Quali teorie del complotto si sono rivelate vere?

In un momento storico in cui le teorie del complotto spuntano come funghi, oppure vengono rispolverate da qualche nostalgico della vecchia scuola, il tempo ha dimostrato che alcune cospirazioni si sono rivelate vere

2
522
Teorie del complotto

In un momento storico in cui le teorie del complotto spuntano come funghi, oppure vengono rispolverate da qualche nostalgico della vecchia scuola, il tempo ha dimostrato che alcune cospirazioni si sono rivelate vere. Vediamo quali.

Teorie del complotto
Quali teorie del complotto si sono rivelate vere?

Teorie del complotto si sono rivelate vere?

1. Il governo rubava cadaveri per eseguire test radioattivi. il governo rubava parti di cadaveri. Poiché avevano bisogno di tessuti giovani, hanno reclutato una rete mondiale di agenti per trovare neonati e bambini recentemente deceduti e quindi prelevare campioni e persino arti, ciascuno raccolto senza notifica o permesso delle oltre 1.500 famiglie in lutto.

2. Durante il proibizionismo, il governo avvelenava l’alcol per impedire alle persone di bere. le folli teorie del complotto suggeriscono quasi sempre che dietro tutto ci sia il governo, e avevano ragione, ancora una volta. I produttori di alcol industriale mescolavano i loro prodotti con sostanze chimiche pericolose già da anni prima del proibizionismo.

Tra il 1926 e il 1933, il governo federale ha spinto i produttori a utilizzare veleni più forti per scoraggiare i contrabbandieri dal trasformare l’alcol in chiaro di luna. Questo non ha fermato né i contrabbandieri né i loro clienti e, alla fine del proibizionismo, più di 10.000 americani erano stati uccisi dall’alcol contaminato.

3. Un ictus rese il presidente Woodrow Wilson incapace di governare e sua moglie intervenne di nascosto. Wilson ha subito un ictus debilitante verso la fine della sua presidenza, ma il governo ha ritenuto che fosse nell’interesse del paese mantenere la situazione tranquilla.



Il pubblico non venne a conoscenza dell’ictus per mesi, durante i quali sua moglie, Edith Wilson, prese la maggior parte delle decisioni esecutive . Nonostante la signora Wilson affermi di aver agito solo come “amministratore”, gli storici che hanno analizzato il mandato di Wilson hanno confermato che per oltre un anno la signora Wilson è stata effettivamente presidente.

4. La CIA stava testando l’LSD e altre droghe allucinogene sugli americani in un esperimento top-secret sulla modificazione del comportamento. Il programma era conosciuto come MK-ULTRA ed era reale. La CIA ha iniziato utilizzando volontari, ma i responsabili del programma hanno presto iniziato a somministrare farmaci alle persone a loro insaputa. MK-ULTRA ha lasciato molte vittime permanentemente disabili mentali.

5. Il Dalai Lama è un agente della CIA. Forse il motivo per cui il Dalai Lama sorride in tutte quelle foto ha qualcosa a che fare con lo stipendio a sei cifre che ha ritirato dal governo degli Stati Uniti negli anni ’60. Secondo documenti di intelligence declassificati , ha guadagnato 180.000 dollari in relazione al finanziamento della Resistenza tibetana da parte della CIA per un importo di 1,7 milioni di dollari all’anno. L’idea era quella di interrompere e ostacolare le infrastrutture cinesi.

6. L’FBI stava spiando l’ex Beatle John Lennon. le folli teorie del complotto riguardanti le celebrità sono sempre interessanti, e questa è sicuramente vera. Come molti eroi della controcultura, Lennon era considerato una minaccia: “Le canzoni contro la guerra, come” Give Peace a Chance “non hanno esattamente reso caro l’ex Beatle John Lennon all’amministrazione Nixon”, ha riferito NPR nel 2010.

Teorie del complotto

“Nel 1971, l’FBI ha messo Lennon sotto sorveglianza e il Servizio di Immigrazione e Naturalizzazione ha tentato di espellerlo un anno dopo”. Lennon è una delle 13 celebrità più importanti che non sapevi fossero sorvegliate dall’FBI.

7. Con il progresso tecnologico, il governo sta utilizzando le sue vaste risorse per rintracciare i cittadini. Nel 2016, le agenzie governative hanno inviato 49.868 richieste di dati degli utenti a Facebook, 27.850 a Google e 9.076 ad Apple, secondo la Electronic Frontier Foundation (EFF), un’importante organizzazione senza scopo di lucro che difende le libertà civili nel mondo digitale e fornisce consulenza al pubblico in materia di privacy su Internet. Probabilmente hai anche sentito dire che la fotocamera del tuo computer potrebbe essere utilizzata per spiarti.

8. Per decenni, le aziende produttrici di tabacco hanno nascosto le prove che il fumo è mortale. All’inizio degli anni ’50, la ricerca ha mostrato un indiscutibile legame statistico tra fumo e cancro ai polmoni, ma solo alla fine degli anni ’90 Philip Morris, all’epoca il più grande produttore di sigarette del paese, ha ammesso addirittura che il fumo poteva causare il cancro.

9. L’incidente del Golfo del Tonchino del 2 agosto 1964 è stato simulato per provocare il sostegno americano alla guerra del Vietnam. quando la notizia ha raggiunto gli americani, i fatti riguardanti l’attacco del Vietnam del Nord alla nave americana Maddox erano già fumosi. Da allora, documenti di intelligence declassificati hanno rivelato che i Maddox avevano fornito supporto agli attacchi del Vietnam del Sud su un’isola vicina e che i Vietnam del Nord stavano rispondendo allo stesso modo, secondo l’US Naval Institute. L’evento “ha aperto le porte al coinvolgimento militare diretto americano in Vietnam”.

Perché le persone credono alle teorie del complotto?

Secondo i risultati di uno studio: “Non tutti i teorici del complotto sono persone ingenue e mentalmente malate, un ritratto che viene abitualmente dipinto nella cultura popolare. Molti invece si rivolgono alle teorie del complotto per soddisfare bisogni motivazionali privati ​​e dare un senso all’angoscia e alla menomazione”, ha spiegato Shauna Bowes, dottoranda in psicologia clinica presso la Emory University.

Secondo Bowes, le ricerche precedenti su quello che spinge i teorici del complotto avevano per lo più esaminato separatamente la personalità e la motivazione. Lo studio attuale ha mirato a esaminare insieme questi fattori per arrivare a un resoconto più unificato del motivo per cui le persone credono nelle teorie del complotto.

Per fare questo, i ricercatori hanno analizzato i dati di 170 studi che hanno coinvolto oltre 158.000 partecipanti, principalmente provenienti da Stati Uniti, Regno Unito e Polonia. Si sono concentrati su studi che hanno valutato le motivazioni dei partecipanti o i tratti della personalità associati al pensiero cospiratorio.

I ricercatori hanno scoperto che, nel complesso, le persone erano motivate a credere nelle teorie del complotto dal bisogno di comprendere e sentirsi al sicuro nel proprio ambiente e dal bisogno di sentire che la comunità con cui si identificavano fosse superiore alle altre.

Teorie del complotto

Anche se molte teorie del complotto sembrano fornire chiarezza o una presunta verità segreta su eventi poco chiari, il bisogno di chiusura o un senso di controllo non sono stati i motivatori più forti per sostenere le teorie del complotto. Invece, i ricercatori hanno trovato alcune prove che le persone erano più propense a credere a specifiche teorie del complottiste quando erano motivate da relazioni sociali.

Ad esempio, i partecipanti che percepivano minacce sociali erano più propensi a credere in teorie cospirative basate sugli eventi, come la teoria secondo cui il governo degli Stati Uniti avrebbe pianificato gli attacchi terroristici dell’11 settembre, piuttosto che in una teoria astratta secondo cui, in generale, i governi pianificano di danneggiare i loro cittadini a mantenere il potere.

Questi risultati si adattano in gran parte a un recente quadro teorico che sostiene che le motivazioni dell’identità sociale possono far sì che siano attratte dal contenuto di una teoria della cospirazione, mentre le persone che sono motivate dal desiderio di sentirsi uniche hanno maggiori probabilità di credere in teorie cospirative generali su come funziona il mondo”, ha spiegato Bowes.

Conclusioni

I ricercatori hanno anche scoperto che le persone con determinati tratti della personalità, come un senso di antagonismo verso gli altri e alti livelli di paranoia, erano più inclini a credere alle teorie del complotto. Coloro che credevano fortemente in tali teorie avevano anche maggiori probabilità di essere insicuri, paranoici, emotivamente volatili, impulsivi, sospettosi, ritirati, manipolatori, egocentrici ed eccentrici.

Teorie del complotto
Quali teorie del complotto si sono rivelate vere?

I cinque grandi tratti della personalità (estroversione, gradevolezza, apertura, coscienziosità e nevroticismo) avevano una relazione molto più debole con il pensiero cospiratorio, anche se i ricercatori hanno affermato che questo non significa che i tratti generali della personalità siano irrilevanti per la tendenza a credere nelle teorie del complotto.

Bowes ha affermato che la ricerca futura dovrebbe essere condotta con la consapevolezza che il pensiero cospiratorio è complicato e che ci sono variabili importanti e diverse che dovrebbero essere esplorate nelle relazioni tra pensiero cospiratorio, motivazione e personalità per comprendere la psicologia generale dietro le idee cospiratorie.

2