Nebulosa Testa di Cavallo: le straordinarie immagini catturate da Webb

Il telescopio spaziale James Webb della NASA ha rilasciato le immagini a infrarossi più nitide fino ad oggi della Nebulosa Testa di Cavallo, catturando una porzione della “criniera” della nebulosa che è larga circa 0,8 anni luce e situata a circa 1.300 anni luce dalla Terra.

Nebulosa Testa di Cavallo

La Nebulosa Testa di Cavallo

La Nebulosa Testa di Cavallo, scoperta nel 1888, è uno dei soggetti preferiti dagli astronomi e l’immagine di Webb che rivela strutture su piccola scala come nuvole di colore blu e ciuffi di colore rosso nella parte illuminata non potrà che accrescere questa passione.

Nebulosa Testa di Cavallo

La Nebulosa Testa di Cavallo, situata vicino alla famosa cintura a tre stelle di Orione, è una gigantesca regione di formazione stellare che funge da vivaio stellare per pianeti, giovani nane brune e piccole stelle, rendendola una regione di particolare interesse per gli scienziati che studiano la formazione stellare.

Catturata con dettagli senza precedenti, l’immagine della nebulosa si concentra su una porzione della “criniera” del cavallo: “Le osservazioni mostrano una parte dell’iconica nebulosa sotto una luce completamente nuova, catturandone la complessità con una risoluzione spaziale senza precedenti”, ha dichiarato l’Agenzia spaziale europea (ESA).

I dettagli catturati da Webb

L’immagine di Webb della Nebulosa Testa di Cavallo è la più recente, ma non è la prima. Come accennato prima, è stata scoperta nel 1888 dall’astronoma scozzese Williamina Fleming, la nebulosa è uno dei soggetti preferiti dagli astronomi dilettanti e professionisti e abbellisce la copertina dei libri di astronomia da oltre un secolo.

Per la prima volta in assoluto, grazie agli strumenti MIRI (strumento nel medio infrarosso) e NIRCam (fotocamera nel vicino infrarosso) di Webb, strutture su piccola scala come nuvole di colore blu e ciuffi di colore rosso, del bordo illuminato della Testa di Cavallo Ora è possibile vedere la nebulosa.

Le nuvole eteree che appaiono blu nella parte inferiore dell’immagine sono piene di una varietà di materiali tra cui idrogeno, metano e acqua ghiacciata“, ha affermato il comunicato stampa di Webb .

I ciuffi di colore rosso che si estendono sopra la nebulosa principale rappresentano sia l’idrogeno atomico che quello molecolare. La luce ultravioletta proveniente dalle stelle giovani e massicce vicine crea un’area prevalentemente neutra e calda di gas e polvere tra il gas completamente ionizzato sopra e la nebulosa sottostante. Come in molte immagini di Webb, le galassie distanti sono sparse sullo sfondo”.

Nel 2023, il telescopio Euclid dell’ESA ha rilasciato un’immagine della nebulosa catturata in appena un’ora con una singola osservazione, rivelando pianeti della massa di Giove mai visti prima nella loro infanzia celeste.

Nebulosa Testa di Cavallo

Situata a sud della stella Alnitak, la più orientale della famosa cintura a tre stelle di Orione e parte della vasta nube molecolare di Orione, la Nebulosa Testa di Cavallo è la regione di formazione stellare gigante più vicina alla Terra.

Sebbene l’immagine della nebulosa di Webb sia la più recente, probabilmente non sarà l’ultima, poiché il vivaio stellare è il luogo di nascita di pianeti, giovani nane brune e piccole stelle.

Siamo particolarmente interessati a questa regione perché la formazione stellare avviene in condizioni molto speciali”, ha spiegato lo scienziato Eduardo Martin Guerrero de Escalante dell’Instituto de Astrofisica de Canarias a Tenerife, Spagna.

Conclusioni

La Nebulosa Testa di Cavallo, conosciuta anche come Barnard 33, e la sua compagna, la Nebulosa Fiamma, si trovano vicino alla stella Alnitak nella Cintura di Orione. Oggi sappiamo che la Testa di Cavallo è una nebulosa oscura, che divora luce, fatta di gas freddo e polvere. E, come ha mostrato Barnard, la forma caratteristica di questa nuvola scura è visibile solo perché la sua sagoma oscura la luce della nebulosa più luminosa dietro di essa.

Nebulosa Testa di Cavallo

La “mascella” prominente del cavallo è in realtà modellata dall’intensa radiazione proveniente da una stella vicina che soffia sulla nuvola scura. E per quanto sia facile concentrarsi su questo oggetto carismatico, la Nebulosa Testa di Cavallo è solo un pezzo del molto più grande Complesso della Nube Molecolare di Orione.

Questa regione di formazione stellare si estende per centinaia di anni luce e copre gran parte della stessa costellazione di Orione. E studiandolo, gli astronomi hanno scoperto che il vivaio stellare ha già dato alla luce giovani stelle, alcune anche con dischi protoplanetari.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

La fisica cambia andando avanti o indietro nel tempo?

Le interazioni deboli violano la T-simmetria, dimostrando che le leggi della fisica non sono identiche se il tempo scorre avanti o indietro

Infezioni urinarie: in arrivo un vaccino per prevenirle?

Le infezioni urinarie rappresentano una delle condizioni mediche più...

Venere: individuati possibili segni di vita

Un team di ricercatori ha presentato nuove prove della...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Paradosso di Fermi: la realtà non è quella che ci appare

Tra i tentativi più fantasiosi di rispondere al paradosso di Fermi l'ipotesi del planetario vorrebbe che tutti noi fossimo immersi in una simulazione perfetta di una realtà virtuale.

Cosa sono i prodotti a base di CBD e quali sono i loro benefici

Il cannabidiolo, comunemente noto come CBD, è uno dei...

Articoli correlati

Popular Categories