Le missioni spaziali della Cina preoccupano gli Usa

Mentre la Cina si introduce nella competizione strategica con gli Stati Uniti, accendendo vere e proprie ostilità con altri vicini regionali, l’allarme di Washington per il ritmo del suo progresso nello Spazio sta diventando sempre più forte.

Luna, Marte e oltre. Il programma spaziale cinese per i prossimi 15 anni, Cina

Le ambizioni spaziali della Cina

Pechino non ha nascosto le sue ambizioni e una serie di recenti missioni spaziali di successo hanno dimostrato che la retorica del Governo è supportata dai progressi tecnologici.

Venerdì tre maggio 2024, la Cina ha lanciato una navicella spaziale robotica in un viaggio di andata e ritorno verso il lato nascosto della Luna, in una missione tecnicamente impegnativa che aprirà la strada all’atterraggio inaugurale cinese con equipaggio e ad una base sul polo sud lunare. Il Chang’e-6 mira a riportare campioni dal lato della Luna che è permanentemente rivolto lontano dalla Terra.

All’inizio della prima settimana di maggio 2024, è stato lanciato lo Shenzhou-18, l’ultima missione spaziale con personale di Pechino verso la stazione spaziale Tiangong, sviluppata dopo che la Cina è stata esclusa dalla Stazione Spaziale Internazionale.

basecinese

Insieme ai tre taikonauti, faceva parte dell’equipaggio anche un pesce vivo, soprannominato “il quarto membro dell’equipaggio”. Il pesce zebra fa parte di un esperimento volto a testare la vitalità di un grande ecosistema chiuso, che coinvolge pesci e alghe, per aiutare le persone a vivere nello Spazio per lunghi periodi.

I timori degli Stati Uniti

La raccolta di campioni lunari e la vitalità del pesce zebra non sono l’unico obiettivo del settore spaziale cinese. Il ritmo delle ambizioni della Cina ha suscitato preoccupazione da parte del principale rivale del Governo, gli Stati Uniti, per le intenzioni geopolitiche di Pechino in quella che il capo della Nasa ha definito una nuova “corsa allo Spazio”.

La settimana scorsa il capo della NASA, Bill Nelson, ha affermato che gli Stati Uniti e la Cina erano “in effetti, in una corsa” per tornare sulla Luna, e temeva che Pechino volesse avanzare rivendicazioni territoriali: “Crediamo che gran parte del loro cosiddetto programma spaziale civile sia un programma militare”, ha detto ai legislatori statunitensi.

Missione Artemis

Ci sono preoccupazioni per lo sviluppo da parte della Cina di armi antispaziali, compresi missili che possono colpire i satelliti e veicoli spaziali che possono tirare i satelliti fuori dall’orbita.

A livello geopolitico, le ambizioni spaziali della Cina sollevano interrogativi su come potrebbe sfruttare le sue capacità spaziali per promuovere i suoi interessi politici e militari regionali e nazionali”, ha affermato la dott.ssa Svetla Ben-Itzhak, vicedirettore del West Space Scholars Program della Johns Hopkins University.

Il generale Stephen Whiting del Comando spaziale americano, ha detto ai giornalisti che i progressi della Cina erano “motivo di preoccupazione“, sottolineando che aveva triplicato il numero di satelliti spia in orbita negli ultimi sei anni.

Gli Stati Uniti e la Cina sono effettivamente in corsa, ha spiegato il Professor Kazuto Suzuki, della Graduate School of Public Policy dell’Università di Tokyo, ma non si tratta semplicemente di mettere i piedi sulla Luna come durante la guerra fredda. Si tratta piuttosto di trovare e controllare le risorse, come l’acqua.

“È una gara a chi ha migliori capacità tecniche. Pechino sta rapidamente recuperando terreno. Il ritmo dello sviluppo tecnologico cinese è l’elemento minaccioso per gli Stati Uniti”, ha aggiunto, sostenendo che gli accordi internazionali non consentono l’appropriazione nazionale delle risorse sulla Luna, ma in realtà “È il selvaggio, selvaggio west”.

In generale la Cina vuole essere la prima, quindi ha il diritto di dominare e monopolizzare le risorse. Se hai le risorse in mano, hai un enorme vantaggio nel futuro dell’esplorazione spaziale”.

I due Paesi stanno guidando lo sviluppo di programmi spaziali separati per la Luna. Il programma Artemis portato avanti dagli Stati Uniti include piani per un “Lunar Gateway”, una stazione in orbita attorno alla Luna come hub di comunicazione e alloggio per gli astronauti, e un laboratorio scientifico. Gli americani, tuttavia: “Non sono così interessati a possedere la Luna perché ci sono stati”, ha dichiarato Suzuki.

La differenza di struttura tra il lato visibile ed il lato lontano della Luna

Sanno che non è proprio un posto abitabile, sono più interessati a Marte. Quindi per loro il Lunar Gateway è una sorta di stazione di servizio per il viaggio verso Marte”. Se il programma Artemis riuscisse a estrarre l’acqua dalla Luna, questa potrebbe essere elaborata per creare carburante per missili dall’idrogeno e dall’ossigeno.

Al contrario, Cina e Russia hanno annunciato nel 2021 piani congiunti per costruire una stazione di ricerca condivisa sulla superficie della Luna. La Stazione Internazionale di Ricerca Lunare (ILRS) sarebbe aperta a tutte le parti internazionali interessate, hanno affermato. Tuttavia, gli Stati Uniti difficilmente sarebbero tra questi, date le loro scarse relazioni sia con Pechino che con la Russia.

Conclusioni

Suzuki ha specificato che la stazione sino-russa “dovrebbe servire come la stazione di ricerca in Antartide”, che rientra nelle regole dei trattati spaziali internazionali: “Ma se si scopre che si tratta di una stazione su cui basare le proprie rivendicazioni territoriali, allora questo è contro le regole”.

Gli Stati Uniti stanno raccogliendo alleati per garantire che la Cina non vinca la corsa allo Spazio. All’inizio di maggio 2024, non molto tempo dopo che aveva annunciato l’intenzione di far sbarcare una persona sulla Luna, il Presidente statunitense Joe Biden e il suo omologo giapponese Fumio Kishida si sono impegnati a inviare un astronauta dal Giappone sulla Luna nelle missioni Artemis della Nasa nel 2028 e successivamente nel 2032.

L'equipaggio di Artemis 2 è stato invitato a visitare SpaceX

Anche la Pechino sta raccogliendo alleati. Ha partnership o partecipazioni finanziarie in progetti in Medio Oriente e America Latina e circa una dozzina di membri internazionali per il suo ILRS. Ben-Itzhak ha però notato che ci sono alcune appartenenze che si sovrappongono. Inoltre: “Nessuno dei due blocchi ha finora istituito pratiche di esclusione, il che è promettente”.

Ben-Itzhak ha affermato che gli Stati Uniti e la Cina sono effettivamente impegnati in una corsa, ma il termine non cattura pienamente: “Le dinamiche complesse e sfumate che si stanno attualmente svolgendo nello Spazio, in termini di numero diversificato e crescente di attori e iniziative, e nessuna chiara obiettivo finale in vista”.

La vera sfida nello Spazio non consiste solo nel raggiungere un traguardo specifico, come piantare bandiere o raccogliere rocce. Si tratta di stabilire una presenza sostenibile e resiliente in un ambiente incredibilmente stimolante. Questa è una prova contro le nostre stesse capacità”.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

In Tendenza

Titano: i suoi mari di idrocarburi indicano processi geologici e metereologici in atto

I ricercatori della Cornell University hanno utilizzato i dati...

Olimpiadi di Parigi 2024: caldo record, atleti a rischio

Le Olimpiadi di Parigi 2024 si stanno avvicinando rapidamente,...

Parigi 2024: l’AI al servizio dei giochi olimpici

Intel e il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) hanno siglato...

Offerte Amazon di oggi: mini frigo portatili super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi vorrei proporti i...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Deserto di Atacama: miracoloso evento dopo ben 10 anni

Il deserto di Atacama, situato nel nord del Cile,...

Articoli correlati

Popular Categories