sabato, Settembre 30, 2023
migliori casino non aams
HomeScienzaFisica/Astronomia/astrofisicaNuova teoria sulla formazione della nube di Oort - video

Nuova teoria sulla formazione della nube di Oort – video

Una palla di fuoco abbagliante che ha concluso il suo viaggio cosmico sopra l'Alberta centrale, in Canada, potrebbe cambiare la comprensione degli astronomi su come si sia formata la nube di Oort e il sistema solare

Una palla di fuoco abbagliante che ha concluso il suo viaggio cosmico sopra l’Alberta centrale, in Canada, potrebbe cambiare la comprensione degli astronomi su come si sia formata la nube di Oort e il sistema solare.

Catturato dalla telecamera il 22 febbraio 2021, si pensa che il meteoroide roccioso delle dimensioni di un pompelmo provenga dalla nube di Oort, un serbatoio di oggetti celesti che circonda l’intero sistema solare e lo separa dallo spazio interstellare. Gli scienziati non hanno mai osservato direttamente oggetti rocciosi nella nube di Oort e da tempo credono che contenga solo oggetti ghiacciati. Ma l’oggetto roccioso che è bruciato sopra il Canada sfida le teorie popolari sulla formazione della nube di Oort e sulla formazione del primo sistema solare in generale.

“Questa scoperta supporta un modello completamente diverso della formazione del sistema solare, che sostiene l’idea che quantità significative di materiale roccioso coesistano con oggetti ghiacciati all’interno della nube di Oort. Questo risultato non è spiegato dai modelli di formazione del sistema solare attualmente preferiti. È un punto di svolta completo”, ha dichiarato l’autore principale dello studio Denis Vida, un ricercatore post-dottorato di fisica meteorica presso la Western University di Londra, Ontario, Canada.

Gli scienziati della NASA suppongono che la nube di Oort si sia formata quando la gravità dei pianeti appena formati ha allontanato dal Sole gli oggetti ghiacciati. La gravità della galassia della Via Lattea ha invece fatto sì che gli oggetti si depositassero ai margini del sistema solare.

Una teoria corrente popolare su come si sia formato il sistema solare è il modello di accrescimento dei ciottoli, che descrive i ciottoli di dimensioni millimetriche che vengono risucchiati insieme nel tempo per formare corpi celesti.

“Questi risultati sfidano i modelli di formazione del sistema solare basati solo sull’accrescimento di ciottoli, che attualmente non possono spiegare l’elevata abbondanza osservata di materiale roccioso nella nube di Oort come derivato da misurazioni di palle di fuoco e dati telescopici”, hanno scritto gli autori nel nuovo studio.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---


Piuttosto, questi risultati supportano quella che è nota come la teoria “Grand Tack” della formazione del sistema solare. Questo modello propone che Giove si sia formato più vicino al Sole e sia migrato verso di esso prima che gli effetti gravitazionali tra Giove e Saturno spingessero entrambi i pianeti più lontano. Solo questo modello può spiegare quantità sufficienti di materiale roccioso dal sistema solare interno espulso nella nube di Oort per spiegare la palla di fuoco, secondo i ricercatori.

Advertisement

La palla di fuoco è stata ripresa dalle telecamere del Global Fireball Observatory (GFO) gestite dall’Università di Alberta. Il GFO è una collaborazione globale tra organizzazioni tra cui il Lunar and Planetary Institute, il NASA Goddard Space Flight Center e diverse università. Il suo scopo è quello di visualizzare le palle di fuoco in modo che i meteoriti possano essere recuperati.

I calcoli della traiettoria della palla di fuoco mostrano che ha viaggiato dai confini esterni del sistema solare, in modo simile alle traiettorie delle comete ghiacciate, gli oggetti che si pensava abitassero la Nube di Oort. La natura rocciosa della palla di fuoco è stata confermata dalla sua discesa più in profondità nell’atmosfera terrestre di quanto potrebbero sopravvivere gli oggetti ghiacciati che viaggiano su un’orbita simile. 

Tuttavia, la palla di fuoco dell’Alberta non è una tantum. I ricercatori hanno trovato una palla di fuoco simile in un database storico che non è mai stato notato in quel momento. Questi molteplici corpi rocciosi suggeriscono che tra l’1% e il 20% dei meteoroidi provenienti dalla Oort Cloud sono rocciosi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Meglio comprendiamo le condizioni in cui si è formato il sistema solare, meglio comprendiamo ciò ha innescato la vita”, ha detto Vida. “Vogliamo dipingere un quadro, il più accurato possibile, di questi primi momenti del sistema solare che sono stati così critici per tutto ciò che è accaduto dopo”.

Fonte: Nature Astronomy

Advertisement

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: