Gli effetti negativi dei brillamenti solari sulla tecnologia terrestre

Due brillamenti solari consecutivi hanno interrotto i segnali radio negli Stati Uniti. Entrambi gli eventi risultavano essere di classe X, le tempeste più intense ed energiche che il Sole possa emettere

0
778
Gli effetti negativi dei brillamenti solari sulla tecnologia terrestre. Tempesta solare

Il Sole, nostro padre adorato che permette la vita sulla Terra, colui che ravviva le nostre estati e primavere con i suoi caldi raggi (più vivaci in queste due stagioni) che ci accarezzano il viso. A volte però il Sole può essere un vero e proprio guaio per la tecnologia terrestre. All’inizio di questa settimana due brillamenti solari si sono generati dalla nostra Stella, interrompendo i segnali radio negli USA.

Il fisico solare Keith Strong ha detto a Space.com: “L’X1.5 Flare ha causato un evento di blackout radio R3 (forte) sul lato illuminato della Terra (la maggior parte degli Stati Uniti, del Canada e dell’Oceano Pacifico)”. Il secondo brillamento solare, indicato come un evento radio ad alta frequenza dalla National Oceanographic and Atmospheric Administration, ha colpito la Terra lo scorso 7 agosto con un picco di attività alle 16:46, ora di New York.

Gli effetti del bagliore

Parlando del secondo brillamento, gli esperti si sono riferiti a esso come brillamento X1.5. Earthsky afferma che i brillamenti solari di classe X sono la famiglia di attività più intensa. Gli effetti del bagliore includevano il degrado e la perdita di segnali radio ad alta frequenza, in particolare sul lato soleggiato del pianeta.

In seguito all’evento di lunedì, la NASA ha twittato: “I brillamenti solari sono potenti esplosioni di radiazioni. Le radiazioni nocive di un bagliore non possono passare attraverso l’atmosfera terrestre per influenzare fisicamente gli esseri umani a terra. Tuttavia, quando sono abbastanza intensi, possono disturbare l’atmosfera nello strato in cui viaggiano i segnali GPS e di comunicazione”.

Cosa sappiamo sul primo brillamento

Come informa Gizmodo, il brillamento solare di lunedì è stato preceduto da un altro brillamento solare emesso solo due giorni prima, con un picco di attività alle 18:21 ora della costa orientale del 5 agosto, secondo la NASA. Questo brillamento solare è stato un altro evento di classe X, ma è stato un po’ più forte del brillamento di lunedì, con un’intensità di X1.6.



Gli effetti sulla Terra

I brillamenti solari possono influenzarci qui sulla Terra e mettere in forse la funzionabilità dei nostri segnali radio, ma queste tempeste cosmiche possono anche significare disastri per il volo spaziale. Lo scorso settembre, la navicella spaziale Solar Orbiter dell’ESA e della NASA è stata catturata nel mirino di parte del plasma del Sole mentre la stella emetteva un’espulsione di massa coronale pochi giorni prima.

Fortunatamente, Solar Orbiter è sopravvissuta poiché è stata costruita per resistere all’eliosfera agitata, ma le tempeste solari potrebbero essere un ostacolo insormontabile per le missioni satellitari impreparate.

Cos’è un brillamento solare?

Un brillamento solare è una improvvisa ed intensa esplosione sulla superficie del Sole che è associata ad un rilascio di energia enorme. Questa energia viene emessa in varie forme, inclusa la luce visibile, i raggi X e i raggi ultravioletti.

Come nascono i brillamenti solari?

I brillamenti solari sono causati da disturbi nella complessa struttura del campo magnetico del Sole. Il Sole ha un campo magnetico complesso che può portare alla formazione di regioni ad alta attività magnetica chiamate macchie solari. Queste macchie solari sono aree più fredde e scure sulla superficie del Sole, causate da intensi campi magnetici che interferiscono con il normale flusso di calore.

I brillamenti solari si verificano quando l’energia magnetica accumulata nei campi magnetici delle macchie solari viene rilasciata improvvisamente. Questo può accadere quando i campi magnetici si riorganizzano rapidamente, causando una liberazione repentina di energia. L’energia rilasciata accelera le particelle cariche, come gli elettroni, lungo le linee del campo magnetico, generando intensi raggi X e radiazioni ultraviolette.

Osservazione e studio

Gli scienziati studiano i brillamenti solari utilizzando una varietà di strumenti, tra cui telescopi specializzati che possono osservare il Sole in diverse lunghezze d’onda. Questi strumenti permettono di monitorare i cambiamenti nella struttura del campo magnetico solare e di prevedere l’attività solare.

2