Come gli ominini sono sfuggiti all’estinzione climatica 900.000 anni fa

Circa 900.000 anni fa, gli ominini nostri antenati si sono quasi estinti. Secondo i risultati di uno studio genomico pubblicato nel 2023, gli antenati dell’umanità moderna sono stati ridotti a una popolazione riproduttiva di appena 1.300 individui in un collo di bottiglia devastante che ci ha portato sull’orlo dell’annientamento.

Ominidi

La migrazione di massa degli ominini

Un nuovo studio ha scoperto che nello stesso periodo si è verificata una migrazione di massa di ominini dall’Africa. Si tratta di una scoperta che ha confermato la precedente datazione del declino demografico e ha indicato che i due siano legati ad un comune denominatore: un evento noto come transizione del Pleistocene medio, in cui il clima della Terraha subito un periodo di totale tumulto, eliminando diverse specie.

Ominidi

Il movimento dei primi esseri umani dall’Africa verso e attraverso l’Europa e l’Asia è difficile da ricostruire. La prova migliore che si ha a disposizione consiste in una scarsa documentazione di ossa e per lo più di manufatti in pietra, che può essere difficile datare.

Le prove hanno indicato tuttavia che non si è trattato di un unico evento, ma di molteplici ondate di primi ominini e antenati umani che hanno messo insieme le loro vite e hanno intrapreso lunghi viaggi in nuovi ambienti.

La perdita di diversità genetica

Due studi recenti hanno collegato la migrazione degli ominini a un collo di bottiglia della popolazione, sulla base di diversi tipi di analisi. Una lettura attenta del genoma umano ha scoperto che un collo di bottiglia nella popolazione ha causato una perdita di diversità genetica circa 900.000 anni fa. Un secondo studio, pubblicato poche settimane dopo, ha studiato i primi siti archeologici in Eurasia e ha datato il collo di bottiglia a 1,1 milioni di anni fa.

Questa discrepanza rende difficile identificare l’evento climatico che potrebbe aver causato o almeno contribuito al temporaneo calo numerico degli ominini, così i geologi Giovanni Muttoni dell’Università di Milano e Dennis Kent della Columbia University hanno intrapreso un lavoro per restringere il campo tempistica del collo di bottiglia.

In primo luogo, i ricercatori hanno rivalutato i registri dei siti dei primi insediamenti degli ominini in tutta l’Eurasia e hanno trovato un gruppo di siti datati in modo affidabile a 900.000 anni fa. In confronto, la datazione sui siti più antichi utilizzati come prova di un collo di bottiglia della popolazione era più ambigua e quindi discutibile.

Ominidi

Gli studiosi hanno confrontato i loro risultati con i registri dei sedimenti marini, che conservano prove di cambiamenti climatici sotto forma di isotopi di ossigeno. I rapporti di ossigeno intrappolato negli strati di sedimenti hanno indicato se il clima fosse più caldo o più freddo al momento in cui i minerali sono stati depositati.

I dati genomici e la datazione dei siti degli ominini insieme suggeriscono che il collo di bottiglia e la migrazione sono stati simultanei. Durante la transizione del Pleistocene medio, i livelli globali degli oceani sono crollati e l’Africa e l’Asia si sono prosciugate, con ampie zone di aridità.

La rapida migrazione degli ominidi

Gli ominini che vivevano in Africa avrebbero affrontato condizioni orribili esse do privi di cibo e acqua. Fortunatamente, con l’abbassamento del livello del mare, sono diventate disponibili le rotte terrestri verso l’Eurasia e gli animali hanno potuto spostarsi, secondo il modello dei ricercatori.

Questo non vuol dire, notano attentamente, che gli ominini non fossero migrati in precedenza. Piuttosto, il collo di bottiglia della popolazione nell’antenato del moderno Homo sapiens e la sua migrazione si sono verificati contemporaneamente a causa dello sconvolgimento climatico avvenuto circa 900.000 anni fa.

Ominidi

Suggeriamo che la maggiore aridità durante lo stadio 22 dell’isotopo marino, che ha causato la diffusione della savana e delle zone aride in gran parte dell‘Africa continentale, abbia spinto le prime popolazioni Homo Sapiens in Africa ad adattarsi o a migrare per evitare l’estinzione“, scrivono nel loro studio.

La rapida migrazione degli ominidi in risposta a un grave fattore scatenante climatico e i concomitanti mezzi di fuga sono ciò che può spiegare la migrazione fuori dall’Africa avvenuta 0,9 milioni di anni fa e contribuire alle moderne prove genomiche del collo di bottiglia nelle moderne popolazioni africane“.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Offerte Amazon di oggi: mini frigo portatili super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi vorrei proporti i...

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

Carburante sostenibile: progettato un nuovo metodo per generarlo

Un team di ricercatori ha dimostrato che l'anidride carbonica,...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Neutrini: nuovi metodi per calcolare il cambiamento di sapore

Un team di ricercatori sta sviluppando un nuovo metodo...

Beta finale di Android 15: diagnostica efficace per tutti

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Funghi: mappata per la 1a volta la distribuzione

La scoperta delle dinamiche di spazi e stagionali prevedibili...

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

Articoli correlati

Popular Categories