Il nostro Universo non era vuoto, nemmeno prima del Big Bang

L'Universo non è mai stato completamente vuoto, e fintanto che l'energia oscura non decadrà completamente, non lo sarà mai

0
4318
Il nostro Universo non era vuoto, nemmeno prima del Big Bang
Il nostro Universo non era vuoto, nemmeno prima del Big Bang

Quando si tratta dell’Universo fisico, la nozione di “nulla” può davvero essere possibile solo in teoria, non in pratica. L’Universo oggi sembra pieno di cose: materia, radiazione, antimateria, neutrini e persino materia oscura ed energia oscura, nonostante il fatto che non conosciamo veramente la natura ultima e fondamentale di queste ultime due. Tuttavia, anche se togliessi ogni singolo quanto di energia, rimuovendolo in qualche modo completamente dall’Universo, non rimarresti con un Universo vuoto. L’Universo genererà sempre nuove forme di energia.

Com’è possibile? È come se l’Universo stesso non capisse affatto la nostra idea di “nulla”; se dovessimo rimuovere tutti i quanti di energia dal nostro Universo, lasciando dietro di noi solo spazio vuoto, ci aspetteremmo che l’Universo sarebbe allo zero assoluto: senza particelle energetiche da trovare da nessuna parte. Eppure non è affatto così. Non importa quanto “vuoto” rendiamo artificialmente l’Universo in espansione, il fatto che si stia espandendo genererebbe comunque spontaneamente e inevitabilmente radiazioni. Anche arbitrariamente lontano nel futuro, o fino a prima del caldo Big Bang, l’Universo non è stato e non sarà mai veramente vuoto. Ecco la scienza del perché.

epoche cosmiche guardare indietro hubble 13,8 miliardi
Nelle vicinanze, le stelle e le galassie che vediamo assomigliano molto alle nostre. Ma se guardiamo più lontano, vediamo l’Universo com’era in un lontano passato: meno strutturato, più caldo, più giovane e meno evoluto. In molti modi, ci sono limiti a quanto lontano possiamo vedere nell’Universo. Credito : NASA/ESA/STScI/A. Campo

Qui nel nostro Universo oggi, è molto chiaro che lo spazio è tutt’altro che vuoto. In ogni direzione in cui guardiamo, vediamo:

  • stelle,
  • gas,
  • polvere,
  • altre galassie,
  • ammassi di galassie,
  • quasar,
  • particelle cosmiche ad alta energia (note come raggi cosmici),
  • e la radiazione, sia dalla luce delle stelle che dal Big Bang stesso.

Se avessimo “occhi” migliori, vale a dire strumenti superiori a nostra disposizione, potremmo anche rilevare i segnali che sappiamo dovrebbero essere là fuori, ma che non possono essere rilevati con la tecnologia attuale. Vedremmo onde gravitazionali da ogni massa che sta accelerando attraverso un campo gravitazionale variabile. “Vedremmo” tutto ciò che è responsabile della materia oscura, piuttosto che semplicemente i suoi effetti gravitazionali. E vedremmo buchi neri, sia attivi che quiescenti, piuttosto che semplicemente quelli che emettono la maggior quantità di radiazioni.

planck prima mappa del cielo
La prima mappa completa del cielo rilasciata dalla collaborazione Planck rivela alcune sorgenti extragalattiche con il fondo cosmico a microonde al di là di essa, ma è dominata dalle emissioni a microonde in primo piano della materia della nostra galassia: principalmente sotto forma di polvere. Rivelare tutta la materia nell’Universo non ci mostrerà ancora tutto. Credito : Planck Collaboration/ESA, HFI e LFI Consortium

Tutto ciò che vediamo non sta semplicemente accadendo in un Universo statico, ma piuttosto in un Universo che si sta evolvendo nel tempo. Ciò che è particolarmente interessante da un punto di vista fisico è come il nostro Universo si sta evolvendo. Su scala globale, il tessuto del nostro Universo – lo spaziotempo – è in fase di espansione, vale a dire che se metti due “punti” ben separati nel tuo spaziotempo, scoprirai che:

  • la distanza (misurata da un osservatore in uno dei punti) tra quei punti,
  • il tempo di viaggio della luce tra quei punti,
  • e la lunghezza d’onda della luce che viaggia da un punto all’altro,

aumenteranno tutti nel tempo. L’Universo non si sta solo espandendo, ma si sta anche raffreddando contemporaneamente come risultato dell’espansione. Man mano che la luce si sposta su lunghezze d’onda maggiori, si sposta anche verso energie inferiori e temperature più fredde; l’Universo era più caldo in passato e sarà ancora più freddo in futuro. E, nonostante tutto, gli oggetti con massa e/o energia nell’Universo gravitano, ammassandosi e raggruppandosi insieme per formare una grande rete cosmica.



fetta di ragnatela cosmica di simulazione del millennio
Nella cosmologia moderna, una rete su larga scala di materia oscura e materia normale permea l’Universo. Sulla scala delle singole galassie e più piccole, le strutture formate dalla materia sono altamente non lineari, con densità che si discostano dalla densità media di quantità enormi. Su scale molto grandi, tuttavia, la densità di qualsiasi regione dello spazio è molto vicina alla densità media: con una precisione di circa il 99,99%. Credito : The Millennium Simulation, V. Springel et al.

Se potessi in qualche modo eliminare tutto – tutta la materia, tutte le radiazioni, ogni singolo quanto di energia – cosa rimarrebbe?

In un certo senso, avresti solo lo spazio vuoto stesso: ancora in espansione, ancora con le leggi della fisica intatte e ancora con l’incapacità di sfuggire ai campi quantistici che permeano l’Universo. Questo è il massimo che puoi ottenere, fisicamente, a un vero stato di “nulla”, eppure ha ancora regole fisiche a cui deve obbedire. Per un fisico in questo Universo, rimuovere qualsiasi altra cosa creerà uno stato non fisico che non descrive più il cosmo in cui abitiamo.

Ciò significa, in particolare, che ciò che oggi percepiamo come “energia oscura” esisterebbe ancora in questo “Universo di nulla” che stiamo immaginando. In teoria, puoi prendere ogni campo quantico nell’Universo e metterlo nella sua configurazione a più bassa energia. Se lo fai, raggiungeresti quella che chiamiamo “energia di punto zero” dello spazio, il che significa che non potrà mai più essere prelevata da esso e utilizzata per eseguire qualche tipo di lavoro meccanico. In un Universo con energia oscura, una costante cosmologica o l’energia di punto zero dei campi quantistici, non c’è motivo di dedurre che l’energia di punto zero sarebbe effettivamente zero.

energia oscura
Mentre la materia (sia normale che oscura) e la radiazione diventano meno dense man mano che l’Universo si espande a causa del suo volume crescente, l’energia oscura, e anche l’energia del campo durante l’inflazione, è una forma di energia inerente allo spazio stesso. Man mano che viene creato nuovo spazio nell’Universo in espansione, la densità di energia oscura rimane costante. Credito : E. Siegel/Oltre la Galassia

Nel nostro Universo, infatti, si osserva che ha un valore finito ma positivo: un valore che corrisponde a una densità di energia di circa ~1 GeV (circa l’energia di massa a riposo di un protone) per metro cubo di spazio. Questa è una quantità tremendamente piccola di energia, naturalmente. Se prendessi l’energia insita in un singolo corpo umano – in gran parte dalla massa dei tuoi atomi – e la diffondessi in modo da avere la stessa densità di energia dell’energia del punto zero dello spazio, scopriresti di occupare tanto spazio quanto una sfera all’incirca del volume del Sole!

In un futuro molto lontano, tra googol di anni, l’Universo si comporterà come se questa energia di punto zero fosse l’unica cosa rimasta al suo interno. Le stelle si spegneranno tutte; i cadaveri di queste stelle irradieranno tutto il loro calore e si raffredderanno fino allo zero assoluto; i resti stellari interagiranno gravitazionalmente, espellendo la maggior parte degli oggetti nello spazio intergalattico, mentre i pochi buchi neri rimasti raggiungeranno dimensioni enormi. Alla fine, anche loro si decomporranno a causa delle radiazioni di Hawking, ed è qui che la storia diventa davvero interessante.

buco nero
Un’illustrazione dello spaziotempo fortemente curvo, al di fuori dell’orizzonte degli eventi di un buco nero. Man mano che ti avvicini sempre di più alla posizione della massa, lo spazio diventa più fortemente curvo, portando infine a un luogo dall’interno dal quale nemmeno la luce può sfuggire: l’orizzonte degli eventi. Credito : JohnsonMartin/Pixabay

L’idea che i buchi neri decadano potrebbe essere giustamente ricordata come il contributo più importante di Stephen Hawking alla scienza, ma contiene alcune importanti lezioni che vanno ben oltre i buchi neri. I buchi neri hanno quello che viene chiamato un orizzonte degli eventi: una regione in cui una volta che qualcosa del nostro Universo attraversa questa superficie immaginaria, non possiamo più ricevere segnali da essa. Tipicamente, pensiamo ai buchi neri come al volume all’interno dell’orizzonte degli eventi: la regione da cui nulla, nemmeno la luce, può sfuggire. Ma se gli dai abbastanza tempo, questi buchi neri evaporeranno completamente.

Perché questi buchi neri evaporano? Perché irradiano energia e quell’energia viene prelevata dalla massa del buco nero, convertendo la massa in energia tramite  E = mc² di Einstein. Vicino all’orizzonte degli eventi, lo spazio è più fortemente curvo; più lontano dall’orizzonte degli eventi, è meno curvo. Questa differenza di curvatura corrisponde a un disaccordo su cosa sia l’energia di punto zero dello spazio. Qualcuno vicino all’orizzonte degli eventi vedrà che il suo “spazio vuoto” è diverso dallo “spazio vuoto” di qualcuno più lontano, e questo è un problema perché i campi quantistici, almeno per come li intendiamo noi, sono continui e occupano tutto lo spazio.

visualizzazione della teoria quantistica dei campi
Visualizzazione di un calcolo della teoria quantistica dei campi che mostra particelle virtuali nel vuoto quantistico. Anche nello spazio vuoto, questa energia del vuoto è diversa da zero, ma senza specifiche condizioni al contorno, le proprietà delle singole particelle non saranno vincolate. Nello spazio curvo, il vuoto quantistico differisce dallo spazio piatto. Attestazione : Derek Leinweber

La cosa fondamentale da capire è che se ti trovi in ​​qualsiasi luogo al di fuori dell’orizzonte degli eventi, c’è almeno un possibile percorso che la luce potrebbe intraprendere per viaggiare verso qualsiasi altro luogo che sia anche al di fuori dell’orizzonte degli eventi. La differenza nell’energia di punto zero dello spazio tra queste due posizioni ci dice, come dedotto per la prima volta nell’articolo di Hawking del 1974, che la radiazione sarà emessa dalla regione attorno al buco nero, dove lo spazio è maggiormente curvo.

La presenza  dell’orizzonte degli eventi del buco nero  è una caratteristica importante, in quanto significa che l’energia necessaria per produrre la radiazione attorno a questo buco nero deve provenire dalla massa, tramite E = mc² di Einstein, del buco nero stesso (sebbene alcuni abbiano sostenuto, in modo convincente, che potrebbe essere possibile produrre questa radiazione senza un orizzonte degli eventi). Inoltre, lo spettro della radiazione è un corpo nero perfetto con la sua temperatura impostata dalla massa del buco nero: le masse inferiori sono più calde e più pesanti le masse sono più fredde.

L’Universo in espansione, ovviamente, non ha un orizzonte degli eventi, perché non è un buco nero. Tuttavia, ha qualcosa di analogo: un orizzonte cosmico. Se ti trovi in ​​un punto qualsiasi dello spaziotempo e consideri un osservatore in un’altra posizione nello spaziotempo, penseresti immediatamente: “Oh, ci deve essere almeno un possibile percorso che la luce potrebbe seguire per collegarmi a quest’altro osservatore“. Ma in un Universo in espansione, questo non è necessariamente vero. Dovete trovarvi abbastanza vicino l’uno all’altro in modo che l’espansione dello spaziotempo tra questi due punti non impedisca l’arrivo della luce emessa.

regioni dell'universo
In un Universo che finisce per essere dominato dall’energia oscura, ci sono quattro regioni: una dove tutto al suo interno è raggiungibile e osservabile, una dove tutto è osservabile ma irraggiungibile, una dove le cose un giorno saranno osservabili e una dove le cose non lo saranno mai. Questi numeri corrispondono alla nostra cosmologia di consenso all’inizio del 2023. Attestazione : Andrew Z. Colvin/Wikimedia Commons; annotazioni: E. Siegel

Nel nostro Universo attuale, ciò corrisponde a una distanza di circa 18 miliardi di anni luce. Se emettessimo luce in questo momento, qualsiasi osservatore entro 18 miliardi di anni luce da noi potrebbe eventualmente riceverla; chiunque fosse più lontano nonpotrebbe riceverla mai, a causa della continua espansione dell’Universo. Possiamo vedere più lontano di così perché molte fonti di luce sono state emesse molto tempo fa. La prima luce che sta arrivando in questo momento, 13,8 miliardi di anni dopo il Big Bang, proviene da un punto che si trova attualmente a circa 46 miliardi di anni luce di distanza. Se fossimo disposti ad aspettare un’eternità, alla fine riceveremmo luce da oggetti che sono attualmente lontani fino a ~ 61 miliardi di anni luce; questo è il limite ultimo.

Dal punto di vista di qualsiasi osservatore, esiste questo orizzonte cosmologico: un punto oltre il quale la comunicazione è impossibile, poiché l’espansione dello spazio impedirà agli osservatori in questi luoghi di scambiarsi segnali oltre un certo punto nel tempo.

E proprio come l’esistenza dell’orizzonte degli eventi di un buco nero porta alla creazione della radiazione di Hawking, anche l’esistenza di un orizzonte cosmologico, se devono essere rispettate le stesse leggi della fisica, deve creare radiazione. In questo caso, la previsione è che l’Universo sarà riempito da radiazioni straordinariamente a bassa energia la cui lunghezza d’onda è, in media, di dimensioni paragonabili all’orizzonte cosmico. Ciò si traduce in una temperatura di ~10 -30 K: trenta ordini di grandezza più deboli dell’attuale Fondo Cosmico a Microonde.

inizio del big bang inflazionistico
Le fluttuazioni quantistiche inerenti allo spazio, estese attraverso l’Universo durante l’inflazione cosmica, hanno dato origine alle fluttuazioni di densità impresse nel fondo cosmico a microonde, che a loro volta hanno dato origine alle stelle, alle galassie e ad altre strutture su larga scala nell’Universo di oggi. Questa è la migliore immagine che abbiamo di come si comporta l’intero Universo, dove l’inflazione precede e crea il Big Bang. Sfortunatamente, possiamo accedere solo alle informazioni contenute all’interno del nostro orizzonte cosmico, che fa tutte parte della stessa frazione di una regione in cui l’inflazione finì circa 13,8 miliardi di anni fa. Attestazione : E. Siegel; ESA/Planck e la task force interagenzia DOE/NASA/NSF sulla ricerca CMB

Mentre l’Universo continua ad espandersi e raffreddarsi, arriverà un momento nel lontano futuro in cui questa radiazione diventerà dominante su tutte le altre forme di materia e radiazione all’interno dell’Universo; solo l’energia oscura rimarrà una componente più dominante.

Ma c’è anche un altro momento nell’Universo – non nel futuro ma in un lontano passato – in cui l’Universo era dominato da qualcosa di diverso dalla materia e dalle radiazioni: durante l’inflazione cosmica. Prima che si verificasse il caldo Big Bang, il nostro Universo si stava espandendo a un ritmo enorme e inarrestabile. Invece di essere dominato dalla materia e dalle radiazioni, il nostro cosmo era dominato dall’energia del campo dell’inflazione: proprio come l’energia oscura di oggi, ma di molti ordini di grandezza maggiore in forza e velocità di espansione.

Sebbene l’inflazione abbia disteso l’Universo piatto e dilatato le particelle preesistenti l’una dall’altra, ciò non significa necessariamente che la temperatura si avvicini e asintoti allo zero assoluto in breve tempo. Invece, questa radiazione indotta dall’espansione, come conseguenza dell’orizzonte cosmologico, dovrebbe effettivamente raggiungere il picco nelle lunghezze d’onda dell’infrarosso, corrispondenti a una temperatura di circa ~100 K, o abbastanza calda da far bollire l’azoto liquido.

orizzonte degli eventi del buco nero
Proprio come un buco nero produce costantemente radiazioni termiche a bassa energia sotto forma di radiazione di Hawking al di fuori dell’orizzonte degli eventi, un Universo in accelerazione con energia oscura (sotto forma di una costante cosmologica) produrrà costantemente radiazioni in una forma completamente analoga: Unruh radiazione dovuta a un orizzonte cosmologico. Credito : Andrew Hamilton, JILA, Università del Colorado

Ciò significa che se mai volessi raffreddare l’Universo fino allo zero assoluto, dovresti interrompere completamente la sua espansione. Finché il tessuto dello spazio stesso ha una quantità di energia intrinseca diversa da zero, si espanderà. Finché l’Universo si espande inesorabilmente, ci saranno regioni separate da una distanza così grande che la luce, non importa quanto tempo aspettiamo, non sarà in grado di raggiungere una di queste regioni dall’altra. E finché certe regioni saranno irraggiungibili, avremo un orizzonte cosmologico nel nostro Universo e un bagno di radiazione termica a bassa energia che non potrà mai essere rimossa. Ciò che deve ancora essere determinato è se, proprio come la radiazione di Hawking significa che i buchi neri alla fine evaporeranno, questa forma di radiazione cosmica causerà fondamentalmente anche il decadimento dell’energia oscura del nostro Universo.

Non importa quanto chiaramente nella tua mente tu sia in grado di visualizzare un Universo vuoto con niente dentro, quell’immagine semplicemente non è conforme alla realtà. Insistere sul fatto che le leggi della fisica rimangano valide è sufficiente per eliminare l’idea di un Universo veramente vuoto. Finché l’energia esiste al suo interno – anche l’energia del punto zero del vuoto quantistico è sufficiente – ci sarà sempre qualche forma di radiazione che non potrà mai essere rimossa. L’Universo non è mai stato completamente vuoto, e fintanto che l’energia oscura non decadrà completamente, non lo sarà mai.

2