16 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomePreppingI disastri naturali che misero quasi fine al mondo

I disastri naturali che misero quasi fine al mondo

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La bellezza e il mistero della natura e dello spazio sono maestosi, finché non si considera che queste forze potrebbero rapidamente e senza preavviso colpirci rendendo l’umanità solo un ricordo. Ecco alcuni dei peggiori disastri naturali che abbiamo evitato:

La tempesta solare del 2012 

Nel 2014, la NASA ha confermato che due anni prima, nel luglio 2012, una tempesta solare più potente di qualsiasi altra in oltre cento anni ha quasi colpito il nostro pianeta. Conosciuto come CME, o espulsione di massa coronale, una tempesta solare o brillamento solare è una radiazione ultravioletta e raggi X seguiti da nuvole di plasma magnetizzato che espelle dal sole. Nel nostro caso, questa pericolosa combinazione potrebbe aver raggiunto la Terra alla velocità della luce.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli specialisti della NASA ritengono che ci vorrebbe circa un giorno intero prima che questo tipo di tempesta ci raggiunga. Quindi, al contatto, tutte le nostre reti elettriche e tutto ciò che fa affidamento su di esse sarebbe fritto, riportandoci indietro di centinaia di anni per quanto riguarda la tecnologia. Questo è in aggiunta a ciò che potrebbe potenzialmente fare alle forme di vita biologiche e all’ambiente. Un blackout in tutto il mondo.

Correlato: Migliori film sulla sopravvivenza su Netflix in questo momento

Il supervulcano Toba 

70.000 anni fa, il Supervulcano Toba è ora sommerso da un lago sull’isola indonesiana di Sumatra, causò un’esplosione catastrofica di livello 8 da Toba, eruttando ben 2.800 chilometri cubi di cenere, roccia e magma. Lo scrittore scientifico Sam Kean teorizza che la nuvola di cenere dell’eruzione abbia bloccato il sole per diversi anni. Le temperature diminuirono drasticamente, scomparvero le praterie, la selvaggina grossa e vari tipi di frutta.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Correlato: Hunga erutta ancora: l’arcipelago di Tonga, sotto la cenere, sparito dal mondo

Il vulcano Laki 

L’eruzione del 1783 del vulcano Laki, in Islanda, iniziata l’8 giugno e durata otto mesi, ha vomitato lava e cenere lungo una catena per 23. Sebbene l’eruzione non sia stata la più grande nella storia registrata, la quantità di materiale espulso ha avuto un impatto molto più duraturo rispetto ad altri vulcani.

Nella sola Islanda, le otto mega tonnellate di anidride solforosa e fluoro che sono state rilasciate sono rimaste relativamente vicine alla superficie terrestre mescolandosi al vapore nell’aria e causando piogge acide. Altri gas più pesanti si sono depositati su erba, alberi, piante e raccolti, asfissiando il bestiame. Si stima che quasi un quarto della popolazione islandese sia morta a causa della carestia e delle malattie causate dall’eruzione. A causa degli effetti dell’eruzione e dei successivi gas rilasciati, l’intero emisfero settentrionale ha subito temperature più fredde e foschia lasciata dallo zolfo e dal fluoro.

Una esplosione di una supernova

Ci sono prove crescenti che 340.000 anni fa una stella esplose e le radiazioni si scontrarono con la terra, sconvolgendo il nostro strato di ozono. La supernova di tipo II ha lasciato una bolla di gas molto vicino al nostro sistema solare, come è stato scoperto nel 1972 da astronomi italiani, principalmente il dottor Giovanni Bignami. La moderna comunità astronomica concorda sul fatto che l’effetto dell’esplosione iniziale e della radiazione che raggiungeva la terra fu percepito dai nostri antenati come una scottatura solare.

Correlato: Hubble riprende l’esplosione di una supernova – ecco il time lapse

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Secondo il dottor Jules P. Halpern della Columbia University, ciò che si può osservare oggi è una piccola stella di neutroni, tutto ciò che resta di quella che una volta era un’esplosione che al confronto faceva impallidire il nostro sole. Se la supernova, il suo collasso ed esplosione fossero stati più vicini, avrebbe avuto un effetto devastante su tutta la vita e distrutto il venti per cento dell’atmosfera terrestre.

Il terremoto dello Shaanxi 

Quello che oggi sarebbe probabilmente un disastro locale contenuto avrebbe potuto essere una catastrofe con il potenziale per innescare altri disastri solo poche centinaia di anni fa.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il 23 gennaio del 1556 nello Shaanxi, ora parte della Repubblica popolare cinese centrale,  è stato colpito dal più grande e distruttivo terremoto della storia nella parte meridionale della provincia in un’area conosciuta come Huaxian. Il terremoto di magnitudo 8 ha provocato la morte e il ferimento di oltre 830.000 persone. È stato anche riferito, anche se non confermato, che intere montagne sono crollate sotto la forza del terremoto anche se è durato pochi secondi.

Correlato: Il più grande terremoto mai registrato nel Mediterraneo

La gente del posto che ha vissuto l’evento ha iniziato a ricostruire lo Shaanxi costruendo case e altre strutture con bambù e materiali leggeri o più resistenti. Si ritiene che questo sia l’unico terremoto conosciuto abbastanza forte e improvviso da alterare persino il corso di alcuni fiumi della zona.

La meteora di Chelyabinsk 

Il 15 febbraio 2013, una meteora grande e abbastanza vicina da bloccare temporaneamente la luce solare si è diretta verso la terra esplodendo sopra Chelyabinsk, in Russia, appena a nord del Kazakistan.

Con una esplosione più forte di una testata nucleare, secondo Elizabeth Howell di Space.com, la pressione ha fatto esplodere le finestre, ferito quasi 1.200 persone senza impatto diretto ed è stata rilevata fino all’Antartide. Immagina cosa sarebbe potuto succedere se avesse avuto un contatto diretto con la superficie terrestre in un’area densamente popolata!

Correlato: L’asteroide di Chelyabinsk e i pericoli di un impatto – video

L’esplosione di Tunguska in Siberia 

1908, la Russia aveva perso una guerra contro l’impero giapponese (tre anni prima) e ha vissuto una rivoluzione popolare fallita conclusasi nel sangue. Nel frattempo, sopra il fiume Tunguska, un’esplosione squarciò il cielo con una potenza sufficiente per abbattere una foresta in tutte le direzioni, al punto che i segni dell’evento sono visibili ancora oggi.

Correlato: Tunguska, cosa sappiamo 112 anni dopo la grande esplosione

Anche adesso, a più di un secolo di distanza, la lontananza della Taiga siberiana rende difficile la visita dell’area, ma le limitate osservazioni e lo studio del fenomeno supportano fortemente la possibilità che una cometa si sia bruciata nell’atmosfera ed esplosa sopra l’area.

A causa della natura della balistica, la pressione dell’esplosione forzata verso la terra ha spazzato via alberi, flora e fauna e ha lasciato quello che è essenzialmente un campo aperto fino ad oggi. Leonid Kulik fu la prima persona a esaminare il sito nel 1921 e scoprì che non c’era cratere.

Una volta lì, una delle esperienze più inquietanti che puoi avere è camminare attraverso una foresta pietrificata di alberi abbattuti da qualcosa di diverso dagli umani. Questo è anora oggi il sito dell’esplosione di Podkamennaya Tunguska.

Il vulcano monte Tambora eruttò, dando il via all’anno senza estate

Il monte Tambora fu distruttivo sia durante la sua eruzione che in seguito. Subito dopo, l’eruzione del vulcano e il successivo tsunami hanno causato la morte di 10.000 indonesiani. Sebbene questo di per sé sia ​​straziante, gli effetti persistenti causati dall’eruzione sono stati studiati da allora.

L’anno senza estate, conosciuto in tutto il mondo a causa dell’esplosione del Tambora, è stato un evento in cui durante i mesi estivi è caduta la neve fino al New England negli Stati Uniti e i raccolti sono stati distrutti dal freddo.

L’asteroide DA14 del 2012 

Era il 15 febbraio 2013. Lo stesso giorno in cui la meteora di Chelyabinsk è esplosa sulla Taiga siberiana, un asteroide chiamato DA14 ha superato la Terra di soli 33.000 chilometri.

Sebbene la traiettoria dell’asteroide non abbia messo in pericolo la Terra, non dovrebbe essere ignorata, poiché, è l’oggetto registrato che si è avvicinato alla Terra più di qualsiasi altro senza causare danni. Il suo percorso era così vicino che in ha sfiorato satelliti meteorologici e per telecomunicazioni in orbita attorno al nostro pianeta.

Quinn cita Rusty Schweickart della B1612 Foundation dicendo: “Siamo in un tiro a segno e questa ne è una prova grafica”. Schweickart, presidente della fondazione, è specializzato nella ricerca per proteggere la terra da pericolosi asteroidi, comete e meteore.

L’asteroide QA2 è sfuggito al rilevamento e ha quasi colpito la Terra

Nell’agosto del 2016, l’asteroide QA2 si è avvicinato pericolosamente alla terra, a meno di un quarto della distanza dalla luna. QA2 non è stato rilevato perché:

Si è scoperto che l’orbita di QA2 è ellittica, il che, in parole povere, significa che si muove secondo uno schema ovulare irregolare che si intrecciava con l’orbita terrestre sempre più da vicino. A causa delle sue piccole dimensioni, 15-30 metri, è anche più difficile da vedere e quindi più difficile da tracciare.

Sia che sia grande 15 o 150 metri, un asteroide che colpisce la terra nel posto giusto con la giusta traiettoria può causare danni irreversibili.

L’asteroide RB1 nel 2016

Andrew Follett del Daily Caller ha riferito che un altro asteroide del 2016, RB1, è stato rilevato solo due giorni prima che sorvolasse la Terra a settembre ed è solo uno dei 1.218 asteroidi “vicino alla Terra” scoperti solo nel 2016, e che circa 1.500 asteroidi vengono rilevati ogni anno.

Follett aggiunge che le organizzazioni di esplorazione spaziale in tutto il mondo hanno identificato positivamente fino a 13.500 asteroidi che si sono avvicinati alla Terra più di dei nostri satelliti. Si ritiene che se RB1 avesse colpito la terra, avrebbe causato un’esplosione 119 volte la forza della bomba atomica sganciata su Hiroshima.

L’evento Younger Dryas 

Come per la meteora di Chelyabinsk che ha praticamente bombardato la Terra alcuni anni fa, ci sono prove crescenti a sostegno della convinzione della comunità scientifica che un evento simile si sia verificato circa 12.000 anni fa, provocando l’evento detto Younger Dryas.

Studiando i resti e il suolo degli insediamenti umani dello stesso periodo, i dati raccolti indicano quella che una cometa esplose sopra il Nord America, lanciando roccia fusa in tutte le direzioni e avvicinandosi a incendiare l’intero continente.

Correlato: Un impatto cosmico distrusse uno dei primi insediamenti umani al mondo

In seguito all’esplosione e ai violenti incendi boschivi, le temperature sono diminuite, con un conseguente periodo di raffreddamento estinguendo la cultura Clovis, un sottogruppo estinto di antichi umani.

Il “grande freddo”

L’isotopo marino noto come “Big Chill” ci ha testimoniato che 150.000 anni fa qualcosa raffreddò drasticamente le temperature planetarie, riducendo ancora una volta la popolazione umana a numeri molto piccoli. Studiando i livelli di ossigeno nei sedimenti oceanici, gli scienziati sono stati in grado di determinare che a quel tempo l’unico mondo che gli esseri umani conoscevano era un deserto di ghiaccio freddo, secco e senza vita con pochissimo cibo e acqua.

Esther Inglis-Arkell dipinge un quadro cupo dell’ambiente che sfidava le piccole sacche sparse di esseri umani che esistevano in quel momento. È interessante notare che si ritiene che vivere in piccoli gruppi isolati sia ciò che ha aiutato gli esseri umani a sopravvivere e ad aumentare il loro numero mentre le temperature globali si sono lentamente riscaldate di nuovo, ponendo fine all’era glaciale.

Correlato: L’interno della Terra si sta raffreddando più velocemente di quanto pensassimo

Articoli più letti