Perché è un problema trasportare i campioni rocciosi raccolti su Marte sulla Terra?

Inviare sulla Terra i campioni rocciosi raccolti su Marte è considerata la priorità più importante nell’esplorazione planetaria, e lo è da decenni. La NASA sta cercando idee "fuori dagli schemi" economiche e veloci per riuscire ad adempiere a questa missione

0
146
Crateri da impatto su Marte, campioni rocciosi
Utilizzando lo strumento ChemCam del rover Curiosity, i gruppi di ricerca del Los Alamos National Laboratory del New Mexico e il gruppo Applications hanno fatto un'insolita scoperta nelle rocce del fondo del lago del cratere Gale di Marte

Inviare sulla Terra i campioni rocciosi raccolti su Marte è considerata la priorità più importante nell’esplorazione planetaria, e lo è da decenni. La NASA sta cercando idee “fuori dagli schemi” economiche e veloci per riuscire ad adempiere a questa missione.

Crateri da impatto su Marte, campioni rocciosi

Recuperare i campioni rocciosi raccolti sul Pianeta Rosso: un problema di fondi economici

L’agenzia spaziale statunitense ha affermato che l’attuale progetto della missione non può recuperare i campioni rocciosi prima del 2040 con i fondi esistenti e che i più realistici 11 miliardi di dollari necessari per realizzarlo non sono sostenibili.La NASA spera di avere una soluzione sul tavolo da disegno entro la fine del 2024.

Marte: svelata la causa dell'abbondanza di metalli nobili, vulcano Noctis

Proprio come le rocce lunari portate a casa dagli astronauti dell’Apollo hanno rivoluzionato la nostra comprensione della storia primordiale del Sistema Solare, così i campioni rocciosi provenienti dal Pianeta Rosso probabilmente riorienteranno il nostro pensiero sulle possibilità di vita oltre la Terra.



La NASA ha ammesso che il modo con il quale sta procedendo per ottenere il rendimento dei campioni rocciosi è semplicemente irrealistico nell’attuale contesto fiscale: “La conclusione è che 11 miliardi di dollari sono troppo costosi, e non restituire i campioni fino al 2040 è inaccettabilmente troppo lungo“, ha dichiarato l’amministratore della Nasa Bill Nelson.

L’ex senatore americano ha detto che non permetterà che le missioni scientifiche di altre agenzie vengano “cannibalizzate” dal progetto Marte.

Il programma Mars Sample Return

Il programma Mars Sample Return, o MSR, è un lavoro congiunto con l’Agenzia spaziale europea (Esa). L’architettura attuale è già in gioco, nel senso che i campioni rocciosi da riportare a casa sono in procinto di essere raccolti e catalogati oggi su Marte dal rover Perseverance della Nasa.

Una missione di follow-up dedicata avrebbe dovuto essere lanciata entro la fine di questo decennio e avrebbe portato un razzo sulla superficie del Pianeta Rosso. Una volta caricati su questo veicolo di risalita, i campioni rocciosi raccolti da Perseverance verrebbero poi lanciati verso lo Spazio per incontrarsi con un veicolo spaziale costruito in Europa che potrebbe catturarli e dirigersi verso la Terra.

Si è previsto che circa 300 g di materiale marziano sarebbero atterrati in una capsula nello stato occidentale dello Utah nel 2033. Ma una revisione indipendente pubblicata nel Settembre 2023 ha riscontrato difetti nel modo in cui veniva implementata la progettazione della missione.

Si è dubitato che il programma potesse essere rispettato e, anche così, il costo sarebbe probabilmente lievitato fino a raggiungere una cifra compresa tra gli 8 e gli 11 miliardi di dollari.

Nella sua risposta alla revisione, la Nasa non è in disaccordo con la valutazione. L’architettura attuale può essere leggermente semplificata, ma se si vuole che i campioni rocciosi arrivino sulla Terra prima del 2040, è necessario un nuovo approccio: “Stiamo esaminando possibilità pronte all’uso che potrebbero recuperare i campioni prima e a un costo inferiore”, ha affermato il dottor Nicola Fox, direttore della direzione scientifica della Nasa.

Si tratta sicuramente di un obiettivo molto ambizioso e dovremo perseguire alcune nuove possibilità molto innovative per il design, senza lasciare nulla di intentato“. Queste nuove possibilità potrebbero includere l’utilizzo di un razzo diretto su Marte più piccolo e più semplice.

Marte, campioni incontaminati di Marte, acque sotterranee, Vulcano Noctis

Il dottor Fox ha dichiarato che l’ESA è rimasta al centro dell’impresa. In effetti, è probabile che il contributo significativo dell’Europa, l’Earth Return Orbiter (ERO), verrà comunque lanciato, anche se in una data leggermente successiva a quella attualmente prevista, forse nel 2030.

Il dottor Orson Sutherland, leader del gruppo di esplorazione di Marte dell’Esa, ha affermato che la sua organizzazione esaminerà meticolosamente il piano di risposta della Nasa: “La nostra priorità resta garantire il miglior percorso da seguire per raggiungere gli obiettivi scientifici innovativi di MSR e gettare le basi per le future missioni umane su Marte“, ha affermato.

Nelson ha sottolineato che la Nasa è rimasta totalmente impegnata nella MSR. Doveva, tuttavia, rientrare in una dotazione di bilancio sostenibile, che secondo lui si aggira tra i 5 e i 7 miliardi di dollari.

Conclusioni

Perseverance sta lavorando in un ampio cratere chiamato Jezero, che sembra aver ospitato un grande lago circa 3,8 miliardi di anni fa: uno scenario molto promettente per l’esistenza e la conservazione di organismi microbici.

Il rover ha perforato e custodito i campioni rocciosi che sembrano essere state depositati sul margine del lago. Uno degli scienziati senior del rover, il Professor Briony Horgan della Purdue University, ha affermato che questi campioni rocciosi sono particolarmente interessanti.

Marte: il rover Perseverance esplora un antico fiume, campioni incontaminati di Marte

In questo momento a bordo di Perseverance stiamo trasportando tre campioni di silice e rocce cementate da carbonati, e sulla Terra, entrambi questi minerali possono essere fantastici per preservare antiche tracce di vita“, ha detto.

Pensiamo sia possibile che alcuni dei campioni rocciosi siano arenarie depositate nell’antico lago, ma stiamo ancora valutando anche altre origini. In ogni caso, queste rocce sono esattamente il tipo di campioni che siamo venuti a cercare su Marte, e ne siamo convinti. Desidero moltissimo riportarli nei nostri laboratori sulla Terra“, ha concluso.

2