La navicella spaziale Juno sta per volare vicino alla luna di Giove Io

La navicella spaziale Juno visiterà uno dei pianeti più "vulcanici" del sistema solare, la luna di Giove Io

1094
La navicella spaziale Juno volerà vicino una luna di Giove
Nasa, University of Arizona

La navicella spaziale Juno visiterà uno dei pianeti più “vulcanici” del sistema solare, la luna di Giove Io.

L’evento è previsto per giovedì 15 dicembre. La manovra sarà una dei nove passaggi ravvicinati di Io che effettuerà Juno nel corso del prossimo anno e mezzo. Due degli incontri avverranno da una distanza di appena 1.500 chilometri dalla superficie lunare.

Juno ha già catturato una brillante vista a infrarossi di Io lo scorso 5 luglio da 80.000 chilometri di distanza. I punti più luminosi in quell’immagine corrispondono alle temperature più calde su Io, che ospita centinaia di vulcani, alcuni dei quali possono produrre fontane di lava alte dozzine di chilometri.

Juno darà informazioni sui vulcani di Io

Gli scienziati useranno le osservazioni di Juno su Io per saperne di più su quella rete di vulcani e su come le sue eruzioni interagiscono con Giove. La luna è costantemente strapazzata dalla massiccia attrazione gravitazionale di Giove.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Scott Bolton, investigatore principale di Juno presso il Southwest Research Institute di San Antonio, ha spiegato tramite una dichiarazione riportata dalla CNN: “Il team è davvero entusiasta che la missione estesa di Juno includa lo studio delle lune di Giove. Con ogni sorvolo ravvicinato, siamo stati in grado di ottenere una grande quantità di nuove informazioni. I sensori di Juno sono progettati per studiare Giove, ma siamo rimasti entusiasti di quanto bene possano svolgere il doppio compito osservando le lune di Giove”.

La navicella spaziale ha recentemente catturato una nuova immagine del ciclone più settentrionale del pianeta il 29 settembre. L’atmosfera di Giove è dominata da centinaia di cicloni e molti si raggruppano ai poli del pianeta.

In orbita attorno a Giove da 6 anni

La navicella spaziale Juno è in orbita attorno a Giove dal 2016 per scoprire ulteriori dettagli sul pianeta gigante ed è focalizzata sull’esecuzione di voli ravvicinati delle lune di Giove durante la parte estesa della sua missione, iniziata lo scorso anno e che dovrebbe durare fino alla fine del 2025.

Juno ha sorvolato la luna di Giove, Ganimede, nel 2021, seguita da Europa all’inizio di quest’anno. Il veicolo spaziale ha usato i suoi strumenti per guardare sotto la crosta ghiacciata di entrambe le lune e ha raccolto dati sull’interno di Europa, dove si pensa esista un oceano salato.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Europa, un mondo ghiacciato

Il guscio di ghiaccio che costituisce la superficie di Europa ha uno spessore compreso tra 10 e 15 miglia (16 e 24 chilometri) e si stima che l’oceano su cui si trova probabilmente sia profondo da 40 a 100 miglia (da 64 a 161 chilometri).

I dati e le immagini catturati da Juno potrebbero aiutare a informare due missioni separate dirette verso le lune di Giove nei prossimi due anni: la missione JUpiter ICy moons Explorer dell’Agenzia spaziale europea e la missione Europa Clipper della NASA.

La prima, che dovrebbe essere lanciato nell’aprile 2023, trascorrerà tre anni esplorando in profondità Giove e tre delle sue lune ghiacciate: Ganimede, Callisto ed Europa. Si pensa che tutte e tre le lune abbiano oceani sotto le loro croste ricoperte di ghiaccio e gli scienziati vogliono esplorare se l’oceano di Ganimede è potenzialmente abitabile.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il lancio di Europa Clipper

Europa Clipper verrà lanciato nel 2024 per eseguire una serie dedicata di 50 passaggi ravvicinati attorno a Ganimese dopo esservi arrivato nel 2030. Passando infine da un’altitudine di 2.736 chilometri a soli 26 chilometri sopra la superficie lunare, Europa Clipper potrebbe essere in grado di aiutare gli scienziati a determinare se lì esiste davvero un oceano interno e se la luna possa effettivamente sostenere la vita.

Thomas Zurbuchen, amministratore associato per la direzione della missione scientifica presso il quartier generale della NASA a Washington, ha dichiarato al riguardo: “Siamo tutti entusiasti della decisione che porta la missione Europa Clipper un passo avanti verso lo svelamento dei misteri di questo mondo oceanico”.