Forse scoperti i primi pianeti oceanici

Due pianeti gemelli potrebbero essere mondi acquatici: ecco cosa hanno scoperto gli studiosi.

0
933
parata planetaria, TRAPPIST-1

Gli astronomi hanno scoperto due pianeti gemelli che potrebbero essere mondi acquatici.

I due pianeti sono stati trovati grazie al telescopio Kepler. Essi sono stati soprannominati Kepler-138c e Kepler-138d e orbitano attorno a una stella situata a circa 218 anni luce dalla Terra nella costellazione della Lira.

Gli astronomi, incuriositi dai dati del 2014 del telescopio spaziale Kepler, hanno deciso di rivisitare i due pianeti utilizzando il telescopio spaziale Hubble e il telescopio spaziale Spitzer in pensione della NASA, nella speranza di comprendere meglio questi mondi lontani e di capire di cosa sono fatti. E sorprendentemente, la risposta potrebbe essere principalmente acqua.

Super-Terre

Björn Benneke, astrofisico planetario dell’Université de Montréal in Canada e coautore della nuova ricerca, ha affermato in una nota: “In precedenza pensavamo che i pianeti un po’ più grandi della Terra fossero grandi sfere di metallo e roccia, come versioni ingrandite della Terra, ed è per questo che li abbiamo chiamati super-Terre”. Ha poi proseguito: “Tuttavia, ora abbiamo dimostrato che questi due pianeti, Kepler-138c e d, sono di natura abbastanza diversa: una grande frazione del loro intero volume è probabilmente composta da acqua. È la prima volta che osserviamo pianeti che possono essere identificati con sicurezza come mondi acquatici, un tipo di pianeta che è stato teorizzato dagli astronomi per esistere da molto tempo”.

Pianeti oceanici? La sicurezza non c’è

Gli astronomi non possono ancora essere sicuri che questi pianeti siano davvero oceanici; non hanno rilevato direttamente la sostanza su questi mondi. Ma i ricercatori sono stati in grado di calcolare la densità di ogni pianeta: ognuno ha circa tre volte il volume della Terra, ma solo il doppio della massa, il che li rende molto meno densi del nostro mondo. La somiglianza dei due mondi è stata una sorpresa in sé e per sé, dal momento che gli scienziati si aspettavano che i pianeti fossero molto diversi.

Da cosa sono realmente costituiti questi due mondi?

La bassa densità ha suggerito che fino a metà di ogni mondo è costituito da qualcosa di più pesante dell’idrogeno e dell’elio dei giganti gassosi, ma più leggero di quanto gli scienziati delle rocce si aspettassero di trovare, lasciando l’acqua una possibilità reale. I ricercatori suggeriscono che i due pianeti potrebbero essere un po’ come lune ghiacciate del sistema solare esterno , che possono nascondere un oceano di acqua liquida sotto un guscio ghiacciato e sopra un nucleo roccioso. Tuttavia, i mondi in questione sarebbero molto, molto più caldi di queste lune, con poco ghiaccio da trovare.



Piaulet: “Versioni più grandi di Europa ed Encelado”

Caroline Piaulet, studentessa Ph.D. presso l’Università di Montréal e autrice principale della nuova ricerca, ha affermato tramite una dichiarazione riportata da Space.com: “Immagina versioni più grandi di Europa o Encelado , le lune ricche di acqua che orbitano attorno a Giove e Saturno, ma portate molto più vicine alla loro stella” e ancora: “La temperatura nelle atmosfere di Kepler-138c e Kepler-138d è probabilmente superiore al punto di ebollizione dell’acqua, e ci aspettiamo un’atmosfera densa e densa fatta di vapore su questi pianeti”.

Sotto tutto quel vapore, tuttavia, gli scienziati affermano che potrebbe esserci acqua liquida, o forse anche acqua così calda e sottoposta a una pressione così elevata da avere la densità di un liquido ma scorrere come un gas, uno stato chiamato fluido supercritico.

I pianeti scoperti nel 2014

Gli esopianeti non sono l’unica sorpresa che i ricercatori hanno trovato nei dati di Hubble e Spitzer. Gli astronomi avevano originariamente utilizzato le osservazioni di Keplero per scoprire tre pianeti, annunciati nel 2014. Benneke era particolarmente interessato al mondo più esterno, Kepler-138d, spingendo le osservazioni di Hubble e Spitzer avvenute tra il 2014 e il 2016.

Questi dati indicano un quarto pianeta, che sarebbe soprannominato Kepler-138e, un piccolo mondo in orbita attorno alla stella ogni 38 giorni a una distanza che potrebbe consentire l’esistenza di acqua liquida sulla sua superficie, hanno detto gli scienziati.

2