Tess, il satellite della NASA scopre Toi-849b, il gigante nudo

Il satellite Tess della nasa, durante un suo monitoraggio, ha scoperto Toi-849b, ribattezzato "il gigante nudo"

4513

Il Satellite Tess non ci delude mai e durante la sua caccia agli esopianeti ci offre sempre qualcosa di nuovo con cui sbalordirci. Ma questa volta ha superato se stesso scovando Toi-849b, ribattezzato “il gigante nudo“.

Toi-849b è un nucleo primordiale sopravvissuto di un gigante gassoso, l’essenza di un pianeta che è stato decurtato della sua atmosfera o che non è riuscito a svilupparne una nelle sue prime fasi di vita. Grazie a questa scoperta, sarà possibile studiare l’interno di un pianeta e sviscerarne la composizione.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

David Armstrong, ricercatore presso l’Università di Warwick e primo autore dell’articolo pubblicato su Nature, racconta: “Pur essendo un pianeta insolitamente massiccio, è ben lontano dall’essere il più massiccio che conosciamo. Per avere le dimensioni di Nettuno è estremamente denso, il che suggerice che abbia una storia molto insolita, anche in virtù della posizione in cui si trova: non vediamo pianeti di questa massa con periodi orbitali così brevi”.

Ci saremmo aspettati che un pianeta così massiccio avesse accumulato grandi quantità di idrogeno ed elio quando si è formato, e che crescendo divenisse simile a Giove. Il fatto che non vediamo questi gas ci fa capire che siamo davanti a un nucleo planetario esposto. Ed è la prima volta che ne scopriamo uno intatto, per un gigante gassoso attorno a una stella“, Ha specificato il ricercatore.

 Chelsea Huang , postdoc presso il Kavli Institute for Astrophysics and Space Research del MIT e membro del team scientifico TESS,ha dichiarato: “Siamo davvero perplessi su come si è formato questo pianeta.Tutte le teorie attuali non spiegano in modo esaustivo perché è così massiccio nella sua posizione attuale. Non ci aspettiamo che i pianeti crescano fino a 40 masse terrestri e poi si fermino qui. Invece, dovrebbe solo continuare a crescere e finire per essere un gigante gassoso, come un gioviano caldo, in diverse centinaia di masse terrestri. È abbastanza folle pensare a ciò che sta accadendo al centro di un pianeta con quel tipo di pressione”.

Dal suo lancio il 18 aprile 2018, il satellite TESS ha scansionato i cieli alla ricerca di pianeti oltre il nostro sistema solare. Il progetto è una delle missioni della NASA Astrophysics Explorer ed è guidato e gestito dal MIT. TESS, che è stato progettato per scoprire esopianeti abitabili, è in grado di monitorare quasi tutto il cielo ruotando la sua vista ogni mese per concentrarsi su una diversa zona del cielo mentre orbita attorno alla Terra.

TESS utilizza il “metodo del transito“, che cerca lievi cali nella luminosità delle stelle causati quando un pianeta in orbita attraversa la faccia della stella dalla prospettiva di TESS, simile al telescopio spaziale Kepler della NASA, che ha scoperto circa il 70% degli oltre 4.000 mondi alieni finora confermati.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Che si sia formato in un modo o nell’altro, Toi-849b ci dice che pianeti come questo esistono e possono essere trovati. E sebbene non abbiamo ancora alcuna informazione sulla sua composizione chimica, potremo studiarla con altri telescopi. Poiché Toi-849b è così vicino alla sua stella, infatti, qualsiasi atmosfera residua intorno al pianeta deve essere costantemente rifornita dal nucleo. Quindi, se possiamo studiare quell’atmosfera, allora possiamo anche ottenere informazioni sulla composizione del nucleo stesso”, conclude Armstrong.