Il gruppo Kem Kem, il luogo più pericoloso in cui vivere nella storia della Terra

Un deposito di fossili, noto come i letti del Kem Kem, conosciuto da tempo ma poco studiato, di roccia cretacea posto ai margini del deserto del Sahara si sta rivelando qualcosa di più di un luogo dove camminavano i dinosauri

0
1697
"Il luogo più pericoloso" nella storia della Terra

Il gruppo Kem Kem, nel Marocco orientale, potrebbe essere il candidato principale per il luogo più pericolosi in cui essere stati vivi nel passato preistorico della Terra, sulla base della sua temibile preponderanza di carnivori di grandi dimensioni, come evidenziato dai reperti fossili.

 

 

impostazione geografica del gruppo kem kem
Questa prevalenza di carnivori, in contrasto con la relativa scarsità di resti di erbivori, costituisce una concentrazione di mangiatori di carne giganti che non può essere trovata in nessun ecosistema terrestre moderno comparabile, secondo i ricercatori.

Questo è stato senza dubbio il posto più pericoloso nella storia del pianeta Terra, un luogo in cui un viaggiatore nel tempo non sarebbe durato a lungo“, afferma il paleontologo Nizar Ibrahim dell’Università della Misericordia di Detroit.

010 kem kem group 4
Un Carcharodontosaurus osserva un gruppo di cacciatori simili a coccodrilli chiamati Elosuco. (Davide Bonadonna)

In un nuovo studio, Ibrahim e il suo team hanno esaminato l’abbondanza di prove fossili provenienti da quelli che in precedenza erano stati definiti i “letti Kem Kem”, un deposito di strati antichi ricco di fossili situato vicino al confine marocchino-algerino e risalente al tardo Periodo cretaceo.

L’esistenza del sito è nota da tempo, e non solo ai paleontologi, ma anche ai cacciatori di fossili commerciali, il che significa che i resti saccheggiati di molti di questi antichi dinosauri, rettili e altre creature sono ora sparsi in tutto il mondo in collezioni private.



La distribuzione di fossili isolati significa che abbiamo perduto una visione consolidata a causa della sottrazione di fossili del Gruppo Kem Kem; qualcosa che Ibrahim e colleghi ricercatori hanno tentato di correggere con la loro nuova analisi, che ha comportato visite a raccolte tenute in diversi continenti.

Questo è il lavoro più completo sui vertebrati fossili del Sahara in quasi un secolo, dal momento che il famoso paleontologo tedesco Ernst Freiherr Stromer von Reichenbach ha pubblicato la sua ultima grande opera nel 1936“, spiega il paleoobiologo David Martill dell’Università di Portsmouth, nel Regno Unito.

La recensione fornisce “una finestra sull’era africana dei dinosauri“, afferma Ibrahim, e suggerisce che il gruppo Kem Kem in realtà comprenda due distinti siti ricchi di fossili, chiamati  “bassa Gara Sbaa” e “formazioni superiori di Douira“.

Entrambe le formazioni esibiscono una gamma di dinosauri e pterosauri, oltre ad antichi crocodiformi, tartarughe, resti di pesci e vari fossili di invertebrati, piante e impronte.

Forse la caratteristica più notevole del paleoecosistema Kem Kem è quella che da allora è diventata nota come “indovinello di Stromer“: la sovrabbondanza di dinosauri predatori in confronto agli erbivori, confermata sia nel gruppo Kem Kem, sia nella formazione egiziana Bahariya.

Per quanto riguarda il gruppo Kem Kem, questo è indicato dalla presenza di quattro diversi tipi di teropodi (un abelisaurideSpinosaurus aegyptiacusCarcharodontosaurus saharicus e Deltadromeus agilis), mentre nella maggior parte delle formazioni mesozoiche come questa, di solito vengono trovati solo uno o due grandi predatori, dicono i ricercatori.

Ma, come ha scoperto il team, c’è di più che distingue Kem Kem.

Letti incrociati tabulari nella Formazione Gara Sbaa
(Ibrahim et al., ZooKeys, 2020)

Oltre alla sovrabbondanza di predatori di dinosauri di grande corporatura“, scrivono gli autori, “almeno tre dei quattro grandi predatori trovati in entrambi i depositi sono tra i più grandi dinosauri predatori conosciuti“.

Allo stesso tempo, gli erbivori nei reperti fossili non sono né grandi né particolari, riporta il team, “ma non sono così vari come in molte altre formazioni cretacee“.

Tuttavia, ai carnivori non doveva mancare da mangiare in quel posto.

All’epoca in cui questi dinosauri vagavano, circa 100 milioni di anni fa (ma alcuni dei fossili risalgono anche a 115 milioni di anni fa), l’area era il promontorio di un vasto sistema fluviale e vi era una ricca fauna costituita da pesci e altri animali marini che avrebbero potuto facilmente sostenere la popolazione dei teropodi.

Questo posto era pieno di pesci assolutamente enormi, tra cui molti celacanti giganti“, dice Martill.

C’era un enorme squalo d’acqua dolce chiamato Onchopristis con temibili denti rostrali, un specie di pugnali spinati, ma meravigliosamente lucenti“.

I risultati dello studio sono pubblicati in ZooKeys.

2