2.5 C
Rome
martedì, Novembre 29, 2022
HomeEsplorazione Spaziale7 misteri del sistema solare

7 misteri del sistema solare

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La prossima volta che guardi una luminosa Luna piena, pensa a questo: nessuno sa, con precisione, da dove provenga la Luna.

Non abbiamo idea del perché la luna sia qui“, dice la scrittrice scientifica Rebecca Boyle su Unexplainable, il podcast di Vox che esplora grandi misteri, domande senza risposta e tutte le cose che impariamo immergendoci nell’ignoto. “Penso che per molte persone [la luna] sia data per scontata, è sempre lì e sempre uguale, e le galassie, le nebulose, le stelle e i pianeti sono più intriganti“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

È vero che alcune delle domande più importanti della scienza si trovano negli angoli più remoti dello spazio – come e quando si sono formate le prime galassie, cosa succede all’interno di un buco nero – ma esistono domande ugualmente importanti proprio qui nel nostro quartiere celeste, nel nostro sistema solare.

Esplorare il nostro sistema solare – le lune e i pianeti in esso contenuti – significa capire meglio cosa è possibile nelle zone più lontane dell’universo. Tutto ciò che troviamo o scopriamo nel nostro cortile cosmico ci aiuterà a capire cosa è possibile nel resto dell’universo. Se si trovassero prove di vita antica su un mondo ostile come Marte, potremmo capire meglio quanto e come potrebbe comune la vita in altri sistemi solari. Se comprendessimo come un mondo forse un tempo ospitale come Venere sia andato in rovina, potremmo capire quanto spesso pianeti simili attorno ad altre stelle possono morire in un’apocalisse.

I misteri più provocatori del sistema solare ci aiutano a capire perché siamo qui, quanto tempo ci rimarremo e cosa potremmo lasciarci alle spalle. Ecco alcuni dei misteri del sistema solare che abbiamo incontrato su Unexplainable .

Cosa ha ucciso Venere?

Le nuvole di Venere catturate nel 1974 dalla navicella spaziale Mariner 10 della NASA.

Hellscape” è la parola più appropriata per descrivere la superficie di Venere, il secondo pianeta dal Sole per distanza. A 900 gradi Fahrenheit, è il pianeta più caldo del sistema solare, grazie a un’atmosfera quasi interamente composta da anidride carbonica, che genera un fortissimo effetto serra. Nubi fatte di acido solforico altamente corrosivo dominano su un paesaggio fatto di vulcani e di affilata roccia vulcanica. La pressione sulla superficie di Venere è circa 92 volte quella che sentiamo al livello del mare sulla Terra.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Eppure alcuni scienziati sospettano che Venere un tempo fosse molto simile alla Terra, con un oceano di acqua liquida come quelli che supportano la vita sul nostro pianeta. Questo fa sorgere una domanda esistenziale per la vita sulla Terra.

Venere e Terra sono fratelli planetari“, afferma Robin George Andrews, vulcanologo e autore di Super Volcanoes: What They Reveal about Earth and the Worlds Beyond. “Si sono formati nello stesso momento e sono fatti della stessa materia, eppure Venere rappresenta uno scenario apocalittico e terribile in ogni modo possibile. La terra è un paradiso. Allora perché abbiamo un paradiso accanto a un paradiso perduto?

Ci sono due ipotesi di fondo. Uno è che il sole ha fatto morire Venere. L’altro è che sono stati i vulcani ad uccidere questo pianeta.

Da dove viene la luna?

Questa vista dalla navicella spaziale Apollo 11 mostra la Terra che sorge sopra l’orizzonte della luna. – Gruppo di immagini HUM/immagini universali

Prima dello sbarco sulla Luna, gli scienziati pensavano di sapere come si è formato il nostro satellite naturale. La teoria prevalente era che si fosse formata come i pianeti: frammenti di materiale rimasti dalla formazione del Sole, raggruppati insieme per gravità. Ma poi, gli astronauti dell’Apollo hanno riportato campioni dalla superficie lunare e quelle rocce hanno raccontato una storia completamente diversa.

I geologi hanno scoperto che la Luna è ricoperta da un tipo speciale di roccia chiamata anortosite“, spiega la produttrice senior di Unexplainable Meradith Hoddinott nello show. “Luccicante, luminosa e riflettente, questa è la roccia che fa brillare di bianco la Luna nel cielo notturno. E all’epoca, si pensava, questa roccia potesse essere formata solo in un modo molto specifico. Magma“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ma magma significherebbe che la Luna deve essersi formata in una sorta di cataclisma epico. “Qualcosa che ha riversato così tanta energia nella Luna che si è letteralmente sciolta“, dice Hoddinott. Gli scienziati non sono esattamente sicuri di come sia andata. Ma ogni scenario è una storia cinematografica di proporzioni apocalittiche e infuocate.

C’è qualcosa di vivo nelle feci umane rimaste sulla Luna?

Un sacco di detriti da astronauta lasciato sulla luna nel 1969. – Nasa

Durante le missioni lunari dell’Apollo, gli astronauti sono andati sulla Luna e, per risparmiare peso per tornare sulla Terra, hanno scaricato i loro rifiuti sulla superficie. Complessivamente, durante le missioni Apollo, gli astronauti hanno lasciato 96 sacchi contenenti feci e urina umani sulla Luna che oggi pongono un’affascinante domanda astrobiologica.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I rifiuti umani – e in particolare le feci – pullulano di vita microbica. Con gli sbarchi sulla Luna dell’Apollo, abbiamo portato la vita microbica della Terra nell’ambiente più estremo in cui sia mai stata. Il che significa che i rifiuti sulla Luna rappresentano un esperimento naturale, anche se non intenzionale.

La domanda a cui potrebbe rispondere l’esperimento: quanto è resiliente la vita di fronte all’ambiente brutale della Luna? Inoltre, se ci sono batteri che possono sopravvivere sulla Luna, potrebbero sopravvivere ai viaggi interplanetari o interstellari? Se la risposta fosse si, allora forse è possibile che la vita possa diffondersi da un pianeta all’altro, cavalcando asteroidi o altri detriti spaziali simili.

C’era una civiltà avanzata sulla Terra prima degli umani?

Illustrazione del supercontinente Gondwana, una massa continentale completamente formata da circa 550 milioni di anni fa e che iniziò a disgregarsi circa 180 milioni di anni fa. – Science Foto Bilancia/Getty Images

Molti scienziati si chiedono: c’è vita intelligente nelle profondità dello spazio? Ma il climatologo Gavin Schmidt e l’astrofisico Adam Frank hanno una domanda diversa: c’è stata vita intelligente nelle profondità della storia della Terra? Potremmo trovare prove di un’avanzata civiltà non umana che visse forse centinaia di milioni di anni fa, sepolta nella crosta terrestre?

Questo non è strettamente un mistero del “sistema solare”, ma ha una portata cosmica. Schmidt e Frank si chiedono: quanto è probabile che una forma di vita intelligente su qualsiasi pianeta – qui o nelle profondità dello spazio – lasci un segno, un segno della sua esistenza? E del resto: tra centinaia di milioni di anni, possibili esploratori alieni che atterreranno sulla Terra saranno in grado di trovare tracce della nostra civiltà se saremo scomparsi da molto, molto tempo?

Possiamo spingere un asteroide fuori dalla rotta di collisione con la Terra?

Cosa succede se? – Tobias Roetsch/Future Publishing/Getty Images

Molti disastri – eruzioni vulcaniche, terremoti, uragani, tornado – sono inevitabili. Gli scienziati parlano di quando, non se, colpiranno. Sebbene gli esseri umani peggiorino alcune calamità, i disastri naturali si verificano da molto prima che fossimo qui. Sono un dato di fatto sulla Terra. Ma non è necessario che un tipo di disastro sia sempre inevitabile: ad esempio, possiamo oggi evitare una collisione tra un asteroide o una cometa e la Terra?

Il problema è: non abbiamo mai provato a deviare un asteroide e non sappiamo se un piano per farlo funzionerebbe.

Per aiutare a rispondere a questa domanda, l’anno scorso la NASA ha lanciato il Double Asteroid Redirection Test (DART), che è una scatola delle dimensioni di un’auto dotata di pannelli solari. Attualmente è in viaggio verso un asteroide di 160 metri chiamato Dimorphos. In autunno, DART si schianterà contro Dimorphos a 24.000 chilometri orari per rispondere ad una grande domanda: è possibile con un impatto spingere l’asteroide in un’orbita leggermente diversa?

C’è mai stata vita su Marte?

Perseverance si fa un selfie su Marte. – NASA/JPL-Caltech/MSSS

Marte oggi è un deserto, privo di segni evidenti di vita. Ma nel corso degli anni, gli scienziati hanno scoperto prove di un Marte perduto molto tempo fa, che avrebbe potuto assomigliare molto di più alla Terra.

Marte è un posto molto diverso oggi rispetto a 4 miliardi di anni fa, ma possiamo vedere le prove di com’era“, afferma l’astrobiologo della NASA Lindsay Hays. “Vedi cose come i resti di un enorme delta di un fiume, il che indica che non solo c’è stata acqua che scorreva, ma probabilmente c’è stata molta acqua che scorreva per un lungo periodo di tempo che ha continuato a depositare sedimenti“.

E dove c’era acqua, poteva esserci vita. L’anno scorso, un nuovo rover è atterrato su Marte ed è la nostra migliore possibilità per rispondere alla domanda “c’è mai stata vita su Marte?” Se la risposta sarà “sì”, potrebbe cambiare la nostra comprensione di quanto comune sia la vita nell’universo.

C’è un nono pianeta nascosto ai confini del sistema solare?

Plutone 13 luglio

Scusa, Plutone, potrebbe esserci un nuovo nono pianeta. NASA-JHUAPL-SWRI

Nel 2006, l’Unione Astronomica Internazionale ha votato per cambiare la definizione di ciò che costituisce un pianeta e Plutone è rimasto fuori dalla definizione. Non abbiamo più nove pianeti ufficiali nel sistema solare, ma otto.

Ma poi “abbiamo iniziato a ricevere questi segni che possa esserci qualcos’altro là fuori – un vero pianeta gigante che pensiamo sia ancora in agguato ben oltre Nettuno, in attesa di essere trovato“, dice l’astronomo Mike Brown. Gli astronomi devono ancora rilevare questo pianeta, ma sospettano che sia lì: altri oggetti lontani nel sistema solare sembrano essere influenzati dalla sua gravità.

Questi suggerimenti potrebbero condurci a un vero, nuovo nono pianeta? Forse. Ma sarà difficile da trovare.

È un po’ come prendere un granello di sabbia nera e gettarlo sulla spiaggia“, dice Brown della ricerca. “Sarebbe un po’ difficile trovare quello nel mare di tutti gli altri. E questo è il problema con Planet Nine“.

Articoli più letti