La missione russa Luna 25 è in rotta per la Luna

Il veicolo spaziale senza equipaggio è decollato dal cosmodromo di Vostochny nell'Oblast dell'Amur, in Russia. Utilizzando come booster un razzo Fregat Soyuz-2, Luna 25 ha preso il volo alle 8:10 ora locale

0
1065
La missione russa Luna 25 è in rotta per la Luna
La missione russa Luna 25 è in rotta per la Luna

Questa mattina la Russia ha effettuato con successo il lancio del lander lunare Luna 25. Si tratta del primo lander lunare lanciato dalla Russia da 47 anni.

Il veicolo spaziale senza equipaggio è decollato dal cosmodromo di Vostochny nell’Oblast dell’Amur, in Russia. Utilizzando come booster un razzo Fregat Soyuz-2, Luna 25 ha preso il volo alle 8:10 ora locale di venerdì o alle 19:10 ET di giovedì.

Il veicolo spaziale dovrebbe prima entrare in orbita attorno alla Terra, allargandola progressivamente per trasferirsi su un’orbita lunare e infine scendere sulla superficie della Luna. L’ultimo lander lunare russo, Luna 24, atterrò sulla Luna il 18 agosto 1976.

Luna 25 e la missione indiana Chandrayaan-3, lanciata a metà luglio, dovrebbero entrambe atterrare al polo sud lunare il 23 agosto, in una gara per vedere quale paese atterrerà per primo, secondo Reuters. Ma Roscomos ha affermato che le due missioni non dovrebbero causare problemi l’una all’altra perché le loro specifiche zone di atterraggio differiscono, come riferisce Reuters.

Il viaggio di Luna 25

Luna 25, chiamato anche Luna-Glob-Lander, studierà per un anno la composizione del suolo polare della luna e il plasma e la polvere contenuti nella sottilissima esosfera lunare, la scarsa atmosfera lunare.



Il lander a quattro zampe include razzi di atterraggio, serbatoi di propellente, pannelli solari, computer e un braccio robotico in grado di raccogliere campioni lunari, oltre a una suite di strumenti per studiare i campioni e l’esosfera, come riferisce la NASA.

Luna 25, Luna 26, Luna 27 e il rover ExoMars facevano parte di un programma comune di ESA e Roscosmos bloccato nell’aprile 2022 dopo l’invasione russa dell’Ucraina, evento dopo il quale il Consiglio dell’ESA ha ” interrotto le attività di cooperazione con la Russia“.

Il futuro dell’esplorazione lunare

Nel frattempo, Chandrayaan-3, che include un lander, un rover e un modulo di propulsione, è decollato dall’India il 14 luglio ed è entrato nell’orbita lunare lo scorso fine settimana.

La missione è il secondo tentativo dell’India di atterrare al polo sud lunare e segue a Chandrayaan-2 si è schiantato sulla luna nel settembre 2019. In caso di successo, l’ultima missione renderebbe l’India il quarto paese a realizzare l’impresa, dopo Stati Uniti, l’ex Unione Sovietica e la Cina. Una volta in superficie, Chandrayaan-3 trascorrerà un paio di settimane conducendo una serie di esperimenti scientifici per saperne di più sulla composizione della luna.

La NASA prevede di far atterrare una donna e una persona di colore sulla Luna per la prima volta al polo sud lunare alla fine del 2025 durante la missione Artemis III.

Il motivo per cui sono state progettate così tante missioni per esplorare questa regione della Luna è dovuto alle sue potenziali risorse. I crateri profondi e permanentemente ombreggiati al polo sud lunare possono contenere ghiaccio che potrebbe essere utilizzato in futuro per ricavare acqua, ossigeno e carburante.

2