Da dove viene il concetto di viaggio nel tempo?

Molte storie di viaggio nel tempo sono state particolarmente amate grazie ad una macchina del tempo sorprendente, come la cabina blu della polizia del Dottore - il TARDIS - nella lunga serie della BBC "Doctor Who", o lo speedster di lusso in argento di "Ritorno al futuro", la DeLorean

0
2458
Da dove viene il concetto di viaggio nel tempo?
Da dove viene il concetto di viaggio nel tempo?

Il sogno del viaggio nel tempo è sia antico che universale. Ma da dove è iniziata la fascinazione dell’umanità per i viaggi nel tempo e perché l’idea è così attraente?

Il concetto di viaggio nel tempo, muoversi attraverso il tempo nel modo in cui ci muoviamo attraverso lo spazio tridimensionale, può in effetti essere collegato alla nostra percezione del tempo. I linguisti hanno riconosciuto che siamo essenzialmente incapaci di parlare di questioni temporali senza fare riferimento a quelle spaziali.

Nella lingua – qualsiasi lingua – non esistono due domini più intimamente collegati dello spazio e del tempo“, ha scritto il linguista israeliano Guy Deutscher nel suo libro del 2005 “The Unfolding of Language“.

 “Anche se non ne siamo sempre consapevoli, parliamo invariabilmente del tempo in termini di spazio, e questo riflette il fatto che pensiamo al tempo in termini di spazio“.

Deutscher ci ricorda che quando pensiamo di incontrare un amico “intorno” all’ora di pranzo, stiamo usando una metafora, poiché l’ora di pranzo non ha alcun lato fisico. Allo stesso modo sottolinea che il tempo non può letteralmente essere “lungo” o “corto” come un bastone, né “passare” come un treno, o persino andare “avanti” o “indietro” più di quanto non faccia lateralmente, in diagonale o in basso.

Forse a causa di questa connessione tra spazio e tempo, la possibilità che il tempo possa essere sperimentato in diversi modi e attraversato ha radici sorprendentemente ancestrali.



Uno dei primi esempi noti di viaggio nel tempo appare nel Mahabharata, un antico poema epico sanscrito compilato intorno al 400 a.C..  

Lisa Yaszek, professore di studi di fantascienza presso il Georgia Institute of Technology di Atlanta, ha spiegato a Live Science:

“Nel Mahabharata c’è una storia sul re Kakudmi, che visse milioni di anni fa e cercò un marito adatto per la sua bella e abile figlia, Revati. I due viaggiano a casa del dio creatore Brahma per chiedere consigli”. 

Ma mentre si trovano nel piano dell’esistenza di Brahma, devono aspettare che il dio ascolti una canzone di 20 minuti, dopo di che Brahma spiega che il tempo si muove diversamente nei cieli che sulla Terra”. 

Si è scoperto che “27 chatur-yugas” erano passati, o più di 116 milioni di anni, secondo un sommario online, e quindi tutti quelli che Kakudmi e Revati avevano mai conosciuto, compresi membri della famiglia e potenziali pretendenti, erano morti. Dopo questo shock, la storia si chiude con un lieto fine in quanto Revati è promessa sposa di Balarama, fratello gemello della divinità Krishna”.

Il tempo è fugace

Per Yaszek, il racconto fornisce un esempio di ciò che ora chiamiamo dilatazione del tempo, in cui diversi osservatori misurano diverse lunghezze di tempo in base ai loro relativi quadri di riferimento, una parte della teoria della relatività di Einstein.

Storie di questo tipo sono diffuse in tutto il mondo, ha detto Yaszek, citando una storia mediorientale del primo secolo a.C. su un miracoloso ebreo che dorme sotto un carrubo appena piantato e si sveglia 70 anni dopo per scoprire che è ormai maturato e ha fatto i frutti (i carrubi sono noti per quanto tempo impiegano a produrre il loro primo raccolto).

Un altro esempio può essere trovato in una favola giapponese dell’ottavo secolo su un pescatore di nome Urashima Tarō che si reca in un palazzo sottomarino e si innamora di una principessa. Tarō, quando torna a casa, scopre che sono passati 100 anni. Il racconto è stato pubblicato online dall’Università della Florida del sud.

Nell’era moderna, tra il 1700 e il 1800, la versione del racconto del viaggio nel tempo divenne più popolare. Esempi includono la classica storia di Rip Van Winkle, nonché libri come il romanzo utopico di Edward Belamy del 1888 “Looking Backwards“, in cui un uomo si sveglia nel 2000, e il romanzo di HG Wells del 1899 “The Sleeper Awakes“, che parla di un uomo che dorme per secoli e si sveglia in una Londra completamente trasformata.

In altre storie di questo periodo, anche le persone iniziano a muoversi indietro nel tempo. Nella satira di Mark Twain del 1889 “Un americano alla corte di re Artù“, un colpo alla testa spinge un ingegnere a tornare al regno del leggendario monarca britannico.

Cominciano ad apparire anche oggetti capaci di inviare qualcuno lungo il corso del tempo, principalmente orologi, come nella fantasia per bambini di Lewis Carrol del 1889 “Sylvie e Bruno“, dove i personaggi possiedono un orologio che è un tipo di macchina per il viaggio nel tempo.

L’esplosione di queste storie potrebbe derivare dal fatto che la gente “stava iniziando a standardizzare il tempo e ad orientarsi più frequentemente con gli orologi“, spiega Yaszek.

Di volta in volta

H. G. Wells fornì una delle trame di viaggio nel tempo più suggestive nel suo romanzo del 1895, che conteneva l’innovazione di un’imbarcazione che può spostarsi avanti e indietro attraverso lunghi periodi di spazio temporale. “Questo succede quando cominciamo ad usare motori a vapore, treni e le prime automobili“, spiega Yaszek.

Ritengo che non sia una sorpresa che Wells improvvisamente pensi: ‘Ehi, forse possiamo usare un veicolo per un viaggio nel tempo‘”.

Poiché è un’icona visiva così ricca, molte storie di viaggi nel tempo sono state particolarmente amate grazie ad una macchina del tempo sorprendente, come la cabina blu della polizia del Dottore – il TARDIS – nella lunga serie della BBC “Doctor Who“, e lo speedster di lusso in argento di “Ritorno al futuro“, la DeLorean.

Più recentemente, il viaggio nel tempo è stato utilizzato per esaminare la nostra relazione con il passato, in particolare in pezzi scritti da donne e persone di colore. Il romanzo di Octavia Butler del 1979 “Kindred” su una donna moderna che visita i suoi antenati prima della guerra civile è “una storia meravigliosa che ci chiede davvero di ripensare le relazioni in bianco e nero attraverso la storia“, ha detto. 

E una serie web contemporanea intitolata “Send Me” coinvolge un sensitivo afroamericano che può guidare le persone nel periodo precedente alla guerra civile americana e assistere alla schiavitù.

Sono davvero entusiasta di storie del genere“, ha detto Yaszek. “Ci aiutano a rivedere la storia da nuove prospettive“.

Il genere ha trovato casa in una grande varietà di generi e media, tra cui commedie come “Groundhog Day“, nonché videogiochi come “The Legend of Zelda: Majora’s Mask” di Nintendo.

Yaszek ha suggerito che questa malleabilità e ubiquità parlano della capacità dei racconti di viaggio nel tempo di offrire una via di fuga dalla nostra realtà normale. “Ci lasciano immaginare che possiamo liberarci dalla morsa del tempo lineare“, ha detto. “E in qualche modo ottenere una nuova prospettiva sull’esperienza umana, la nostra o l’umanità nel suo insieme, e penso che sia davvero emozionante per noi“.

Il fatto che le persone moderne siano spesso attratte dalle storie delle macchine del tempo, in particolare, potrebbe riflettere il fatto che viviamo in un mondo tecnologico.

Tuttavia, il fascino del viaggio nel tempo ha certamente radici più profonde, intrecciate nel tessuto stesso della nostra lingua e che appaiono in alcune delle nostre prime immaginazioni.

Penso che sia un modo per dare un senso a ciò che altrimenti è intangibile e inspiegabile, perché è difficile cogliere il tempo“, spiega Yaszek. “Questa è una delle ultime frontiere, la frontiera del tempo, della vita e della morte. E stiamo tutti andando avanti, viaggiamo tutti attraverso il tempo“.

2