La Cina sta progettando una nave spaziale lunga chilometri

Il progetto fa parte delle ambizioni della Cina di espandere l'esplorazione dello spazio attraverso missioni con equipaggio che opereranno su scale temporali a lungo termine

0
18875
La Cina sta progettando una nave spaziale lunga chilometri

Le missioni spaziali con equipaggio richiederanno progetti ingegneristici colossali. Nel caso in questione, i ricercatori cinesi stanno studiando la possibilità di assemblare un’enorme nave spaziale in orbita.

Il progetto fa parte delle ambizioni della Cina di espandere l’esplorazione dello spazio attraverso missioni con equipaggio che opereranno su scale temporali a lungo termine.

La proposta della National Natural Science Foundation of China prevede un’analisi dei meccanismi di costruzione di un “veicolo spaziale ultra-grande, che copre chilometri“, secondo un primo rapporto del South China Morning Post.

In altre parole, la Cina ha appena detto al mondo che sta pensando di costruire un’astronave lunga chilometri. Sì, chilometri.

La Cina sta progettando un’astronave lunga chilometri per missioni a lungo termine

Nel rapporto si osserva che questo particolare sforzo fa parte di un importante progetto aerospaziale strategico, che garantirebbe “l’uso futuro delle risorse spaziali, l’esplorazione dei misteri dell’universo e la permanenza in orbita a lungo termine“. Secondo uno schema del progetto condiviso dalla fondazione, i lavori sono gestiti da un’agenzia di competenza del Ministero della Scienza e della Tecnologia.



Come se questo enorme progetto non fosse abbastanza impressionante, questo è solo uno dei 10 schemi di ricerca proposti dal dipartimento di scienze matematiche e fisiche, che prevede di finanziare cinque progetti totali con un budget massimo equivalente a $ 2,3 milioni (15 milioni di yuan).

Lo schema suggerisce che costruire il veicolo spaziale modulare richiederebbe più lanci e sarebbe necessario assemblarlo nello spazio, poiché peserebbe troppo e sarebbe troppo massiccio per essere lanciato dalla Terra.

Di conseguenza, i ricercatori coinvolti nel progetto devono affrontare una sfida estenuante. Devono ridurre al minimo il peso del veicolo spaziale per ridurre i lanci totali necessari per portare le sue parti nello spazio e ottimizzare i costi di costruzione per adattarsi al budget stabilito. Devono anche ottimizzare le capacità di controllo delle strutture per evitare che si muovano o vibrino durante l’assemblaggio.

Crescono le ambizioni spaziali della Cina

La Cina ha davvero iniziato a raddoppiare il suo programma spaziale e a mostrare al mondo cosa può realizzare quando è diventato il secondo paese ad aver fatto atterrare con successo un rover su Marte, due anni dopo aver fatto lo stesso con un’altra navicella spaziale dall’altra parte della Luna.

Ora ha anche assemblato in orbita la sua stazione spaziale Tiangong, ormai operativa.

Il componente principale della stazione da 22 tonnellate è l’unità abitativa principale per gli astronauti cinesi (o tachionauti, come li chiamano) a bordo della stazione che, complessivamente, ha una massa di circa 100 tonnellate.

La stazione di Tiangong è circa un quarto delle dimensioni della Stazione spaziale internazionale. Ma la ISS è stata costruita da una coalizione di 16 nazioni, è lunga circa 109 metri e larga 75. È grande quasi quanto un campo da calcio.

Guardando al futuro, la Cina giocherà senza dubbio un ruolo sempre più significativo nelle missioni spaziali, con un motore a razzo super pesante concepito per il razzo vettore di nuova generazione Long March 9 che, secondo le previsioni, effettuerà il suo primo volo nel 2030.

Gli Stati Uniti, i paesi e le aziende partner possono continuare a dominare le missioni spaziali oggi, ma, nei prossimi anni, potremmo dover assistere ad un grande cambiamento mentre la Cina continua imperturbabile a sviluppare ed incrementare il suo programma spaziale e le sue ambizioni .

2