Il più grande universo virtuale gratuito da esplorare per chiunque – video

Dimentica i giochi online che ti promettono un “intero mondo” da esplorare. Un team internazionale di ricercatori ha generato un intero universo virtuale e lo ha reso disponibile gratuitamente sul cloud a tutti.

Uchuu (che significa “spazio esterno” in giapponese) è la simulazione più grande e realistica dell’universo fino ad oggi. La simulazione di Uchuu consiste di 2,1 trilioni di particelle in un cubo computazionale con un lato senza precedenti di 9,63 miliardi di anni luce. Per fare un confronto, si tratta di circa tre quarti della distanza tra la Terra e le galassie osservate più distanti.

Uchuu rivela l’evoluzione dell’universo a un livello di dimensioni e dettagli inconcepibile fino ad ora.

Uchuu si concentra sulla struttura su larga scala dell’universo: misteriosi aloni di materia oscura che controllano non solo la formazione delle galassie, ma anche il destino dell’intero universo stesso.

La scala di queste strutture varia dai più grandi ammassi di galassie fino alle più piccole galassie. Le singole stelle e pianeti non vengono risolti, quindi non aspettarti di trovare civiltà aliene in Uchuu.

Ma un modo in cui Uchuu vince alla grande rispetto ad altri mondi virtuali è il dominio del tempo ; Uchuu simula l’evoluzione della materia durante quasi l’intera storia di 13,8 miliardi di anni dell’universo dal Big Bang al presente. È oltre 30 volte più lungo del tempo trascorso da quando la vita animale è strisciata fuori dai mari della Terra.

L’evoluzione temporale delle strutture della materia oscura in Uchuu. Credito: Tomoaki Ishiyama, Hirotaka Nakayama, Progetto 4D2U, NAOJ

Julia F. Ereza, un dottorato di ricerca studente all’IAA-CSIC che usa Uchuu per studiare la struttura su larga scala dell’universo spiega l’importanza del dominio del tempo, “Uchuu è come una macchina del tempo: possiamo andare avanti, indietro e fermarci nel tempo, possiamo zoomare su una singola galassia o visualizzare un intero ammasso, possiamo vedere cosa sta realmente accadendo in ogni istante e in ogni luogo dell’universo dai suoi primi giorni ad oggi, essendo uno strumento essenziale per studiare il cosmo.”

Un team internazionale di ricercatori provenienti da Giappone, Spagna, Stati Uniti, Argentina, Australia, Cile, Francia e Italia ha creato Uchuu utilizzando ATERUI II, il supercomputer più potente al mondo dedicato all’astronomia.

Nonostante la sua enorme potenza, ci è voluto un anno per produrre Uchuu.

Tomoaki Ishiyama, professore associato presso l’Università di Chiba che ha sviluppato il codice utilizzato per generare Uchuu, spiega: “Per produrre Uchuu abbiamo utilizzato… tutti i 40.200 processori (core CPU) disponibili esclusivamente per 48 ore al mese. Sono state impiegate venti milioni di ore di supercomputer e sono stati generati 3 Petabyte di dati, l’equivalente di 894.784.853 immagini da un telefono cellulare da 12 megapixel“.

Prima di iniziare a preoccuparsi del tempo di download, il team di ricerca ha utilizzato tecniche computazionali ad alte prestazioni per comprimere le informazioni sulla formazione e l’evoluzione degli aloni di materia oscura nella simulazione di Uchuu in un catalogo di 100 terabyte.

Questo catalogo è ora disponibile per tutti sul cloud in un formato facile da usare grazie all’infrastruttura di calcolo skun6 situata presso l’Instituto de Astrofísica de Andalucía (IAA-CSIC), il gruppo RedIRIS e il Galician Supercomputing Center (CESGA). I futuri rilasci di dati includeranno cataloghi di galassie virtuali e mappe di lenti gravitazionali.

Il più grande universo virtuale gratuito da esplorare per chiunque
Evoluzione temporale del numero di aloni in ciascun intervallo di massa come previsto da questa simulazione. La barra che si estende orizzontalmente da ciascun cerchio e triangolo rappresenta l’intervallo delle masse dell’alone. L’asse verticale è il numero di aloni trovati in un cubo di circa 9,6 miliardi di anni luce su ciascun lato. Le barre del gradiente nella parte superiore della figura rappresentano le categorie di oggetti trovati negli aloni di quella massa. La simulazione di Uchuu prevede che numerosi aloni di massa paragonabile a quello della nostra galassia si siano già formati circa 13 miliardi di anni fa. Credito: Tomoaki Ishiyama

I prodotti per la scienza dei Big Data di Uchuu aiuteranno gli astronomi a imparare a interpretare i rilevamenti della galassia dei Big Data previsti nei prossimi anni da strutture come il telescopio Subaru e la missione spaziale Euclid dell’ESA.

Questi risultati sono apparsi come Ishiyama et al. “The Uchuu simulations: Data Release 1 and dark matter halo concentrations” nel numero di settembre 2021 di Monthly Notice of the Royal Astronomical Society.

L’universo virtuale Uchuu è visitabile qui.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Per le Olimpiadi 2024, Parigi diventa ecosostenibile

Le Olimpiadi 2024 di Parigi daranno la priorità alla...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Bosone di Higgs: il Modello Standard resiste

Una nuova ricerca ha confermato le previsioni del Modello...

Dinastia Tang: rivoluzionario murale in tomba di 1200 anni

Nel 2018, durante dei lavori stradali nei pressi della...

Industria 4.0, il futuro è già qui

Ebbene sì, siamo in piena IV rivoluzione industriale, ovvero...

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

Articoli correlati

Popular Categories