Antico DNA estratto da ossa umane riscrive la prima storia giapponese

L'antico DNA estratto da ossa umane ha riscritto la prima storia giapponese sottolineando che le popolazioni moderne in Giappone hanno un'origine genetica tripartita, una scoperta che perfeziona le opinioni precedentemente accettate di una doppia discendenza genomica

L’antico DNA estratto da ossa umane ha riscritto la prima storia giapponese sottolineando che le popolazioni moderne in Giappone hanno un’origine genetica tripartita, una scoperta che perfeziona le opinioni precedentemente accettate di una doppia discendenza genomica.

Dodici antichi genomi giapponesi recentemente sequenziati mostrano che le popolazioni moderne possiedono effettivamente le firme genetiche dei primi cacciatori-raccoglitori-pescatori indigeni Jomon e degli agricoltori Yayoi immigrati, ma aggiungono anche una terza componente genetica che è legata ai popoli Kofun, la cui cultura si è diffusa in Giappone tra il III e VII secolo d.C..

Rapide trasformazioni culturali

L’arcipelago giapponese è stato occupato dall’uomo per almeno 38.000 anni, ma il Giappone ha subito rapide trasformazioni solo negli ultimi 3.000 anni, prima dal foraggiamento alla coltivazione del riso umido, e poi a uno stato imperiale tecnologicamente avanzato.

La precedente ipotesi di lunga data suggeriva che le popolazioni giapponesi continentali derivassero dalla doppia discendenza dagli indigeni cacciatori-raccoglitori-pescatori Jomon, che abitarono l’arcipelago giapponese da circa 16.000 a 3.000 anni fa, e in seguito dagli agricoltori Yayoi, che migrarono dal continente asiatico e vissero in Giappone dal 900 a.C. al 300 d.C. circa.

Ceramiche Jomon scavate dal cumulo di conchiglie Odake (Early Jomon). Uno scheletro sepolto in questo sito aveva una specifica pratica di sepoltura in cui il corpo veniva posto in posizione flessa con le gambe piegate
Ceramiche Jomon scavate dal cumulo di conchiglie Odake (Early Jomon). Uno scheletro sepolto in questo sito aveva una specifica pratica di sepoltura in cui il corpo veniva posto in posizione flessa con le gambe piegate

Ma i 12 antichi genomi giapponesi recentemente sequenziati – che provenivano dalle ossa di persone che vivevano in periodi pre e post-agricoltura – identificano anche un successivo afflusso di antenati dell’Asia orientale durante il periodo imperiale Kofun, che durò dal 300 al 700 d.C. che ha visto l’emergere della centralizzazione politica in Giappone.

Shigeki Nakagome, Assistant Professor in Psichiatria presso la School of Medicine del Trinity College di Dublino, ha guidato la ricerca, che ha riunito un team interdisciplinare di ricercatori dal Giappone e dall’Irlanda. Il professor Nakagome ha affermato: “I ricercatori hanno imparato sempre di più sulle culture dei periodi Jomon, Yayoi e Kofun man mano che vengono mostrati manufatti sempre più antichi, ma prima della nostra ricerca sapevamo relativamente poco delle origini genetiche e dell’impatto della transizione agricola e dello stato successivo. -fase di formazione”.

“Ora sappiamo che gli antenati derivati ​​da ciascuna delle fasi di foraggiamento, agraria e formazione dello stato hanno dato un contributo significativo alla formazione delle popolazioni giapponesi odierne. In breve, abbiamo un modello tripartito completamente nuovo di origini genomiche giapponesi, invece del modello a doppia discendenza che è stato mantenuto per un tempo significativo”.

Approfondimenti genomici nelle principali trasformazioni giapponesi

Oltre alla scoperta generale, le analisi hanno anche scoperto che lo Jomon ha mantenuto una piccola dimensione effettiva della popolazione di circa 1.000 per diversi millenni, con una profonda divergenza dalle popolazioni continentali datate a 20.000-15.000 anni fa – un periodo che ha visto il Giappone diventare più geograficamente insulare a causa dell’innalzamento del livello del mare.

L’arcipelago giapponese era diventato accessibile attraverso la penisola coreana all’inizio dell’ultimo massimo glaciale, circa 28.000 anni fa, consentendo il movimento e l’allargamento dello stretto di Corea da 16.000 a 17.000 anni fa a causa dell’innalzamento del livello del mare che potrebbe aver portato al successivo isolamento del lignaggio Jomon dal resto del continente. Questi tempi coincidono anche con le più antiche testimonianze della produzione di ceramiche Jomon.

“Gli indigeni Jomon avevano il loro stile di vita e la loro cultura unici in Giappone per migliaia di anni prima dell’adozione della coltivazione del riso durante il successivo periodo Yayoi. La nostra analisi rileva chiaramente che si tratta di una popolazione geneticamente distinta con un’affinità insolitamente elevata tra tutti gli individui campionati, anche quelli che differiscono di migliaia di anni e scavati da siti su isole diverse”, ha spiegato Niall Cooke, PhD Researcher presso Trinity. “Questi risultati suggeriscono fortemente un prolungato periodo di isolamento dal resto del continente”.

La diffusione dell’agricoltura è spesso caratterizzata dalla sostituzione della popolazione, come documentato nella transizione neolitica in gran parte dell’Europa, con solo contributi minimi da parte delle popolazioni di cacciatori-raccoglitori osservati in molte regioni. Tuttavia, i ricercatori hanno trovato prove genetiche che la transizione agricola nel Giappone preistorico ha comportato il processo di assimilazione, piuttosto che di sostituzione, con contributi genetici quasi uguali dagli indigeni Jomon e dai nuovi immigrati associati alla coltivazione del riso umido.

Diverse linee di prove archeologiche supportano l’introduzione di nuovi grandi insediamenti in Giappone, molto probabilmente dalla penisola coreana meridionale, durante la transizione Yayoi-Kofun. E le analisi forniscono un forte supporto allo scambio genetico coinvolto nella comparsa di nuovi tratti sociali, culturali e politici in questa fase di formazione dello stato.

“L’arcipelago giapponese è una parte del mondo particolarmente interessante da indagare utilizzando una serie temporale di campioni antichi, data la sua eccezionale preistoria di continuità di lunga data seguita da rapide trasformazioni culturali. Le nostre intuizioni sulle complesse origini del giapponese moderno mostrano ancora una volta il potere dell’antica genomica di scoprire nuove informazioni sulla preistoria umana che non potrebbero essere viste altrimenti”, ha aggiunto Dan Bradley, professore di genetica delle popolazioni presso la Trinity’s School of Genetics and Microbiology, che ha co-diretto il progetto.

Articoli più letti

Related articles