Donna vampiro del 15° secolo sepolta con un mattone in bocca (foto)

Una donna “vampiro” del XVI secolo è stata sepolta con un mattone di pietra in bocca e grazie al lavoro di un esperto di ricostruzione facciale è stato possibile darle un volto

2
36204
Donna vampiro

Una donna vampiro del XVI secolo è stata sepolta con un mattone di pietra in bocca e grazie al lavoro di un esperto di ricostruzione facciale è stato possibile darle un volto.

Donna vampiro

Perché la donna vampiro è stata sepolta con un mattone in bocca?

Scoperta in una fossa comune per le vittime della peste, la donna vampiro potrebbe essere stata sospettata di diffondere la peste attraverso la sua sete di sangue, da qui la necessità bloccarle la bocca con un mattone in pietra.

Il corpo è stato scoperto per la prima volta nel 2006 durante gli scavi di un luogo di sepoltura sull’isola del Lazzaretto Nuovo nella laguna di Venezia. Un tempo utilizzata come sanatorio per i malati di peste, l’isola è diventata il luogo di riposo finale di un gran numero di persone che sono morte durante un’epidemia nel 1576.

Donna vampiro



Nonostante sia precedente alla pubblicazione di Dracula di Bram Stoker di oltre 300 anni, questo periodo della storia europea ha visto un’ondata di isteria vampirica quando la gente del villaggio ha iniziato a cercare capri espiatori soprannaturali per le malattie mortali che hanno devastato il continente.

Si pensa che la teoria dei vampiri sia stata diffusa dai becchini italiani che regolarmente entravano in contatto con raccapriccianti cadaveri in decomposizione mentre riaprivano le sepolture di massa per aggiungere altri corpi.

Questi resti in decomposizione apparivano spesso orribilmente gonfi di fluidi corporei che fuoriuscivano dalla bocca e dal naso, portando all’idea che stessero banchettando con il sangue dei loro compagni di tomba. In alcuni casi, i sudari posti sulle bocche dei cadaveri potrebbero essersi decomposti, suscitando l’idea che i vampiri in qualche modo traessero forza dal mangiare questi pezzi di stoffa.

L’isteria sui vampiri è partita dai becchini

Analizzando il cadavere della donna vampiro, i ricercatori hanno concluso che il mattone è stato intenzionalmente messo nella bocca della donna dai becchini che avevano notato che aveva “mangiato” il suo sudario. L’inserimento della pietra potrebbe quindi aver avuto lo scopo di impedirle di diffondere la peste mordendo altre vittime.

Donna vampiro

Ulteriori analisi delle ossa della donna vampiro hanno indicato che aveva circa 60 anni quando è morta e mangiava principalmente verdure e cereali, una dieta indicativa di una classe sociale umile.

Donna vampiro

Sebbene queste informazioni non ci portino più vicino alla comprensione del motivo per cui questa persona sia stata considerata una donna vampiro, ricerche successive hanno suggerito che il mattone potrebbe essere finito nella bocca del cadavere della donna vampiro per sbaglio.

La ricostruzione del volto della donna vampiro

Per ricostruire il volto della donna, il designer 3D ed esperto forense Cícero Moraes ha prima abbozzato la vista frontale e laterale del cranio, nonché le arcate dentarie, utilizzando misurazioni e proiezioni del cranio reale.

Donna vampiro

Questo modello è stato poi arricchito digitalmente trasformando la scansione della tomografia computerizzata del volto di un individuo moderno per adattarla ai contorni del cranio antico.

Sebbene il volto della donna vampiro sia stato originariamente ricostruito dagli archeologi che per primi ne hanno analizzato i resti nel 2009, gli autori di quella ricerca hanno dichiarato di non aver condiviso i loro dati con Moraes.

La nuova approssimazione facciale sembra quindi basarsi su immagini dello scheletro disponibili online e di conseguenza potrebbe essere meno accurata del tentativo iniziale, che ha ricevuto ampia attenzione dopo essere stato presentato in un documentario del National Geographic.

Donna vampiro

Moraes ha creato una replica del mattone in polistirolo e ha condotto una serie di esperimenti per determinare se l’oggetto potesse essere stato deliberatamente inserito nella bocca della donna vampiro dopo la sua morte.

I risultati hanno indicato che il mattone avrebbe potuto essere inserito nella cavità orale senza danneggiare i denti o i tessuti molli, anche se non è ancora chiaro se ciò sia stato fatto intenzionalmente o meno.

2