Estratto DNA umano da manufatti in pietra di 45.000 anni fa: si riscrive la storia degli homo sapiens in Europa?

Lo studio del DNA rinvenuto nei frammenti ossei rintracciati in alcuni manufatti in pietra individuati durante uno scavo avvenuto in una grotta situata vicino alla città di Ranis, nella Germania orientale, ha fornito nuove informazioni sulla vita e la storia degli homo sapiens dell'Europa di 45.000 anni fa

Frammenti microscopici di proteine ​​e DNA recuperati da manufatti in pietra rilevati in una grotta profonda 8 metri hanno rivelato che i Neanderthal e gli homo sapiens probabilmente vivevano fianco a fianco nel nord Europa già 45.000 anni fa.

Manufatti in pietra

Manufatti in pietra: ecco le nuove informazioni sulla storia dell’uomo

L’analisi genetica dei manufatti in pietra, rinvenuti in una grotta vicino alla città di Ranis nella Germania orientale, ha suggerito che gli homo sapiens siano stati i creatori di caratteristici manufatti in pietra a forma di foglia che gli archeologi in precedenza hanno creduto realizzati dai Neanderthal, che hanno vissuto in Europa fino a circa 40.000 anni fa.

In precedenza non si sapeva che gli homo sapiens vivessero così a nord nella regione in cui furono fabbricati gli strumenti.

“Il sito della grotta di Ranis fornisce la prova della prima dispersione dell’Homo sapiens alle latitudini più elevate d’Europa. Si scopre che i manufatti in pietra che si pensava fossero stati prodotti dai Neanderthal siano stati, in realtà, parte del primo kit di strumenti dell’Homo sapiens”, ha affermato l’autore della ricerca Jean-Jacques Hublin, Professore al Collège de France a Parigi e Direttore emerito all’Università di Parigi e all’Istituto Max Planck per l’antropologia evolutiva di Lipsia, in Germania.

Questa informazione cambia radicalmente la nostra precedente conoscenza del periodo: l’Homo sapiens ha raggiunto l’Europa nordoccidentale molto prima della scomparsa dei Neanderthal nell’Europa sudoccidentale”.

La scoperta rivelata dall’analisi del DNA dei manufatti in pietra significa che i due gruppi, che una volta si sono incrociati e hanno lasciato in vita la maggior parte degli esseri umani oggi con tracce di DNA di Neanderthal, potrebbero essersi sovrapposti per diverse migliaia di anni. Le nuove evidenze mostrano anche che l’Homo sapiens ha attraversato le Alpi per raggiungere il clima freddo dell’Europa settentrionale e centrale prima di quanto si pensasse.

Manufatti in pietra: gli studi

Tre studi che descrivono in dettaglio le scoperte e le analisi di laboratorio dei manufatti in pietra sono stati pubblicati sulle riviste Nature e Nature Ecology & Evolution.

Secondo gli studi, lo stile dei manufatti in pietra trovati a Ranis è stato riscontrato anche in altri siti dell’Europa, dalla Moravia e dalla Polonia orientale alle Isole britanniche. Gli archeologi chiamano lo stile dello strumento Lincombian-Ranisian-Jerzmanowician, o LRJ, in riferimento ai luoghi in cui è stato identificato per la prima volta.

Per identificare chi ha realizzato i manufatti in pietra, il team ha scavato dentro la grotta Ilsenhöhle vicino a Ranis dal 2016 al 2022. Quando la grotta è stata esplorata per la prima volta negli anni ’30 del secolo scorso, erano stati trovati e analizzati solo gli strumenti. Questa volta il team è riuscito a scavare più a fondo e in modo più sistematico, ed è riuscito a recuperare dei fossili.

I manufatti in pietra tuttavia non sono stati immediatamente identificabili tra le centinaia di frammenti ossei rinvenuti durante gli scavi durati sei anni. Solo più tardi il team ha capito definitivamente che gli strati di sedimenti rilevati dai fossili di LRJ hanno conservato anche frammenti di DNA umano.

Neanderthal: stessa specie dell'homo , sapiens? Manufatti in pietra

La sfida è stata scavare l’intera sequenza di 8 metri sperando che alcuni depositi fossero rimasti dal precedente scavo avvenuto negli anni ’30“, ha detto il coautore dello studio Marcel Weiss, ricercatore presso l’Università Friedrich-Alexander di Erlangen-Nürnberg e l’Istituto Max Planck.

Abbiamo avuto la fortuna di trovare una roccia spessa 1,7 metri che gli escavatori precedenti non sono riusciti ad attraversare. Dopo aver rimosso quella roccia a mano, abbiamo finalmente scoperto gli strati LRJ e abbiamo trovato i manufatti in pietra”.

I ricercatori hanno studiato le proteine estratte da frammenti ossei per identificare i resti animali e umani che hanno trovato, una tecnica nota come paleoproteomica, che permette agli scienziati di identificare le ossa umane e animali quando la loro forma non è chiara o incerta. Utilizzando la stessa tecnica, il team è riuscito anche a identificare resti umani tra i frammenti ossei recuperati negli scavi degli anni ’30 del secolo scorso.

L’analisi delle proteine è stata in grado di identificare le ossa solo come appartenenti a ominini, una categoria che include Homo sapiens e Homo neanderthalensis, o Neanderthal. Per distinguere tra i due, il team è stato in grado di estrarre frammenti di DNA antico dai 13 manufatti in pietra.

Abbiamo confermato che i frammenti ossei sono appartenuti all’Homo sapiens“, ha spiegato la coautrice dello studio Elena Zavala, ricercatrice post-dottorato presso l’Università della California, Berkeley, e il Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology.

È interessante notare che diversi frammenti avessero in comune le stesse sequenze di DNA mitocondriale, anche frammenti provenienti da scavi diversi“, ha aggiunto Zavala: “Questo indica che i frammenti sono appartenuti allo stesso individuo o che si sia trattato di parenti materni”.

La datazione al radiocarbonio dei fossili e di altri manufatti in pietra rinvenuti nella grotta ha suggerito che questi primi esseri umani hanno vissuto in quei luoghi intorno a circa 45.000 anni fa, rendendoli il primo gruppo di Homo sapiens noto ad aver abitato l’Europa nordoccidentale.

All’epoca la regione aveva un clima radicalmente diverso, con condizioni tipiche della tundra come quella che si trova nell’attuale Siberia. Lo scavo ha rivelato la presenza di resti di renne, orsi delle caverne, rinoceronti lanosi e cavalli. I ricercatori hanno anche concluso che la grotta è stata utilizzata principalmente da orsi delle caverne, per il letargo, iene; la presenza umana è risultata frutto di un’occupazione saltuaria.

“Questo dimostra che anche questi primi gruppi di Homo sapiens che si sono diffusi in tutta l’Eurasia avevano già una certa capacità di adattarsi a condizioni climatiche così rigide“, ha detto la coautrice Sarah Pederzani, ricercatrice post-dottorato presso l‘Università di La Laguna in Spagna, che ha condotto lo studio sul paleoclima. “Fino a poco tempo fa, si è pensato che la resistenza alle condizioni climatiche fredde non si sia manifestata fino a diverse migliaia di anni dopo, quindi questo è un risultato affascinante e sorprendente“, ha continuato l’esperta.

Come ha influenzato l'uomo di Nenderthal la cultura dell'Europa occidentale? Manufatti in pietra

William E. Banks, ricercatore presso l’Università di Bordeaux in Francia, ha affermato che gli studi hanno mostrato come nuovi metodi stiano consentendo agli archeologi di esaminare i siti con un dettaglio senza precedenti, migliorando la capacità di determinare l’epoca in cui un sito è stato occupato.

Queste “scoperte forniscono un altro importante pezzo del puzzle di questo periodo culturalmente e demograficamente complesso in Europa”, ha osservato Banks. Tuttavia, Banks, che non ha partecipato alla ricerca, ha aggiunto che gli archeologi: “Devono stare attenti a non generalizzare i risultati ottenuti da uno o due siti”.

Banks ha altresì osservato che le recenti scoperte hanno indicato come i Neanderthal fossero culturalmente e cognitivamente più complessi di quanto indichino gli stereotipi popolari e anche alcuni archeologi: “Non necessariamente in tutti i casi è possibile presupporre che gli homo sapiens abbiano realizzato manufatti in pietra con stili più complessi già in quel periodo cruciale, prima della scomparsa dei Neanderthal”, ha concluso.

Articoli più letti

Related articles