Venere: risolto il mistero dell’acqua perduta

Si è sempre pensato che il Pianeta Venere un tempo avesse acqua, come la Terra, ma come sia diventato il mondo arido che conosciamo oggi è rimasto un mistero per decenni.

Tuttavia, i ricercatori hanno indicato che Venere potrebbe aver perso la sua acqua attraverso una reazione chimica chiamata ricombinazione dissociativa HCO+, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature.

La superfice di Venere, EnVision

Venere, il pianeta gemello della Terra

Questa nuova teoria potrebbe risolvere alcune discrepanze nelle ipotesi precedenti su come Venere si sia disidratata.

Venere è il secondo pianeta a partire dal nostro Sole ed è spesso chiamato il “pianeta gemello” della Terra a causa delle sue dimensioni e vicinanza simili. Ha una densa atmosfera composta principalmente da anidride carbonica, con nubi di acido solforico, che la rendono opaca alla luce visibile.

La sua atmosfera è molto più densa e calda di quella terrestre, con una pressione atmosferica sulla sua superficie circa 92 volte quella terrestre, equivalente a circa 914,4 metri sott’acqua sul nostro pianeta. Il terreno è per lo più un paesaggio brullo e roccioso ricoperto da uno strato di polvere solforica e ci sono migliaia di vulcani, alcuni dei quali potrebbero essere ancora attivi.

Individuato un vulcano attivo su Venere

Venere ha un ambiente ostile. I lander metallici per l’esplorazione spaziale si sciolgono in pochi minuti. La temperatura media della superficie è di 867 gradi F. Questo perché 1) è più vicino al sole della Terra, quindi più caldo, e 2) perché ha un’atmosfera serra composta per il 96% da CO2 (anidride carbonica).

La Vita adesso si brucerebbe letteralmente sulla superficie e si ridurrebbe a catrame“, ha detto a Newsweek Martin van Kranendonk, Professore di astrobiologia e geologia alla Curtin University: “E, naturalmente, non c’è acqua su Venere, che ospita tutta la vita sulla Terra“.

Lo studio

Si è ipotizzato che Venere potesse aver avuto una notevole quantità di acqua all’inizio della sua storia, forse sotto forma di oceani o grandi masse d’acqua superficiali. Nel corso del tempo, con l’aumento della radiazione solare e il rilascio di più anidride carbonica da parte dell’attività geologica, potrebbe aver subito un effetto serra fuori controllo.

Questo avrebbe portato all’evaporazione di tutta l’acqua superficiale, all’aumento della pressione atmosferica e alle conseguenti temperature estreme, trasformandolo nel luogo inospitale che è oggi.

Secondo la ricerca, Venere potrebbe aver perso tutta l’acqua evaporata dalla sua atmosfera attraverso una reazione chimica chiamata ricombinazione dissociativa HCO+. Questo è un processo mediante il quale gli ioni HCO+ si combinano con gli elettroni per formare monossido di carbonio e atomi di idrogeno, che vengono poi dispersi nello Spazio.

Venere aveva una tettonica a placche simile a quella della Terra

Teorie precedenti hanno suggerito che l’acqua di Venere fosse andata perduta attraverso un processo chiamato deflusso idrodinamico, che descrive come il gas fuoriesce dall’atmosfera di un pianeta.

Questo processo tuttavia non avrebbe potuto rimuovere abbastanza acqua da provocare le condizioni che vediamo oggi. La ricombinazione dissociativa di HCO+, d’altra parte, significherebbe che l’acqua è stata persa a una velocità doppia rispetto a quella prevista nel deflusso idrodinamico. Spiegherebbe anche eventuali discrepanze nei dati provenienti dai precedenti strumenti della navicella spaziale Venus.

Conclusioni

Questo processo quasi raddoppia il tasso di fuga di Venus H e, di conseguenza, raddoppia la quantità di degassamento attuale di acqua vulcanica e/o di caduta del dispositivo di simulazione, necessaria per mantenere un’abbondanza di acqua atmosferica allo stato stazionario. Questi tassi di perdita più elevati risolvono difficoltà di lunga data in spiegando contemporaneamente l’abbondanza misurata e il rapporto isotopico dell’acqua venusiana e consentirebbe un’essiccazione più rapida sulla scia di scenari speculativi dell’oceano tardo”, hanno spiegato i ricercatori.

Rilevato ossigeno nell'atmosfera diurna su Venere, EnVision

Sono necessarie ulteriori missioni su Venere per misurare se la ricombinazione dissociativa di HCO+ è davvero il modo in cui Venere ha perso la maggior parte della sua acqua.

I ricercatori hanno concluso: “I limiti di progettazione hanno impedito alle passate missioni su Venere di misurare sia l’HCO+ che l’idrogeno in fuga prodotto dalla sua ricombinazione. Le future misurazioni dei veicoli spaziali sono imperative”.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Venere: individuati possibili segni di vita

Un team di ricercatori ha presentato nuove prove della...

Olimpiadi di Parigi 2024: caldo record, atleti a rischio

Le Olimpiadi di Parigi 2024 si stanno avvicinando rapidamente,...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

RTNet: L’AI che sta imparando a pensare come gli esseri umani

I ricercatori del Georgia Tech hanno sviluppato una rete...

Geoingegneria: 5 rischi dell’innovativo piano per il clima

Negli ultimi anni, la crisi climatica è diventata una...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Cosa sono i prodotti a base di CBD e quali sono i loro benefici

Il cannabidiolo, comunemente noto come CBD, è uno dei...

Paradosso di Fermi: la realtà non è quella che ci appare

Tra i tentativi più fantasiosi di rispondere al paradosso di Fermi l'ipotesi del planetario vorrebbe che tutti noi fossimo immersi in una simulazione perfetta di una realtà virtuale.

Articoli correlati

Popular Categories