Parco Nazionale di Ubeidiya: inaugurato il sito archeologico più antico di Israele

Il Parco Nazionale di Ubeidiya nella Valle del Giordano è stato inaugurato e aperto al pubblico giovedì 4 Aprile 2024. Il sito archeologico preistorico è il più antico d'Israele, risalente a 1,6 milioni di anni fa, ed è riconosciuto come uno dei primi al di fuori dell'Africa

2
104
Parco Nazionale di Ubeidiya

Il Parco Nazionale di Ubeidiya nella Valle del Giordano è stato inaugurato e aperto al pubblico giovedì 4 Aprile 2024. Il sito archeologico preistorico è il più antico d‘Israele, risalente a 1,6 milioni di anni fa, ed è riconosciuto come uno dei primi al di fuori dell’Africa.

Parco Nazionale di Ubeidiya

Parco Nazionale di Ubeidiya: un sito preistorico di inestimabile importanza scientifica

Nel sito archeologico di Ubeidiya sono stati rinvenuti specie estinte come mammut e tigri dai denti a sciabola, animali selvatici più familiari all’Africa come giraffe e ippopotami, nonché resti di primitivi ominini.

Il sito preistorico è stato identificato casualmente per la prima volta nel 1959 da Izzy Marimsky, una guida naturalistica residente nel vicino Kibbutz Beit Zera. Nel corso degli anni, una serie di scavi hanno portato alla luce prove dell’esistenza degli antichi esseri umani che vi hanno vissuto, chiamati ominini, appartenenti alla specie Homo erectus.

Ogni anno, l’Autorità israeliana per le antichità [IAA] valorizza decine di siti archeologici, rendendoli accessibili al pubblico. Ma ‘Ubeidiya è unica: si tratta di un sito preistorico di inestimabile importanza scientifica per la ricerca sugli inizi della razza umana“, ha dichiarato il direttore Eli Escusido.



Il direttore generale dell’Autorità per la natura e i parchi israeliani Raya Shurky ha spiegato l’importanza della regione di ‘Ubeidiya come un interessante viaggio nel tempo: “Il sito contiene tre aree importanti che si collegano a un patrimonio nella storia della nostra terra. In primo luogo, il sito preistorico di ‘Ubeidiya rappresentano l’ingresso dell’uomo in Medio Oriente 1,5 milioni di anni fa”.

Parco Nazionale di Ubeidiya

In secondo luogo, l’adiacente Tell ‘Ubeidiya rappresenta il primo Israele, basato sull’iscrizione del faraone egiziano Merneptah. E infine, Moshav Menahemia rappresenta l’inizio del movimento sionista, fondato qui nel 1901 proprio in questo distretto, e ha annunciato la nascita del sionismo in tutta la regione“, ha continuato Shurky.

Questi tre siti raccontano la storia e forniscono un quadro completo della vita in questa regione nel corso della storia fino ai nostri giorni“, ha continuato.

Il capo del Consiglio regionale della Valle del Giordano e presidente di United Kinneret Towns, Idan Grinbaum, è stato citato nella dichiarazione: “Invito tutti a venire qui e vedere da vicino uno dei siti del patrimonio più importanti del mondo e i suoi reperti preistorici“.

Parco Nazionale di Ubeidiya: fondamentale per comprendere lo sviluppo dell’umanità

Il parco pubblico è stato descritto come la prima delle tre fasi di sviluppo del sito. Il laboratorio originale del campo di scavo verrà aperto come centro visitatori in una fase successiva.

Il sito di ‘Ubeidiya è uno dei primi siti preistorici conosciuti al di fuori dell’Africa. Ha 30 strati geologici che contengono prove dell’attività umana, rendendolo fondamentale per comprendere lo sviluppo dell’umanità primitiva e le prime migrazioni fuori dall’Africa, anche se in loco sono stati trovati pochi resti umani.

Parco Nazionale di Ubeidiya

L’eccellente conservazione dei materiali ritrovati nel sito consente di ricreare le prime condizioni ecologiche della Valle del Giordano“, hanno affermato i ricercatori, il prof. Omry Barzilai della Israel Antiquities Authority e dell’Università di Haifa, e la prof. Miriam Belmaker dell’Università di Tulsa.

C’è un’ampia selezione unica di specie che si possono trovare qui, di cui la maggior parte è estinta, e che comprende la fauna africana accanto a specie europee. Gli strumenti di selce e pietra di ‘Ubeidiya servivano ai suoi abitanti per eseguire attività quotidiane: macellazione e taglio di carcasse di animali, lavorazione di alimenti vegetali e altro ancora. Questi rappresentano la cultura acheuliana, comprese asce, raschietti, strumenti per tagliare, sferoidi e poliedri”, hanno osservato gli studiosi.

Ominidi e ominini: qual è la differenza?

L’uso attuale del termine “ominide” può creare confusione perché la definizione di questa parola è cambiata nel tempo.

Le definizioni recenti più comunemente utilizzate sono:

Ominidi: il gruppo costituito da tutte le grandi scimmie moderne ed estinte (ovvero, esseri umani moderni, scimpanzé, gorilla e oranghi più tutti i loro immediati antenati).

Ominini: il gruppo composto da esseri umani moderni, specie umane estinte e tutti i nostri antenati immediati (compresi i membri dei generi Homo, Australopithecus, Paranthropus e Ardipithecus).

Il termine “ominidi” aveva lo stesso significato che ha ora “ominini“. Era quindi un termine molto utile per designare la linea che conduce all’uomo moderno e veniva utilizzato per riferirsi a vari membri del nostro albero evolutivo umano.

Come gli ominini sono sfuggiti all'estinzione climatica 900.000 anni fa

Al termine “ominini” è stato ora assegnato un significato più ampio e ora si riferisce a tutte le grandi scimmie e ai loro antenati. Questa nuova terminologia viene già utilizzata in molte riviste scientifiche, ed è solo questione di tempo (ma forse di molti anni) prima che tutti prendano confidenza con l’uso della nuova definizione.

Il problema per studenti e insegnanti è che molti testi utilizzano ancora il vecchio sistema e anche molti siti Internet, anche quelli di molte istituzioni scientifiche rinomate, non sono riusciti a mettersi al passo. Quindi gli studenti/insegnanti dovranno essere consapevoli che “ominidi” può significare due cose diverse a seconda di quanto aggiornato sia un riferimento per quanto riguarda l’incorporazione di questi cambiamenti di tassonomia/classificazione.

2