gli uomini come cacciatori, come la fabbricazione di utensili, la rottura della selce o il lancio di lance, potrebbero essere state tutte facilmente eseguite dalle mani delle donne, dicono. Inoltre, gli scheletri maschili e femminili del passato sono entrambi sepolti con armi e accessori per la caccia grossa , indicando la mancanza di una gerarchia sociale basata sul sesso. Questi resti umani ospitano anche modelli di trauma simili e, sebbene i corpi maschili mostrino segni più chiari di lanci ripetuti, ciò non esclude le femmine da altre tecniche di caccia.



Le prove giunte fino a noi

Anche ai giorni nostri, ci sono ampie prove che suggeriscono che le tribù di cacciatori-raccoglitori spesso condividono i ruoli di caccia tra i sessi. All’inizio di quest’anno, ad esempio, uno studio ha rilevato che quasi l’80% delle società di cacciatori-raccoglitori del secolo scorso mostrano prove di caccia femminile. Inoltre, nelle società in cui la selvaggina è la principale fonte di cibo, le donne partecipavano alla caccia nel 100% dei casi. Invece di restare al campo a prendersi cura dei bambini, le madri in queste società spesso portavano con sé i propri figli durante la caccia o la pesca.

Il contributo delle donne

Le femmine Agta delle Filippine, ad esempio, hanno strategie e armi uniche per uccidere gli animali, che differiscono significativamente dalle tecniche di caccia dei maschi. Nonostante ciò, entrambi i sessi trascorrono lo stesso tempo a rintracciare o uccidere le prede e le femmine spesso lo facevano durante le mestruazioni o mentre trasportavano bambini allattati.

L’idea che i corpi femminili siano mal equipaggiati o incapaci di cacciare è falsa. In un documento di supporto incentrato sulla fisiologia umana, Lacy e Ocobock sostengono che “le donne sono tristemente sottorappresentate negli studi di fisiologia dell’esercizio e di medicina dello sport”.

In effetti, uno studio recente ha rilevato che solo il 34% dei partecipanti allo studio sulla ricerca sullo sport e sull’esercizio fisico erano donne. Inoltre, solo il 3% degli studi sulle prestazioni atletiche umane prende in considerazione solo le donne. Gli autori non negano che esistano reali differenze biologiche tra maschi e femmine, ma sostengono che queste differenze vengono troppo spesso ignorate, sottovalutate o interpretate male per allinearsi agli stereotipi moderni.

I corpi femminili, ad esempio, tendono ad essere più adatti per le attività di resistenza estrema, che è un’abilità chiave necessaria per la caccia alla selvaggina di grandi dimensioni. Anche se, in media, le femmine sono meno veloci e potenti dei maschi, ciò non significa che il loro contributo fisico sia inutile.

2