Cosa succede se cadi in un buco nero? – video

Grazie a una simulazione della NASA è possibile sapere cosa potrebbe accadere se cadessi in un buco nero, proprio come è accaduto a Matthew McConaughey nel film diretto da Christopher NolanInterstellar“.

buco nero M87*

Cadere in un buco nero

Nemmeno i viaggiatori spaziali più intrepidi sono ancora in grado di avvicinarsi a un buco nero, dove la forza di gravità è così intensa che nemmeno la luce ha abbastanza energia per sfuggire alla sua presa.

Nel frattempo, le simulazioni pubblicate dall’agenzia spaziale statunitense immaginano semplicemente cosa potrebbe vedere una persona mentre precipita verso un buco nero verso la sua inevitabile morte. Ancora un’altra simulazione rilasciata dalla NASA mostra il punto di vista immaginato di un astronauta che vola oltre un buco nero mentre lo Spazio sembra piegarsi e trasformarsi.

Buco Nero

Ho simulato due diversi scenari, uno in cui una telecamera, una controfigura di un audace astronauta, manca appena l’orizzonte degli eventi e si lancia indietro, e uno in cui ne attraversa il confine, segnando il suo destino“, ha detto Jeremy Schnittman, un astrofisico presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, che ha prodotto il lavoro.

Anche se l’Umanità ha imparato molto di più sui buchi neri negli ultimi anni da quando il primo è stato identificato nel 1964, essi rimangono notoriamente misteriosi.

Le nuove visualizzazioni della NASA, cancellano parte di quell’enigma: sono divise in viaggi di un minuto resi come video a 360 gradi che consentono agli spettatori di guardarsi intorno durante il viaggio e versioni estese con spiegazioni per guidare gli spettatori su quello a cui stanno assistendo.

Le simulazioni del viaggio in un buco nero

La destinazione della simulazione è un buco nero supermassiccio virtuale con una massa 4,3 milioni di volte quella del Sole terrestre, una dimensione equivalente a Sagittarius A* situato al centro della nostra galassia, la Via Lattea.

La prima simulazione mostra lo spettatore che si avvicina al buco nero da circa 400 milioni di miglia di distanza e cade rapidamente verso l’orizzonte degli eventi, un confine teorico noto come “punto di non ritorno” dove la luce e altre radiazioni non possono più sfuggire. Come Sagittarius A*, l’orizzonte degli eventi della simulazione si estende per circa 16 milioni di miglia.

Sagittarius A*: creato il primo video 3D del buco nero

Strutture nuvolose chiamate anelli fotonici e una nuvola piatta e vorticosa di gas caldo e luminoso chiamata disco di accrescimento che circonda il buco nero servono come riferimento visivo durante la caduta. Quando la fotocamera raggiunge la velocità della luce, il disco di accrescimento diventa più distorto man mano che lo spazio-tempo si deforma.

Una volta all’interno del buco nero stesso, lo spettatore si precipita verso il suo centro unidimensionale chiamato singolarità, dove le leggi della fisica come le conosciamo cessano di esistere.

Le simulazioni sono state effettuate utilizzando il supercomputer Discover presso il Centro per la simulazione climatica della NASA e hanno generato circa 10 terabyte di dati, ovvero circa la metà del contenuto testuale stimato nella Biblioteca del Congresso.

Conclusioni

Gli astronomi dividono i buchi neri in tre categorie generali in base alla massa: massa stellare, supermassiccio e massa intermedia.

I buchi neri di massa stellare, che si formano quando una stella con più di otto volte la massa del Sole esaurisce il carburante e il suo nucleo esplode come una supernova, sono ancora meno ideali in cui ritrovarsi a cadere rispetto alla sua controparte supermassiccia, ha spiegato Schnittman.

Se hai la scelta, vorrai cadere in un buco nero supermassiccio“, ha detto Schnittman: “I buchi neri di massa stellare, che contengono fino a circa 30 masse solari, possiedono orizzonti degli eventi molto più piccoli e forze di marea più forti, che possono fare a pezzi gli oggetti in avvicinamento prima che raggiungano l’orizzonte”.

Questo si verifica perché l’attrazione gravitazionale sull’estremità di un oggetto più vicina al buco nero è molto più forte di quella sull’altra estremità. Gli oggetti che cadono si allungano come spaghetti, un processo che gli astrofisici chiamano spaghettificazione. Per questo buco nero simulato, lo spettatore impiegherebbe solo circa 12,8 secondi per raggiungere la fine tramite spaghettificazione.

Webb scopre il buco nero più antico mai osservato, Markarian 817

La simulazione alternativa mostra uno spettatore in orbita vicino all’orizzonte degli eventi ma che fugge per mettersi in salvo prima di attraversarlo.

Se un astronauta volasse su una navicella spaziale in questo viaggio di andata e ritorno di 6 ore, l’esploratore ritornerebbe 36 minuti più giovane rispetto a coloro che sono rimasti su una nave madre lontana, ha spiegato la NASA. Questo è un altro concetto che risulterà familiare ai fan di “Interstellar” ed è dovuto al fatto che il tempo scorre più lentamente vicino ad una forte fonte gravitazionale.

Questa situazione può essere ancora più estrema“, ha concluso Schnittman: “Se il buco nero ruotasse rapidamente, come quello mostrato nel film ‘Interstellar’ del 2014, l’astronauta tornerebbe molti anni più giovane dei suoi compagni di bordo”.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Offerte Amazon di oggi: mini lavastoviglie portatili super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Neutrini: nuovi metodi per calcolare il cambiamento di sapore

Un team di ricercatori sta sviluppando un nuovo metodo...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Offerte Amazon di oggi: smartphone super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Scimpanzé: inaspettato come il 14% delle interazioni siano gesti

La comunicazione è una delle caratteristiche più distintive degli...

Offerte Amazon di oggi: mini frigo portatili super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi vorrei proporti i...

Nano transparent screen: da 100 pollici sarà rivoluzionario

Nel mondo della tecnologia, l’innovazione non conosce limiti, e...

Infezioni urinarie: in arrivo un vaccino per prevenirle?

Le infezioni urinarie rappresentano una delle condizioni mediche più...

Articoli correlati

Popular Categories