Paradosso di Fermi, forse non siamo in grado di distinguere un eventuale segnale alieno

Tra le tante spiegazioni proposte per trovare una spiegazione al paradosso di Fermi, una delle più plausibili  e gettonate è che una o più civiltà  extraterrestri stiano effettivamente cercando di contattare civiltà come la nostra ma noi non abbiamo ancora la capacità tecnologica di riconoscere il segnale.

Paradosso di Fermi, perché nessuno chiama?

Gran parte dei progetti del SETI si è concentrata sulla ricerca di segnali alieni in determinate regioni di spazio e su multipli semplici della frequenza della riga dell’idrogeno.  Queste civiltà aliene tecnologicamente evolute, però, potrebbero avere una matematica diversa dalla nostra e non vedere niente di speciale sulle frequenze che stiamo utilizzando per cercare un primo contatto e quindi il nostro sforzo di ricerca potrebbe essere inutile.

In ogni caso, anche se le CET (Civiltà ExtraTterrestri) trasmettessero nell’intervallo del waterhole non è affatto detto che si sia in grado di riconoscere  il loro segnale. Per capire le enormi difficoltà  che abbiamo davanti può  essere utile comparare l’incredibile complessità nel decrittare quello che è definito il “libro più misterioso del mondo” ovvero il manoscritto Voynich.

Il manoscritto Voynich

Il manoscritto di Voynich è un codice illustrato risalente al XV secolo (la datazione al radiocarbonio ha stabilito con quasi totale certezza che il manoscritto sia stato redatto tra il 1404 e 1438), scritto con un codice che non è stato ancora decifrato.

Il manoscritto contiene anche immagini di piante che non sono identificabili con alcun vegetale noto e la lingua usata nel testo non appartiene ad alcun sistema alfabetico/linguistico  conosciuto.

Redatto su pergamena di vitello, il manoscritto è di dimensioni piuttosto ridotte: 16 cm di larghezza, 22 di altezza e 5 di spessore e potrebbe essere un falso scritto nel  XVI secolo, utilizzando una pelle  di vitello del XV secolo, quello  però che rimane inalterato è che nessuno ha ancora decrittato il codice per comprenderne il contenuto.

Questa lunga digressione serve per evidenziare che se non siamo in grado di decodificare un testo/segnale indubbiamente scritto da un individuo della nostra specie, un eventuale segnale  extraterrestre potrebbe esserci così  alieno da costituire una montagna insormontabile.

Differenze culturali

Se gli  alieni esistono avranno sicuramente organi di senso diversi dai nostri, valori e filosofie profondamente differenti e forse persino  una matematica diversa da quella che utilizziamo per descrivere il  mondo che ci circonda; in fondo il nostro sistema decimale deriva dal fatto che abbiamo 10 dita e non è detto che specie extraterrestri siano partite dalle nostre stesse basi, anzi è molto improbabile.

Naturalmente una cosa è decodificare un messaggio, riconoscere una comunicazione  aliena potrebbe essere tutta un’altra faccenda. Nel  secondo caso pur non comprendendo un tubo di quello che un’eventuale CET volesse dirci avremmo almeno la consapevolezza  della loro esistenza, eventualità che sarebbe una risposta decisiva al paradosso di Fermi.

La vera domanda pertanto è questa: siamo in grado  di riconoscere una  comunicazione artificiale rispetto  a tutti i “segnali” naturali che bombardano quotidianamente il nostro pianeta? 

Un messaggio elettromagnetico codificato per ottenere un’efficienza ottimale potrebbe essere di fatto indistinguibile da una radiazione di corpo nero. Assorbendo tutta l’energia incidente, per la legge di conservazione dell’energia il corpo nero re-irradia tutta l’energia assorbita.

Una delle  ipotesi più suggestive e deprimenti è che le civiltà extraterrestri della  nostra galassia abbiano da migliaia di anni compreso  che i viaggi interstellari sono  impossibili e pertanto comunichino tra  loro attraverso segnali codificati per ottenere  il  massimo dell’efficienza.

In questo caso  per noi sarebbero tutte radiazioni di corpo nero del tutto indistinguibili da quelle prodotte dai fenomeni naturali.

Pur essendo improbabile questa spiegazione del paradosso di Fermi, non si può escludere  a priori; purtroppo essa ha il non trascurabile inconveniente di non poter  essere soggetta ad alcuna verifica sperimentale.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

TeraNet: laser spaziali per velocità internet 1000x

La 'TeraNet' della University of Western Australia, una rete...

Venere: individuati possibili segni di vita

Un team di ricercatori ha presentato nuove prove della...

RTNet: L’AI che sta imparando a pensare come gli esseri umani

I ricercatori del Georgia Tech hanno sviluppato una rete...

Scimpanzé: inaspettato come il 14% delle interazioni siano gesti

La comunicazione è una delle caratteristiche più distintive degli...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Paradosso di Fermi: la realtà non è quella che ci appare

Tra i tentativi più fantasiosi di rispondere al paradosso di Fermi l'ipotesi del planetario vorrebbe che tutti noi fossimo immersi in una simulazione perfetta di una realtà virtuale.

Articoli correlati

Popular Categories