E se la vita oltre la Terra la trovassimo su Venere?

Classificato come un pianeta terrestre, Venere a volte è definito il "pianeta gemello" della Terra, cui è molto simile per dimensioni e massa. Tuttavia per altri aspetti è piuttosto differente dal nostro pianeta. L'atmosfera di Venere è costituita principalmente da anidride carbonica ed è molto più densa dell'atmosfera terrestre, con una pressione al livello del suolo pari a 92 atm. La densità e la composizione dell'atmosfera creano un impressionante effetto serra che lo rende il pianeta più caldo del sistema solare. Venere è avvolto da uno spesso strato di nubi altamente riflettenti, composte principalmente di acido solforico, che impediscono la visione nello spettro visibile della superficie dallo spazio. Il pianeta ha un campo magnetico più debole di quello terrestre.

21633
Indice

Da lontano, Venere appare davvero un pianeta completamente inospitale.

La missione Magellan della NASA ha condotto la mappatura radar dell'intera superficie di Venere, penetrando il suo strato di nuvole [...] e permettendoci di ricostruire la prima mappa 3D della superficie venusiana.

Sotto la sua atmosfera di biossido di carbonio / azoto, 90 volte più spessa di quella della Terra, c’è una superficie infernale, dove i lander inviati finora hanno resistito solo una manciata di minuti.

La superficie di Venere, uno dei vecchi lander Venera dell'Unione Sovietica: l'unica serie di veicoli spaziali per ... [+] atterrare e trasmettere con successo dati da quel mondo. La serie di lander Venera sopravvisse per un periodo compreso tra 39 minuti e circa 2 ore; Non più.

Di giorno o di notte, la superficie di Venere presenta costantemente una temperatura di 470° C, un pianeta davvero caldo sotto il suo perenne effetto serra.

La superficie di Venere, vista dal lander Venera 14. L'umanità non è tornata sulla superficie venusiana ... [+] in nessuna forma in oltre 3 decenni.
Una vista a infrarossi del lato notturno di Venere, dal veicolo spaziale Akatsuki. Le caratteristiche rivelate qui ... [+] corrispondono alle variazioni di temperatura attraverso vari strati e proprietà delle nuvole venusiane.

La ragione? Uno strato di nuvole di acido solforico avvolge Venere ad alta quota.

Più strati di nuvole su Venere sono responsabili di firme diverse in bande di lunghezze d'onda diverse ... [+], ma tutte mostrano un'immagine coerente di un pianeta "serra" dominato da un effetto serra in fuga.
VENUS EXPRESS; PLANETARY SCIENCE GROUP ALL’INDIRIZZO HTTP://WWW.AJAX.EHU.ES/

Questi densi strati di nuvole creano l’effetto serra che rende insostenibile il cima di Venere, che pure rientrerebbe ancora nella fascia considerata abitabile del nostro Sole, quella fascia di distanza dalla stella entro la quale è possibile avere acqua liquida in superficie.

Prima di avere misurazioni esplicite della temperatura dell'atmosfera di Venere a varie altitudini ... [+] e latitudini, avevamo un'idea dei vari strati di nuvole e di come sarebbe generalmente il suo profilo di temperatura, ma un modello come questo non è sostituto di dati di alta qualità.
SQUADRE ESA, SPICAV / SOIR

Sopra le nuvole, tuttavia, le condizioni diventano molto più ospitali.

Questa immagine a falsi colori di Venere, nell'ultravioletto, mostra la visione completa dell'emisfero sud ... [+] dall'equatore (a destra) al polo. Tutto ciò che puoi vedere visivamente su Venere, da lontano, in queste lunghezze d'onda è indicativo delle sue nuvole.

A 60 chilometri di altitudine, la temperatura e la pressione atmosferica sono simili a quelle della Terra.

Utilizzando i dati della missione Venus Express dell'ESA, è stato possibile misurare sia la temperatura diurna che notturna, in funzione della [...] latitudine planetaria. Le temperature e le variazioni di temperatura sono abbastanza simili alla Terra ad altitudini circa 60 km sopra la superficie planetaria.
ESA, VERA TEAM, (M. PÄTZOLD ET AL.)

A quella quota, gli ingredienti giusti per la vita, tra cui carbonio, ossigeno e molecole ricche di azoto, sono tutti abbondanti.

Con la maggior parte dell'atmosfera di CO2 accanto all'azoto gassoso, la presenza di anidride solforosa, acqua e ... [+] monossido di carbonio fornisce un ambiente ricco di potenziale per molecole organiche.
La maggior parte dell’atmosfera composta da CO2 accanto all’azoto, la presenza di anidride solforosa, acqua e il monossido di carbonio fornisce un ambiente ricco di potenziale per a formazione di molecole organiche. JUNKCHARTS / WIKIMEDIA COMMONS
Le foto all’ultravioletto di Venere mostrano “macchie scure”, suggerite da Harold Morowitz e Carl Sagan, che potrebbero indicare concentrazione di microrganismi.
Immagine ultravioletta delle nuvole di Venere vista dal Pioneer Venus Orbiter. Le regioni scure sono ancora ... [+] non completamente spiegate e i microrganismi che assorbono i raggi UV possono ancora avere un ruolo nell'aspetto di Venere.
un’Immagine all’ultravioletto delle nuvole di Venere vista dal Pioneer Venus Orbiter. Le regioni oscure sono ancora non completamente spiegate e non si può ancora escludere la presenza di microrganismi che assorbono raggi UV possono ancora svolgere un ruolo nell’aspetto di Venere. NASA
Si è proposto di studiare l’alta atmosfera di Venere utilizzando dirigibili in grado di “fluttuare” a questa altitudine, rendendo possibili missioni investigative.
L'ipotetica missione HAVOC della NASA, il Venus High-Altitude Operational Concept, avrebbe cercato la vita ... [+] nei cloudtops del nostro vicino planetario più vicino. A ~ 60 km di altitudine, le condizioni potrebbero effettivamente essere abbastanza confortevoli per gli organismi simili alla Terra.

Sopra le nuvole, Venere è stata definita un “pianeta paradisiaco”.

Questa immagine composita del lato notturno di Venere (a sinistra, da Venus Express) e del lato notturno (a destra, da ... [+] AKATSUKI) mostra la "superrotazione" della sua atmosfera, che viaggia più velocemente della rotazione del pianeta. La supererrotazione è più uniforme sul lato giorno ma diventa irregolare e meno prevedibile sul lato notte.
Questa immagine composita del lato notturno di Venere (a sinistra, da Venus Express) e del lato notturno (a destra, da AKATSUKI) mostra la “superrotazione” della sua atmosfera, che viaggia più veloce della rotazione del pianeta. La supererrotazione è più uniforme sul lato diurno ma diventa irregolare e meno prevedibile sul lato notturno. JAXA / ESA / J. PERALTA, JAXA / R. HUESO, UPV / EHU

La NASA ha proposto una missione astronauti, HAVOC: il concetto operativo Venus High Altitude.

Esiste un piano dettagliato per lo spiegamento e l'ingresso di un dirigibile HAVOC destinato a Venere, che ... [+] potrebbe consentire la prima esplorazione con equipaggio umano di un pianeta interno nel nostro Sistema Solare.
Esiste un piano dettagliato per lo spiegamento e l’ingresso di un dirigibile HAVOC destinato a Venere, che potrebbe consentire la prima esplorazione con equipaggio umano di un pianeta interno nel nostro Sistema Solare. – ADVANCED CONCEPTS LAB PRESSO IL NASA LANGLEY RESEARCH CENTER

insomma, per trovare la vita oltre la Terra, i cieli del pianeta infernale Venere potrebbero, sorprendentemente, essere quelli “giusti”.
Fonte: Forbes.