La corsa allo Spazio del 21° secolo decolla

Mentre gli esseri umani entrano in quella che è stata definita la “terza era dello Spazio”, sono le aziende private, e non i governi, a guidare la carica

0
202
La corsa allo Spazio del 21° secolo decolla

Se la corsa allo Spazio del XX secolo riguardava il potere politico, quella di questo secolo riguarderà il denaro. Ma per coloro che sognano di rimandare gli esseri umani sulla Luna e possibilmente su Marte, è un momento emozionante sia che si tratti strategia politica o del potere economico dei nuovi miliardari che sosterranno le missioni.

Emicrania, Spazio

L’era del “Terzo Spazio”

Il volo spaziale sta vivendo un momento di rinascita, portando una nuova energia mai vista dai tempi del programma Apollo e, per la prima volta, con aziende private piuttosto che governi a guidare la carica.

Emicrania

Una serie di recenti missioni fondamentali, non ultimi i voli di prova sempre più riusciti del più grande razzo mai realizzato e la prima sonda costruita privatamente ad atterrare sulla superficie lunare, hanno incorporato l’idea crescente che gli esseri umani stanno entrando in quello che è stata definita l’era del “Terzo Spazio”.



Dire che siamo in una nuova era è assolutamente giusto“, ha affermato Greg Sadlier, economista spaziale e co-fondatore della società di consulenza know.space: “Siamo nell’era della concorrenza, o nell’era commerciale. Le barriere all’ingresso sono più basse, i costi sono diminuiti, il che ha aperto le porte a un gruppo di nazioni molto più ampio”, ha affermato: “È la democratizzazione dello Spazio”.

Oggi più di 70 paesi hanno programmi spaziali, ma per molto tempo gli unici veri protagonisti sono stati gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica.

La corsa alla conquista dello Spazio

Il primo esploratore dello Spazio dell’umanità, il cosmonauta sovietico Yuri Gagarin, ha orbitato attorno al globo nell’aprile del 1961. Un anno dopo, il presidente degli Stati Uniti John F Kennedy ha pronunciato il suo famoso discorso: “Scegliamo di andare sulla Luna“, promettendo di portare un uomo americano sulla superficie lunare entro la fine del decennio, prima di una “bandiera di conquista ostile”.

A dire il vero, tutto questo costa a tutti noi una bella somma di denaro”, ha riconosciuto Kennedy, ma la guerra fredda lo ha motivato a spendere l’equivalente moderno di centinaia di miliardi in denaro dei contribuenti statunitensi per vincere la corsa allo Spazio.

La fine della guerra fredda nel 1989 ha portato un breve momento di ottimismo globale, che di conseguenza ha provocato una seconda era spaziale, più collaborativa. La Stazione Spaziale Internazionale è stata assemblata in 13 anni e, dal 2000, persone di diverse nazionalità vivono costantemente nello Spazio, lavorando insieme ad esperimenti nel laboratorio orbitante.

Questa seconda era però ha visto anche un calo nell”impegno per portare gli esseri umani più lontano nell’esplorazione spaziale, simboleggiato dal programma Space Shuttle della NASA che non ha mai inviato persone oltre l’orbita terrestre e che alla fine è stato sciolto nel 2011, in gran parte perché il Governo degli Stati Uniti non ha voluto continuare a finanziarne gli alti costi. Successivamente, Washington ha dovuto fare affidamento sui razzi Soyuz di Mosca per lanciare i suoi astronauti.

Presenata la nuova tuta spaziale EVA di SpaceX

Eppure questi costi elevati sono stati ora ridotti dall’ingresso in scena delle imprese private, spesso come appaltatori governativi. Negli ultimi anni, alcune di queste attività hanno iniziato a guadagnare denaro, anche se non per ragioni di rilievo come il turismo spaziale, ma soprattutto per l’invio di satelliti per le comunicazioni, in particolare Internet a banda larga. Molte stime hanno indicato che l’industria spaziale globale potrebbe generare ricavi per oltre 1 trilione di dollari entro i prossimi due decenni.

In un articolo pubblicato nel 2023 dall’influente società di consulenza strategica e gestionale McKinsey & Company, il socio dirigente globale Bob Sternfels e i suoi colleghi hanno scritto ai CEO: “Se lo Spazio non fa parte della vostra strategia, deve esserlo”.

Hanno aggiunto: “Solo di recente abbiamo assistito a una significativa accelerazione lungo la curva dei costi: i costi di lancio sono diminuiti del 95%, con un’altra massiccia riduzione prevista nei prossimi anni, grazie al riutilizzo, al miglioramento dell’ingegneria e all’aumento dei volumi”.

SpaceX di Elon Musk è stato in prima linea in questo movimento, lanciando 96 volte l’anno scorso con i suoi razzi riutilizzabili. Il sistema più grande dell’azienda, chiamato Starship e ancora in fase di sviluppo, è stato commercializzato come esploratore interplanetario.

Musk ha affermato di aver costruito il razzo di 120 metri in modo che gli esseri umani possano colonizzare Marte. Prima di allora, la Nasa ha stipulato un contratto con SpaceX per far atterrare gli astronauti, inclusa la prima donna, sulla Luna in questo decennio.

Conclusioni

Come impresa commerciale, potrebbe guadagnare molto prima di allora fungendo da equivalente di una nave mercantile volante. L’astronave ha un carico utile fino a 150 tonnellate, cinque volte il carico che potrebbe trasportare lo Space Shuttle.

La politica globale continua a svolgere un ruolo nello Spazio, ma con più attori. La Cina ha superato la Russia come principale contendente nazionale agli Stati Uniti, con una propria stazione spaziale operativa, sonde sulla Luna e un rover su Marte. Pechino lancerà una navicella spaziale robotica sul lato nascosto della Luna.

Il polo sud della Luna, in particolare, è visto come una “cintura d’oro” per l’esplorazione lunare poiché contiene acqua ghiacciata, che potrebbe essere utilizzata come acqua potabile e persino scomposta per produrre carburante per missili.

Gli scienziati sono nervosi sia per la politicizzazione che per la commercializzazione dello Spazio, soprattutto quando si parla di future operazioni di “estrazione” sulla Luna incontaminata e incontaminata. I sostenitori dell’esplorazione spaziale, tuttavia, sottolineano i progressi compiuti finora.

tuta spaziale EVA

La TAC, un dispositivo medico fondamentale in grado di identificare i tumori, trae le sue origini dalla ricerca pre-missione Apollo. Gli astronauti sulla stazione spaziale hanno utilizzato l’ambiente unico di microgravità per comprendere meglio malattie come l’Alzheimer.

Per economisti come Sadlier, la terza era spaziale creerà una situazione senza precedenti, che potrebbe sconvolgere le fondamenta stesse del sistema di mercato: “In economia, presupponiamo che le risorse siano limitate; la terra è limitata; le risorse naturali sono limitate”, ha affermato: “Con lo Spazio, ci permette di cambiare la situazione”.

2