Una nuova fonte inaspettata di onde gravitazionali – video

Finora, le onde gravitazionali sono state rilevate solo dagli astrofisici da sistemi binari: la fusione di due buchi neri, due stelle di neutroni o una di ciascuno. In teoria, dovrebbe essere possibile rilevare le onde gravitazionali emanate da una sorgente solitaria e non binaria, ma tali segnali sfuggenti devono ancora essere scoperti.

I ricercatori della Northwestern University ora propongono che questi segnali sfuggenti possano essere cercati in un’area nuova, inaspettata e del tutto inesplorata: i bozzoli turbolenti ed energetici di detriti che circondano le stelle massicce morenti.

Per la prima volta in assoluto, i ricercatori hanno utilizzato simulazioni all’avanguardia per dimostrare che questi bozzoli possono emettere onde gravitazionali. E, a differenza dei getti di raggi gamma, le onde gravitazionali dei bozzoli dovrebbero essere all’interno della banda di frequenza che il Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory (LIGO) può rilevare.

“Ad oggi, LIGO ha rilevato solo onde gravitazionali da sistemi binari, ma un giorno rileverà la prima fonte non binaria di onde gravitazionali”, ha affermato Ore Gottlieb della Northwestern, che ha guidato lo studio. “I bozzoli sono uno dei primi posti in cui dovremmo cercare questo tipo di fonte”.

Gottlieb ha recentemente presentato la ricerca durante una conferenza stampa virtuale al 242° meeting dell’American Astronomical Society.

La nuova fonte era “impossibile da ignorare”

Per condurre lo studio, Gottlieb ei suoi collaboratori hanno utilizzato nuove simulazioni all’avanguardia per modellare il collasso di una stella massiccia. Quando le stelle massicce collassano in buchi neri, possono creare potenti deflussi (o getti) di particelle che viaggiano vicino alla velocità della luce. Le simulazioni di Gottlieb hanno modellato questo processo, dal momento in cui la stella collassa in un buco nero fino alla fuga del getto.

Inizialmente, voleva vedere se il disco di accrescimento che si forma attorno a un buco nero potesse emettere onde gravitazionali rilevabili. Ma qualcosa di inaspettato continuava a emergere dai suoi dati.

“Quando ho calcolato le onde gravitazionali dalla vicinanza del buco nero, ho trovato un’altra fonte che interrompeva i miei calcoli: il bozzolo”, ha detto Gottlieb. “Ho cercato di ignorarlo. Ma ho scoperto che era impossibile ignorarlo. Poi ho capito che il bozzolo era un’interessante fonte di onde gravitazionali”, ha aggiunto.

Quando i getti si scontrano negli strati collassanti della stella morente, attorno al getto si forma una bolla, o un “bozzolo”. I bozzoli sono luoghi turbolenti, dove gas caldi e detriti si mescolano in modo casuale e si espandono in tutte le direzioni dal getto. Mentre la bolla energetica accelera dal getto, perturba lo spazio-tempo per creare un’increspatura di onde gravitazionali, ha spiegato Gottlieb.

“Un jet parte in profondità all’interno di una stella e poi si fa strada per scappare”, ha detto Gottlieb. “È come quando fai un buco nel muro. La punta del trapano rotante colpisce il muro e i detriti fuoriescono dal muro. La punta del trapano dà energia a quel materiale. Allo stesso modo, il getto colpisce la stella, provocando il riscaldamento e la fuoriuscita del materiale della stella. Questi detriti formano gli strati caldi di un bozzolo”, ha aggiunto.

Invito all’azione per guardare i bozzoli

Se i bozzoli generano onde gravitazionali, allora LIGO dovrebbe essere in grado di rilevarli nelle sue prossime corse. I ricercatori hanno in genere cercato onde gravitazionali a sorgente singola da lampi di raggi gamma o supernove, ma gli astrofisici dubitano che LIGO possa rilevarle.

“Sia i getti che le supernove sono esplosioni molto energetiche”, ha spiegato Gottlieb. “Ma possiamo rilevare onde gravitazionali solo da una frequenza più alta, esplosioni asimmetriche. Le supernove sono piuttosto sferiche e simmetriche, quindi le esplosioni sferiche non modificano la distribuzione equilibrata della massa nella stella per emettere onde gravitazionali. I lampi di raggi gamma durano dozzine di secondi, quindi la frequenza è molto piccola, inferiore alla banda di frequenza a cui LIGO è sensibile”.

Gottlieb ha chiesto agli astrofisici di reindirizzare la loro attenzione sui bozzoli, che sono sia asimmetrici che altamente energetici.

“Il nostro studio è un invito all’azione per la comunità a considerare i bozzoli come una fonte di onde gravitazionali”, ha detto. “Sappiamo anche che i bozzoli emettono radiazioni elettromagnetiche, quindi potrebbero essere eventi multi-messaggero. Studiandoli, potremmo saperne di più su ciò che accade nella parte più interna delle stelle, sulle proprietà dei getti e sulla loro prevalenza nelle esplosioni stellari”, ha concluso.

Fonte: The Astrophysical Journal Letters

Più letti nella settimana

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

In Tendenza

Come scegliere un centro di medicina estetica: i servizi e i requisiti fondamentali

Un centro di medicina estetica professionale e qualificato offre...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Misteriosa struttura sotterranea Maya scoperta in Messico

Gli archeologi di Campeche, in Messico, hanno trovato una...

TeraNet: laser spaziali per velocità internet 1000x

La 'TeraNet' della University of Western Australia, una rete...

Industria 4.0, il futuro è già qui

Ebbene sì, siamo in piena IV rivoluzione industriale, ovvero...

Articoli correlati

Popular Categories