Artemis III, missione lunare, quali sono gli obiettivi?

Presto l'uomo rimetterà piede sulla Luna, la missione Artemis III con equipaggio, si sta preparando all'evento e sarà un po' come rivivere l'emozione dell'Apollo 11. Ma cosa succederà stavolta sul satellite?

0
2056

La NASA ha finalmente rilasciato una carrellata di obiettivi scientifici per la missione Artemis III, tra cui la geologia sul campo, la raccolta e il ritorno dei campioni e diversi esperimenti che saranno effettuati per vedere il risultato  in un ambiente lunare.

Scoprire l’evoluzione della Luna

La scienza condotta in questa missione ha il potenziale per gettare più luce sull’evoluzione della Luna e le sue interazioni con il Sole, la Terra e altri corpi celesti. Potrebbe anche demistificare di più su come si è realmente formata la Luna o su come l’acqua e altri volatili (sostanze che possono facilmente vaporizzare) sono atterrati lì. Anche se Artemis III potrebbe non scoprire tutto, farà sicuramente più luce su diverse questioni.

L’augurio di Renee Weber, co-presidente di Artemis III

Volevamo mettere insieme ciò che era più convincente per la comunità scientifica sulla Luna con ciò che gli astronauti possono fare sulla superficie lunare e come i due possono rafforzarsi a vicenda“, ha detto Renee Weber, co-presidente di Artemis III Science Definition Team e capo scienziato presso il Marshall Space Flight Center della NASA, che ha guidato il rapporto ufficiale su ciò che avrà la priorità scientifica per gli astronauti Artemis.

A suo dire il duro lavoro del team garantirà che si è in grado di sfruttare il potenziale della missione Artemis III e che si può “imparare” dalla Luna come porta d’accesso al resto del sistema solare.

Sette obiettivi NASA sulla Luna

L’agenzia spaziale ha sette obiettivi che dovrebbero portare la scienza lunare al livello successivo. Mentre le missioni robotiche hanno restituito alcune scoperte sorprendenti, l’aggiunta dell’elemento umano può solo portare avanti le scoperte di quelle missioni.



Primo obiettivo, i processi geofisici

Il primo obiettivo della NASA è comprendere i processi geofisici avvenuti e in corso sulla Luna. Questo potrebbe illuminare di più su fenomeni come le antiche eruzioni vulcaniche.

Secondo obiettivo, l’acqua ghiacciata

L’obiettivo due approfondirà i volatili lunari ai poli, principalmente acqua ghiacciata, come un modo per guardare indietro nel tempo fino alla loro origine.

Terzo obiettivo, impatti tra la Terra e la Luna

Il terzo obiettivo è interpretare la storia degli impatti tra la Terra e la Luna: questa potrebbe potenzialmente essere l’ultima parola sul fatto che la Luna fosse una volta un pezzo del nostro pianeta o un planetoide che è stato catturato dalla gravità terrestre.

Quarto obiettivo, il Sole

Vedere il Sole da un punto di vista lunare è anche un vantaggio per il quarto obiettivo, che è guardare miliardi di anni nel passato, quando la nostra stella era giovane e il sistema solare era temperamentale. Allora le cose si scontravano continuamente. Ciò potrebbe essere correlato ad alcuni degli obiettivi precedenti perché gli asteroidi o le comete che trasportano acqua o altri elementi volatili probabilmente hanno colpito la Luna mentre gli oggetti hanno continuato a volare nel caos più totale per eoni.

Quinto obiettivo, Point Of View

Il quinto obiettivo utilizza anche l’esclusivo POV per osservare il nostro ambiente cosmico da qualche altra parte; immagina di capovolgere le posizioni e di guardare la Terra ogni notte invece della Luna.

Sesto obiettivo, esperimenti scientifici

In modo diverso, il sesto obiettivo è quello di portare a termine esperimenti scientifici sulla Luna per vedere cosa accadrebbe rispetto ai risultati sul pianeta natale.

Settimo obiettivo, l’esplorazione

L’obiettivo sei potrebbe anche aiutare con il settimo obiettivo, che è capire come esplorare con il minor rischio possibile. Ci vorrà davvero un po’di sperimentazione.

La polvere lunare

La polvere lunare è così abrasiva che gli astronauti dell’Apollo spesso si lamentavano di come si sarebbero consumati i loro stivali e la parte inferiore delle gambe delle loro tute spaziali, per non parlare del fatto che respirando accidentalmente dava ad alcuni di loro una tosse come nessun altro. La polvere lunare rappresenta anche un rischio per gli strumenti ipersensibili che potrebbero raggiungere alcuni degli altri obiettivi purché non siano danneggiati.

Poiché la luna non ha vento o acqua che scorre per erodere particelle del suo suolo come fa la Terra, rimangono pezzi di metallo affilati come rasoi mescolati con schegge di vetro che erano il sottoprodotto dell’attività vulcanica o fusione da collisioni di asteroidi.

La regolite lunare nasconde l’ossigeno

Almeno la regolite lunare nasconde l’ossigeno che gli astronauti, sia nelle missioni Artemis III che in quelle future, possono eventualmente estrarre sul posto e utilizzare sia per la respirazione che per il carburante per missili. Processi come questo potrebbero essere parte integrante delle missioni su Marte e dei viaggi nello spazio profondo se si può dimostrare che funzionano in modo coerente sulla Luna. Mentre il Lunar Gateway ha ancora alcuni anni prima che sia operativo, la NASA considera la Luna stessa una porta verso l’ultima frontiera.

Fonte: https://www.syfy.com/syfywire/science-first-artemis-astronauts-will-do-on-moon

2