Starliner pronta a partire con l’equipaggio verso l’ISS

Dopo anni di ritardi e diversi contrattempi durante i voli di prova, la navicella spaziale Starliner della Boeing è finalmente pronta per effettuare il suo lancio inaugurale con equipaggio.

Starliner

La navicella Starliner sarà lanciata con due astronauti a bordo

La missione si sta finalmente avvicinando al suo storico tentativo di lancio con equipaggio, con i funzionari della NASA che hanno dato il via libera al decollo alle 22:34 ET di lunedì 5 Maggio 2024. Starliner trasporterà Suni Williams e Butch Wilmore della NASA sulla Stazione Spaziale Internazionale, segnando quella che potrebbe essere una vittoria epocale e tanto attesa per l’assediato programma Boeing.

La progettazione e lo sviluppo sono difficili, in particolare per un veicolo spaziale che trasporterà esseri umani“, ha affermato Mark Nappi, vicepresidente e responsabile del programma Starliner presso Boeing.

Starliner

Ci sono una serie di cose che sono state scoperte lungo il percorso e che abbiamo dovuto risolvere. Certamente ha reso la squadra molto, molto forte. Sono molto orgoglioso di come hanno superato ogni singolo problema che abbiamo incontrato e ci hanno portato fino a questo punto“.

In caso di successo, lo Starliner si unirà alla navicella spaziale Crew Dragon di SpaceX nei viaggi di routine verso la stazione spaziale, mantenendo l’avamposto in orbita completamente attrezzato con astronauti della NASA e delle sue agenzie spaziali partner.

Uno scenario del genere, con sia la Crew Dragon che la Starliner che volano regolarmente, l’agenzia spaziale americana lo aspettava da tempo.

Il Commercial Crew Program della NASA

Questa è storia in divenire”, ha detto l’amministratore della NASA Bill Nelson dell’imminente missione Starliner durante una conferenza stampa del 22 marzo 2024: “Siamo ora nell’era d’oro dell’esplorazione spaziale”.

SpaceX e Boeing hanno sviluppato i rispettivi veicoli nell’ambito del Commercial Crew Program della NASA, una partnership con appaltatori del settore privato. Fin dall’inizio, l’agenzia spaziale statunitense ha mirato a far sì che entrambe le società operassero contemporaneamente.

La navicella spaziale Crew Dragon e Starliner fungerebbero ciascuna da backup per l’altra, dando agli astronauti la possibilità di continuare a volare, anche se problemi tecnici o altri contrattempi bloccassero una di esse.

La NASA inizialmente non aveva previsto, tuttavia, che il Crew Dragon di SpaceX avrebbe operato da solo per quasi quattro anni prima che la Starliner di Boeing raggiungesse il suo primo volo di prova con equipaggio.

Nei primi giorni del programma, che ha assegnato contratti a SpaceX e Boeing nel 2014, la NASA aveva favorito Boeing, un partner stretto risalente alla metà del 20° secolo, rispetto a SpaceX, che l’agenzia federale vedeva come un nuovo arrivato relativamente giovane.

Ancora nel 2016, la NASA stava pianificando il suo programma con l’idea che la navicella Starliner avrebbe battuto il Crew Dragon sulla rampa di lancio.

La corsa tra Boeing e SpaceX ha preso però una svolta decisiva nel 2020. Dei passi falsi hanno crivellato un volo di prova dello Starliner l’anno precedente, lasciando i funzionari della NASA e della Boeing a lavorare per capire cosa fosse andato storto.

La Starliner non ha attraccato alla stazione spaziale in quella missione a causa di problemi software, incluso un problema con l’orologio interno della navicella, che era fuori orario di 11 ore.

Nel frattempo, SpaceX ha fatto la storia nel maggio 2020 con il lancio del suo volo di prova Demo-2, trasportando gli astronauti Bob Behnken e Doug Hurley in una missione di due mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Da allora, la Crew Dragon di SpaceX ha effettuato viaggi di routine, trasportando astronauti della NASA e persino pagando clienti e turisti. La navicella spaziale ha finora effettuato 13 missioni con equipaggio in orbita.

Starliner

Boeing, tuttavia, ha passato diversi anni ad affrontare una serie di problematiche, incluso un elenco di difficoltà che sono stati rilevati nel 2022 durante il secondo volo di prova senza equipaggio della navicella.

Anche la divisione aerei commerciali della Boeing ha dovuto affrontare una serie imprevisti, tra cui la crisi del 737 Max e i recenti problemi di controllo qualità evidenziati dopo che un tappo della porta è saltato via durante un volo Alaska Airlines a gennaio 2024, che hanno danneggiato il marchio dell’azienda.

I funzionari della NASA a un certo punto del 2020 hanno persino ammesso di aver rivolto un maggiore controllo a SpaceX e ai suoi metodi non ortodossi, mentre i problemi con la Starliner di Boeing sono passati inosservati.

Forse non avevamo così tante persone coinvolte in quel processo come avremmo dovuto”, ha detto Steve Stich, responsabile del programma commerciale dell’equipaggio della NASA.

Quando un fornitore (SpaceX) ha un approccio più nuovo rispetto a un altro, è spesso naturale per un essere umano dedicare più tempo a quell’approccio più nuovo, e forse non ci siamo presi il tempo di cui avevamo bisogno con l’approccio più tradizionale (di Boeing)”.

Conclusioni

Nonostante il lungo percorso verso la piattaforma di lancio, le due persone al centro della prima missione con equipaggio della Starliner, Williams e Wilmore, due astronauti della NASA di lunga data, hanno detto quando sono arrivati al sito di lancio di essere più fiduciosi che mai.

Vogliamo che il grande pubblico pensi che sia facile, ma non lo è: è molto difficile“, ha spiegato Wilmore: “Non saremmo qui se non fossimo pronti. Siamo pronti. La navicella spaziale è pronta e anche le squadre sono pronte”. Wilmore ha aggiunto che non si aspetta che la navicella spaziale Starliner entri in “modalità di guasto”.

Starliner

se dovesse succedere qualcosa, poiché siamo tutti esseri umani, non possiamo costruire le cose perfettamente, abbiamo diverse modalità di downgrade“, ha specificato, riferendosi alle modalità che danno agli astronauti la capacità di assumere un maggiore controllo manuale sul veicolo spaziale se qualcosa non dovesse andare secondo i piani.

Williams ha osservato: “Non saremmo seduti qui se non ci sentissimo, e dicessimo alle nostre famiglie che ci sentiamo fiduciosi in questo veicolo spaziale e nelle nostre capacità di controllarlo”.

Ha poi concluso: “Ho tutta la fiducia non solo nelle nostre capacità e nelle capacità della navicella spaziale, ma anche nel nostro team di controllo della missione, che è pronto per l’impresa”.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

In Tendenza

La fisica cambia andando avanti o indietro nel tempo?

Le interazioni deboli violano la T-simmetria, dimostrando che le leggi della fisica non sono identiche se il tempo scorre avanti o indietro

Neutrini: nuovi metodi per calcolare il cambiamento di sapore

Un team di ricercatori sta sviluppando un nuovo metodo...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Perché le slot semplici saranno sempre popolari su Elabet?

Nonostante ogni mese ci siano decine, o addirittura centinaia...

In che modo lo spray anti-THC garantisce la tua tranquillità?

La cannabis è diventata un argomento di preoccupazione per...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Parigi 2024: l’AI al servizio dei giochi olimpici

Intel e il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) hanno siglato...

Titano: i suoi mari di idrocarburi indicano processi geologici e metereologici in atto

I ricercatori della Cornell University hanno utilizzato i dati...

Articoli correlati

Popular Categories