Cosa c’è sul lato nascosto della Luna?

Il lato nascosto della Luna è l'emisfero rivolto lontano dalla Terra. Poiché le persone non lo vedono mai, quella parte una volta veniva soprannominata "il lato oscuro". Il termine improprio ha portato molti a presumere erroneamente che il lato opposto sia avvolto nell'oscurità. In realtà riceve tanta luce quanto il lato più vicino

Il lato nascosto della Luna è l’emisfero rivolto lontano dalla Terra. Poiché le persone non lo vedono mai, quella parte una volta veniva soprannominata “il lato oscuro“. Il termine improprio ha portato molti a presumere erroneamente che il lato opposto sia avvolto nell’oscurità. In realtà riceve tanta luce quanto il lato più vicino.

La luna si sta restringendo, Slim, SCALPSS, Mengzhou, Viper, silenzio radio

Perché vediamo sempre lo stesso lato della Luna?

Forse la vera posizione “oscura”  è dove la NASA intende inviare gli astronauti di Artemis nei prossimi anni: la regione polare meridionale, dove gli scienziati ritengono che sia sepolta l’acqua ghiacciata. Il sud è costellato di crateri ghiacciati avvolti nell’ombra.

La Luna impiega circa un mese, a circa 250.000 miglia di distanza, per orbitare attorno alla Terra. Inoltre, impiega lo stesso tempo per compiere una rotazione completa attorno al proprio asse. Questa coincidenza è il motivo per cui i terrestri vedono sempre lo stesso lato.

Luna

Prima dell’esplorazione dello Spazio, molti hanno ipotizzato che il lato nascosto fosse una regione ghiacciata e inquietante, un mito perpetuato dall’album stravagante “Dark Side of the Moon” dei Pink Floyd nel 1973.

In effetti, il lato nascosto è rimasto un enigma per gli esseri umani, ma solo fino all’ottobre del 1959, quando il programma spaziale sovietico ha fatto ruotare la sonda Moon 3 attorno alla Luna. La navicella spaziale ha restituito diverse immagini sgranate che hanno rivelato una superficie curiosamente diversa da quella del lato vicino a noi familiare.

Circa mezzo secolo dopo, la NASA ha lanciato il Lunar Reconnaissance Orbiter per esplorare la regione dallo Spazio. Da allora, la navicella spaziale ha inviato a casa carichi di dati, consentendo agli scienziati di mappare in dettaglio il lato nascosto.

“L’uomo della Luna”

Quello che gli scienziati hanno imparato è che il lato che gli esseri umani non possono vedere è molto diverso. Sebbene il lato più vicino abbia grandi macchie scure che insieme ricordano un volto, noto come “l’uomo sulla luna”, il lato più lontano ha poche di queste macchie.

La navicella spaziale Juno ha immortalato Io, la luna vulcanica di Giove, riportare gli astronauti sulla Luna

Le macchie sono chiamate maria, aree scure formate quando i meteoroidi si sono schiantati sulla luna, provocando l’emersione della lava. Non solo la lava ha reso la superficie più scura, ma ha cancellato i crateri precedenti che hanno documento parte della sua storia geologica.

Il lato più lontano, d’altra parte, è ricoperto da più crateri di varie dimensioni e profondità, compreso l’enorme bacino del Polo Sud-Aitken.

Durante l’era della NASA e della corsa allo spazio sovietica, i veicoli spaziali non atterravano mai sul lato invisibile. In parte questo è dovuto alla sua difficoltà. La Luna stessa blocca la comunicazione tra i controllori della missione sulla Terra e il lato nascosto. Ma nel 2018, la Cina ha immesso nello spazio un satellite di comunicazione a circa 40.000 miglia oltre il nostro satellite in grado di scambiare i segnali.

L’interesse della Cina per il lato nascosto della Luna

Durante l’ udienza della Commissione per gli stanziamenti della Camera del 17 aprile 2024, il rappresentante degli Stati Uniti David Trone ha chiesto a Nelson cosa rendesse la Cina così interessata al lato opposto, piuttosto che al polo sud.

“Non ne ho idea“, ha risposto Nelson che ha tuttavia spiegato che gli Stati Uniti si recheranno al polo sud perché è lì che la NASA sospetta che l’acqua sia conservata nei crateri oscuri. È una risorsa economica vitale per i futuri lavori lunari.

Secondo gli scienziati in realtà si potrebbe guadagnare molto studiando il lato nascosto, che sembra avere una documentazione più incontaminata di precedenti collisioni e impatti cosmici.

L’8 dicembre 2018, la Cina ha lanciato la missione Chang’e-4 ed è diventata la prima nazione ad atterrare sul lato opposto della Luna . Ha toccato il cratere Von Karman, un sito all’interno del bacino del Polo Sud-Aitken.

La Luna ha milioni di anni in più di quanto si pensasse in precedenza, SLIM, mattoni di polvere lunare, riportare gli astronauti sulla Luna, telecamere di sorveglianza sulla Luna, silenzio radio

Il bacino è una depressione probabilmente formata da un’antica collisione di asteroidi così catastrofica da scavare parte del mantello lunare, materiale tra il nucleo e la crosta, e portarlo in superficie. Il vantaggio di recarsi in questo luogo è la possibilità di saperne di più sulla composizione interna della Luna.

Quello che la Cina ha scoperto, secondo un articolo pubblicato sulla rivista Science Advances, è che lo strato di terreno è molto più spesso che sul lato vicino, risultando profondo circa 40 metri.

Se la crosta fosse molto più sottile sul lato rivolto verso la Terra, ciò potrebbe spiegare perché la lava è stata in grado di sfondare e formare le macchie maria. Ma non è chiaro perché la crosta di un emisfero abbia uno spessore così drasticamente diverso da quello dell’altro. Le future missioni della Cina potrebbero aiutare a rispondere a questa domanda.

Risolvere questi misteri potrebbe non solo dirci di più sull’evoluzione della Luna, ma fornire ulteriori informazioni sulla storia del sistema solare.

Articoli più letti

Related articles