Ricerca degli alieni, guardare ai fatti

Molti scienziati, da quelli che indagano sui mondi del nostro Sistema Solare agli astronomi che studiano gli esopianeti, fino a coloro che cercano le firme della vita con il SETI, hanno dedicato la loro vita alla ricerca di firme aliene oltre la Terra. Ma nessuna affermazione ha mai resistito a un serio esame. Ecco sette affermazioni "scientifiche" sull'esistenza degli alieni che non sono riuscite a resistere alla prova dei fatti

1560
Ricerca degli alieni, guardare ai fatti
Ricerca degli alieni, guardare ai fatti

Quando si tratta di ciò che è là fuori, in questo Universo, forse l’unica cosa che è più grande della nostra ignoranza cosmica è il potere della nostra immaginazione. Ci sono alieni intelligenti là fuori, da qualche parte, nell’Universo o anche nella nostra stessa galassia?

E, se la risposta è sì, allora che tipo di forme di vita aliene sono? Sono semplici, nel senso di organismi unicellulari o sono complessi, nel senso di organismi multicellulari, differenziati in più strutture e funzioni specializzate? O sono anche intelligenti, senzienti e tecnologicamente avanzati?

Contrariamente alla narrativa popolare, la comunità scientifica è tutt’altro che resistente a indagare sulla questione. Ciò a cui la comunità scientifica fa davvero resistenza, tuttavia, è legittimare affermazioni prive di prove adeguate. Il primo comandamento di uno scienziato, di ad affermazioni relative alla vita extraterrestre è di “non trarre conclusioni da dati insufficienti“. 

C’è un grande test cui qualsiasi affermazione del tipo “sono alieni” deve resistere, e nessuna finora c’è mai riuscita: i dati sono abbastanza buoni da favorire fortemente l’ipotesi degli “alieni” rispetto a spiegazioni relativamente banali che non invocano gli alieni?

L’Universo come lo conosciamo è pieno di fenomeni naturali che si verificano come risultato di una combinazione di processi complessi. Le forze tra le singole particelle portano a sistemi legati come atomi, ioni e molecole. Molti di loro, compresi gli idrocarburi aromatici policiclici, il formiato di etile (la molecola che dà ai lamponi il loro profumo), gli zuccheri e persino i buckminsterfullereni si trovano nelle nubi di gas interstellari. Gli amminoacidi, comprese dozzine di tipi non utilizzati nella biochimica terrestre, si trovano all’interno dei meteoriti che cadono sulla Terra.

E vediamo ora sette esempi di risultati controversi:

1.) Giovanni Schiaparelli, Percival Lowell e la rete di canali artificiali su Marte. Per tutto il 1800, la tecnologia dei telescopi è migliorata e la scienza della fotografia è stata sviluppata (e applicata all’astronomia) nella seconda metà del XIX secolo. Schiaparelli, un astronomo italiano, descrisse una rete di canali che collegavano le aree chiare e scure di Marte, originariamente chiamate “continenti” e “mari”.



Quando Percival Lowell mise gli occhi su Marte, mappò centinaia di questi “canali marziani”, sostenendo che esistevano per trasportare l’acqua dalle calotte polari alle regioni equatoriali e erano stati creati da marziani intelligenti. In una serie di libri popolari, Lowell propugnò le sue idee (e la sua interpretazione errata dei canali di Schiaparelli ) al pubblico. 

Ormai da molto tempo sappiamo che non ci sono canali su Marte! C’è un grosso pericolo nell’osservare qualcosa proprio ai limiti della tua tecnologia, e questo effetto ha afflitto le osservazioni di Schiaparelli e Lowell. Secondo la NASA:

La rete di linee incrociate che ricoprivano la superficie di Marte era solo un prodotto della tendenza umana a vedere i modelli, anche quando i modelli non esistono. Quando si guarda un debole gruppo di macchie scure, l’occhio tende a collegarle con linee rette. Ciò è stato dimostrato da molti esperimenti di laboratorio e sul campo“.

2.) La missione Mars Viking scopre segni di vita su Marte. I lander Viking raccolsero materiale marziano ed eseguirono una serie di test biologici su di loro:


  • un esperimento gascromatografo-spettrometro di massa, che non ha trovato livelli significativi di materiali organici nel suolo marziano,
  • un esperimento di scambio di gas, che ha dimostrato che l’ossigeno scompare e l’anidride carbonica appare quando una soluzione nutritiva acquosa entra in contatto con il suolo marziano (un processo inorganico),
  • un esperimento di rilascio etichettato, che ha rilasciato composti contenenti carbonio-14 quando una soluzione nutritiva acquosa ha contattato il suolo (solo al primo test), indicando possibilmente la vita,
  • e un test di rilascio pirolitico di follow-up, che non ha rilevato alcuna attività biologica.

Per decenni, un certo numero di scienziati e adiacenti all’esperimento di rilascio etichettato ha sostenuto un’interpretazione biologica dei risultati e la conclusione che esiste la vita su Marte. Solo all’indomani della missione Mars Phoenix del 2008, che ha rilevato il perclorato su Marte, il mistero è stato risolto.

La scoperta chiave è arrivata nel 2013, quando il team dell’astrobiologo Richard Quinn ha dimostrato che se il perclorato viene irradiato dai raggi gamma (da cui Marte e bombardato costantemente), produce ipoclorito, che riprodurrebbe quindi il risultato dell’esperimento con rilascio marcato aggiungendo aminoacidi. Non erano alieni, dopotutto, ma un test insufficiente ha portato molti a credere erroneamente che lo fosse.

3.) I radioastronomi scoprono il segnale “Wow!”. Il 15 agosto 1977, una forte impronta radio fu osservata dal radiotelescopio Big Ear nello stato dell’Ohio. È durato 72 secondi, è stato più forte di qualsiasi altra cosa accaduta prima o dopo, e poi si è fermato. Noto come segnale “Wow!” a causa del fatto che l’astronomo Jerry Ehman “WOW!” sulla stampa del segnale, fu ipotizzato da molti come un segnale alieno intelligente.

Naturalmente, non è stata rilevata alcuna modulazione, che è ciò che utilizziamo per codificare le informazioni nei segnali radio. Il segnale è avvenuto ad una frequenza di 1420,4556 Megahertz: quasi identica alla linea di emissione naturale dell’idrogeno a 1420,4058 Megahertz (per inciso, corrispondente a uno spostamento verso il blu di circa 10 km/s: una velocità normale di un oggetto nella nostra galassia rispetto a noi), Ma, cosa più importante, centinaia di osservazioni successive non sono riuscite a rilevare un segnale simile.

Ora sappiamo che i segnali radio transitori sono comuni e sono dovuti a una miriade di fonti astronomiche, e continuiamo a saperne di più su di loro tutto il tempo. Non possiamo ancora escludere una possibilità aliena per il segnale “Wow!”, ma ci vorranno prove migliori di questa per supportare l’esistenza di extraterrestri comunicativi e intelligenti.

4.) Si è scoperto che il meteorite di Allan Hills contiene microrganismi marziani. Riuscite a immaginare una ricetta più perfetta di questa?

  • Trova meteorite.
  • Conferma la sua origine marziana.
  • Aprilo e guardalo con un microscopio elettronico.
  • Trova piccole inclusioni che vanno da poche dozzine di nanometri a 1 o 2 micron.
  • Guarda quanto sembrano fossili di microrganismi.
  • Concludi che c’era vita su Marte.

Una prova schiacciante, vero? Era un affare così importante che apparve in un discorso del 1996 dell’allora presidente Bill Clinton.

Ma, ad un esame più attento, le affermazioni si rivelarono eccessivamente ottimistiche su quanto visto. Alcune delle strutture assomigliano a semplici batteri terrestri o alle loro appendici; questo è chiaramente vero. Ma non è una cosa sicura; La morfologia da sola – anche se sospetti fossili marziani sono stati trovati in altri meteoriti marziani – non può essere utilizzata come strumento inequivocabile per il rilevamento della vita. Per dimostrare questo punto, il mineralogista DC Golden ha dimostrato che molte delle caratteristiche dichiarate come prove di vita, come i cristalli di magnetite, possono essere ricreate in laboratorio in condizioni del tutto inorganiche. Fino a quando non giungeranno prove migliori e inequivocabili, non possiamo ragionevolmente concludere che Marte debba aver avuto organismi viventi in passato.

5.) Il rover Curiosity della NASA scopre emissioni di metano su Marte. Immagina: stai vagando pacificamente sul terreno marziano, quando decidi di fermarti per un po’. Mentre l’inverno si trasforma in primavera, rimani fermo, ma all’improvviso rilevi un “rutto” di metano che sale dal terreno sotto di te. Cosa potrebbe succedere?

Se sei una persona che salta abbastanza facilmente a conclusioni spettacolari, diresti: “Ehi, Marte si sta riscaldando e questo microrganismo latente e sotterraneo si sta svegliando, metabolizzando i nutrienti ed emettendo metano come prodotto di scarto“. E questo è possibile, ma lo è anche la semplice geochimica: l’acqua del sottosuolo che scorre attraverso il terreno all’aumentare delle temperature, innesca una reazione chimica.

Potrebbe essere biologia, ma potrebbe essere una semplice e noiosa chimica inorganica. Anche se dobbiamo mantenere una mente aperta, non lo faremo ancora per molto: Perseverance della NASA è progettato, in parte, per scoprire la natura dietro questo metano stagionale su Marte. Che si tratti di microbi marziani o meno, dovremmo avere la nostra risposta nei prossimi anni.

6.) La fosfina, prodotta solo biologicamente sulla Terra, viene scoperta tra le nuvole di Venere. In quello che è stato forse l’annuncio scientifico più controverso del 2020, un team di ricercatori ha annunciato che la fosfina era stata rilevata su Venere, ad alta quota: dove le condizioni, oltre ad essere acide, sono vicine a quelle della Terra per temperatura e pressione. La conclusione mozzafiato? Poiché la fosfina è prodotta solo organicamente sulla Terra, sono probabilmente i microrganismi venusiani nelle nuvole a crearla.

Solo che ci sono molti problemi. I dati (sopra) erano relativamente poveri e richiedevano una procedura di adattamento molto controversa per rivelare la fosfina; con una procedura più conservativa il segnale scompare. Il team originale ha trovato un difetto nei propri dati e il significato (e l’abbondanza) sono precipitati quando hanno rieseguito le analisi. E proprio il mese scorso, un team di astronomi indipendenti ha concluso che è l’anidride solforosa onnipresente (e inorganica), non la fosfina, a creare questo segnale .

Anche se è una possibilità allettante, le prove a favore degli alieni su Venere possono essere descritte solo come fragili in questa fase.

7.) ‘Oumuamua era un veicolo spaziale alieno e abbiamo avuto la fortuna di rilevarlo nel 2017. Abbiamo finito con i primi sei elementi su un elenco di sette elementi, quindi chiediti: se ‘Oumuamua – il primo oggetto interstellare mai osservato nel nostro Sistema Solare – fosse effettivamente un veicolo spaziale alieno, come potremmo saperlo? Quali domande gli porremmo, quali test dovremmo eseguire e quali prove dovremmo raccogliere per determinare se è di origine artificiale?

  • Vedremmo le sue dimensioni, riflettività e colore: è coerente con le proprietà di altri oggetti che hanno avuto origine in un Sistema Solare?
  • Guarderemmo il suo movimento: si muove e accelera, all’interno delle incertezze dell’osservazione, in un modo coerente con gli altri oggetti che abbiamo osservato?
  • Guardiamo il suo spettro: è coerente con gli spettri di altri oggetti presenti in natura?

La risposta a tutte queste domande è sì. Sì, è simile ad altri piccoli corpi nel Sistema Solare. Accelera come una cometa degassante. E ha una grande variazione di luminosità, la cui causa non può essere determinata direttamente.

Significa che sono alieni? Sulla base dei dati che abbiamo, non ci sono ragioni scientifiche convincenti per questa ipotesi. In verità, non possiamo dirlo, ma le uniche ragioni per credere che sia un’astronave aliena implicano un pio desiderio guidato esclusivamente da speculazioni, non dai dati.

Nota cosa hanno in comune tutte e sette queste affermazioni: hanno preso dati banali e sono saltate a conclusioni preconcette. Se oggi dando anche solo uno sguardo superficiale a Internet, è probabile che si trovino un’enorme quantità di notizie relative agli alieni, tutte basate su prove altrettanto inconsistenti. 

Gli oggetti volanti non identificati che sono stati registrati e individuati nel corso degli anni da personale civile e militare sono veicoli spaziali alieni o sono dispositivi creati dall’uomo? I segnali stagionali del metano provenienti da Marte sono di natura biologica o geochimica? 

E ci sono alcuni fenomeni che sono veramente di natura aliena, ma che stiamo fondendo con una spiegazione naturale che sembra funzionare?

L’importante, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non è considerare tutti i lati possibili. La cosa importante, in assenza di prove schiaccianti e decisive, è raccogliere dati di qualità sufficienti in modo da poter quindi andare avanti e trarre una conclusione decisiva. 

La cosa peggiore che si può fare nella scienza è saltare a una conclusione prematura.